Narrativa straniera Romanzi La madre che mi manca
 

La madre che mi manca La madre che mi manca

La madre che mi manca

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Nikki è una donna single che si porta nell'animo un bagaglio doloroso di non detti e frustrazioni nei confronti di una madre a cui troppe volte non ha avuto il coraggio di rivelarsi. Proprio per questo, forse, quando Gwen, la mamma, muore in circostanze tragiche, uccisa da un pregiudicato, Nikki viene travolta da una piena di sentimenti contrastanti e irrisolti, che vanno da un vuoto di un'assolutezza quasi infantile a un risentimento sordo verso la madre che non c'è più. È solo l'inizio di un viaggio all'indietro nel tempo, tra i cassetti e gli armadi della casa natale, lettere ricevute e cartoline mai spedite, alla ricerca del vero volto di quella madre forse mai davvero conosciuta, e soprattutto di se stessa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La madre che mi manca 2013-05-17 11:39:21 SARY
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
SARY Opinione inserita da SARY    17 Mag, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il tempo che manca

C’era una volta una ridente cittadina americana abitata da famiglie felici dove tutti si conoscevano e si rispettavano. Non iniziano sempre così le favole? In particolare, c’era la cara mamma Gwen con le sue due figlie, la scapestrata Nicole e la severa Clare, lontane dal tetto materno ma, chi più e chi meno, figlie presenti. E come in ogni fiaba che si rispetti, un brutto giorno arriva il cattivo distruttore di questo perfetto quadretto familiare. Poche ore cambiano la vita di tutti i personaggi. Sappiamo che chi resta deve fare i conti con il dolore e, la parte più spinosa, i sensi di colpa senza possibilità di rimedio. Come sappiamo che se uno ha il tempo di prepararsi ad affrontare fisicamente ed emotivamente un avvenimento l’impatto è meno devastante, ma un fulmine a ciel sereno annienta. Non siamo mai pronti ad accettare l’inevitabile, il corso naturale delle cose, figuriamoci improvvise tragedie. Il tempo non è mai abbastanza, mille scuse ed alla fine viviamo a metà. Lo dico sempre che il giorno dovrebbe essere composto da 48 ore e che bisognerebbe moltiplicare i giorni festivi!
La voce narrante è Nikki, rivive il passato, cercando disperatamente di aggrapparsi ai ricordi e tentando di seguire le orme della madre. Chi non lo farebbe? La mamma è sempre la mamma, il pilastro portante della famiglia, la migliore amica, la più ferrea educatrice, la più grande ascoltatrice.
Trattando un tema così delicato ed importante, manca lo struggimento. Dal titolo e dalla prima pagina il lettore si prepara ad una valle di lacrime, invece la narrazione è ovattata, si alternano toni alti con emozioni intense e toni bassi con un pizzico di noia. Ho chiuso il libro, che profuma di pane appena sfornato (chi lo leggerà capirà), con la sensazione di non averlo vissuto. I personaggi sono ben delineati ed analizzati, sembra di conoscerli da sempre.
Una lettura semplice e chiara, a tratti appesantita da particolari superflui ma comunque digeribili. Lascia sicuramente una gran voglia di abbracciare e ringraziare la propria mamma.

“L’ultima volta che vedi una persona e non sai che sarà l’ultima. E tutto quello che sai adesso, se solo l’avessi saputo allora … Ma non lo sapevi, e adesso è troppo tardi. E ti dici Come potevo saperlo? Non potevo saperlo. Te lo dici. Questa è la storia di come ho vissuto la morte di mia madre. Un giorno, in un modo tutto tuo, sarà anche la tua storia.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri