Narrativa straniera Romanzi La fantastica storia dell'ottantunenne investito dal camioncino del latte
 

La fantastica storia dell'ottantunenne investito dal camioncino del latte La fantastica storia dell'ottantunenne investito dal camioncino del latte

La fantastica storia dell'ottantunenne investito dal camioncino del latte

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Frank, neo-ottantunenne, abita con il gatto Bibì in una tipica cittadina inglese; colleziona dvd, sperpera i suoi pochi denari alle fiere parrocchiali e tenta disperatamente di evitare gli scocciatori che bussano alla sua porta. Prima era abbastanza in gamba per riempire decorosamente le sue giornate, ma ora con un braccio e un piede fratturati, la vita gli appare decisamente grigia. Fino a quando non fa irruzione nel suo tran-tran Kelly Natale, professione assistente a domicilio. Con la sua utilitaria azzurra, un parcheggio da far rizzare i capelli in testa, una serena tenacia e la risata pronta, Kelly trasforma la vita di Frank. E gli ricorda che fuori dei muri di casa c'è un mondo avventuroso per chiunque, anche per chi ha ottantun anni.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La fantastica storia dell'ottantunenne investito dal camioncino del latte 2015-11-02 17:55:52 Fr@
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    02 Novembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si è mai troppo anziani per emozionarsi

Lo ammetto: quando ho deciso di leggere questo romanzo non mi sono interessata alla trama.
Mi è bastato leggere il titolo e guardare la copertina per decidere di prenderlo.
Cosa mi aspettavo da un romanzo con un titolo del genere?
Cosa mi aspettavo da un romanzo con una copertina tanto particolare?
La mia speranza era di trovare un libro ironico, magari anche tenero e a tratti commovente.
Purtroppo i miei desideri si sono avverati solo in parte.

“La fantastica storia dell’ottantunenne investito dal camioncino del latte” è il romanzo d’esordio del musicista inglese J.B. Morrison.
Il protagonista della storia è Frank Derrick, un vecchietto che trascorre le giornate in una casa a due piani, in una tipica cittadina inglese, in compagnia del suo gatto Bibì.
Frank ha perso la moglie anni prima e, a parte il gatto, è rimasto solo dato che la figlia si è trasferita negli Stati Uniti ed è da molto tempo che non torna in Inghilterra per trovarlo.
Le giornate trascorrono tutte uguali: Frank guarda molti film, a volte esce per andare a comprare qualche oggetto a un mercatino dell’usato, cerca in tutti i modi di evitare i venditori porta a porta, va a dormire presto e si sveglia ancora più presto per contare gli aerei che decollano dall’aeroporto vicino a dove vive.
Però, nel giorno del suo ottantunesimo compleanno, Frank viene investito da un camioncino del latte (“Nel giorno del suo ottantunesimo compleanno, Frank Derrick fu investito dal furgone del lattaio. Avrebbe preferito un buono per l’acquisto di un libro o un paio di gemelli per la camicia, ma è il pensiero che conta”). Con un braccio rotto e una gamba fratturata, Frank torna a casa dall’ospedale e scopre che la figlia ha deciso di pagargli un’infermiera che lo possa aiutare a casa una volta a settimana.
E’ così che irrompe nella tranquilla vita di Frank la giovane infermiera Kelly Natale.
Dopo la sua conoscenza Frank non sarà più lo stesso.

Frank è un personaggio “bizzarro”: è scorbutico, orgoglioso, testardo. Tuttavia il lettore è portato a provare affetto per il protagonista. L’intera storia ruota intorno a Frank: ci sono pochi personaggi secondari e tutto ciò che fanno (o hanno fatto) ha comunque importanza solo perché in qualche modo influisce su Frank e la sua vita.
Questo vecchietto dai lunghi capelli bianchi ha sempre la battuta pronta e, qualche risata, a volte, riesce anche a strapparla. Divertenti sono i continui riferimenti a film conosciuti ai quali Frank paragona ciò che fa o ciò che gli capita; divertenti sono anche i tentativi di Frank di piacere a Kelly.

Eppure, dietro questa maschera di simpatia, si nasconde un uomo solo.
Infatti, credo che il vero tema centrale dell’opera sia la condizione di solitudine degli anziani ai giorni nostri. Grazie all’ironia, l’autore è riuscito a presentare il tema dell’abbandono degli anziani nella nostra società. Un tema che spesso si tende a dimenticare o a far finta che non sia un problema ma, che in realtà, è una questione triste e dolorosa.
La gioia con cui Frank attende il giorno della settimana in cui Kelly viene a fargli visita è quasi infantile, testimonianza che con la vecchiaia non si perde il desiderio di voler provare forti emozioni.

Nel complesso“La fantastica storia dell’ottantunenne investito dal camioncino del latte” si rivela un bel libro anche se non bisogna aspettarsi una storia “strappalacrime” o troppo emozionante.
A pensarci bene, in alcuni punti la narrazione potrebbe anche apparire piatta, noiosa.
Per di più, penso a causa di alcuni problemi nella traduzione, si può perdere il filo del discorso e, diverse volte, ho dovuto rileggere alcuni passaggi perché non riuscivo bene a capire cosa l’autore volesse veramente esprimere.
Non ci sono colpi di scena: è un libro “normale”, come potrebbe essere normale la vita di un anziano che racconta chi è stato e chi vorrebbe essere.
Quindi, che dire se non “Buona lettura”? :)

“Perché sempre loro? si chiese Frank. Perché i giovani devono detenere il monopolio di qualsiasi stupido atto di teppismo? Perché nessuno di noi può divertirsi a fracassare una cabina del telefono o riempire di graffiti una panchina del parco, almeno di tanto in tanto? Perché la colpa deve essere dei ragazzini? […] Annoiati. Ah. Sul serio. Annoiati. Neanche conoscevano il significato preciso della parola. […] Annoiati di che cosa? Disponevano di scivoli, altalene e videogiochi. Potevano giocare a pallone e ad acchiapparella. Potevano correre, saltare, balzare, lanciarsi in alto, fare capriole e giravolte. Prendersi a pugni. Masticare la gomma. Avevano canali tivù apposta per loro e milioni di programmi radiofonici. Avevano internet, biciclette, cellulari e skateboard. Se erano davvero tanto annoiati, avrebbero dovuto provare a stare seduti in poltrona da soli per centinaia e centinaia di pomeriggi, guardando le repliche della Signora in giallo. Così si sarebbe risolta la questione. Gli anziani sarebbero stati giustificati a spaccare tutto, non i ragazzini”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto "Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve" o altri romanzi in cui i protagonisti sono anziani che sono in grado di compiere incredibili azioni.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Carne e sangue
Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare