Narrativa straniera Romanzi La grande amica
 

La grande amica La grande amica

La grande amica

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Due amiche. Un’estate. Un inganno. Quando Miriam parte per la sua prima esperienza via da casa, un lavoro estivo in un albergo sul mare, crede di allontanarsi solo di pochi chilometri. Ma Marie-Thérèse, con cui condividerà una stanza, il lavoro e le sue prime avventure «da adulta», la condurrà molto più lontano dalla sua vecchia vita, e da se stessa. Di qualche anno più grande, bella, disinvolta, infinitamente più esperta, diventa la sua guida, la sua alleata, in poche parole la sua prima, vera migliore amica. Da un’inattesa serata al pub a un’indimenticabile vacanza in Cinquecento, Miriam spiega finalmente le ali. Ma volare significa anche poter cadere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La grande amica 2021-04-21 09:34:40 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    21 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il contrappasso

Breve storia di due giovani donne che si conoscono un’estate. Una delle due è una santarellina, l’altra molto più navigata. La prima prova un’ammirazione profonda per la seconda, che, in quest’estate irlandese, le fa scoprire tanti aspetti della vita a lei prima sconosciuti, permettendole di fare le esperienze nuove ed emozionanti in cui è normale che una ragazzina prima o poi si imbatta. Ma fin dalle prime righe percepisci che accadrà un fatto che altererà questo equilibrio e questa amicizia. Un tradimento, una delusione, una ferita. L’autrice è splendida ad indagare i rapporti umani ed a restituircene tutte le sfumature. Legge ed analizza i sentimenti in un modo davvero unico. La storia si conclude con un contrappasso, che non ti aspetti e ti lascia sul viso un sorriso un po’ di sfida. Perché il mondo è molto piccolo e fatto di coincidenze. Ed i rapporti sono spesso fatti anche di veleno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La grande amica 2013-06-23 21:57:00 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    23 Giugno, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si può essere amiche?

Miriam, 55 anni, esperta informatica, vive ormai sola. Il padre 95enne è scomparso da poco, i suoi due fratelloni hanno imparato a volare da tempo e si sono fatti una nuova famiglia, com'è nella logica delle cose. Molti anni prima anche sua madre è scomparsa; era sopravvissuta ad un ictus e in quel momento al suo fianco ha avuto proprio lei, Miriam che imparò ad accudirla fino alla fine. All'epoca, dell'ictus materno, aveva sedici anni e per quelle tragiche circostanze del destino, dalla sera alla mattina, aveva imparato che nella vita i ruoli si ribaltano, niente è scontato, così a sedici anni ti ritrovi a fare tu da madre a tua mamma e non è facile. In quella gioiosa e tragica estate del 1973 Miriam pensava ad altro, il padre , visto che in famiglia servivano soldi, l'aveva mandata a lavorare in un albergo in uno di quei paesini turistici irlandesi sulla costa. In questo luogo di svaghi, di pub aperti fino all'alba con musica dal vivo e tanti ragazzi, Miriam conobbe Marie Thèrèse, una ragazza bellissima ed affascinante con la quale divise la camera d'albergo e il lavoro in sala. Le due ragazze diventeranno subito inseparabili. Merie Thèrèse sarà un'amica di quelle che ti insegnano a volare, ti insegnano a scegliere l'abito adatto e a vestire secondo la moda, ti mettono in guardia dalle fregature. Volare è prendere in affitto una Fiat 500 italiana, di quelle che se non sai cos'è la doppietta, non vai da nessuna parte. Volare a sedici anni è raccogliere uno zaino e i soldi delle mance ed approfittare di due giorni di ferie per partire all'avventura, senza una meta precisa. Volare è percorrere i villaggi della verde Irlanda, fare shopping e parlare di ragazzi, di quelli belli e affascinanti come Tony che alla fine ti spezzeranno il cuore. L'ultimo romanzo di Catherine Dunne è tanto breve quanto intenso ,lascia dentro il sapore delle ciliegie che si vedono in copertina, ma bisogna stare attente al seme che è sempre molto duro, come spesso si rivela la Vita.
Ancora un viaggio alla scoperta della "Metà di niente" che non deluderà né le lettrici né i lettori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
la metà di niente
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri