Narrativa straniera Romanzi La madre del Comandante Shigemoto
 

La madre del Comandante Shigemoto La madre del Comandante Shigemoto

La madre del Comandante Shigemoto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Ambientato in epoca Heian come la Storia di Genji, questo romanzo di Tanizaki sembra quasi nascere da una costola del capolavoro di Murasaki. Ma al contempo è un romanzo totalmente moderno, con tutte le ossessioni erotiche di Tanizaki e con un sottile gioco tra finzione e realtà, tra narrativa di invenzione e filologia che tocca il cuore di ogni riflessione sull'arte e sulla letteratura. Il romanzo, per gran parte, si snoda sulla ricerca di una madre «rubata». Il padre di Shigemoto aveva ceduto la moglie a un potente nipote per ragioni di opportunità politica. Dunque, la nostalgia della madre come tonalità prevalente del romanzo. Che forse è, più in generale, una nostalgia della donna, un impossibile ideale di fusione tra maschile e femminile, desiderio e frustrazione ossessivi riprodotti coralmente da tutti i personaggi del romanzo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La madre del Comandante Shigemoto 2013-09-30 06:56:48 C.U.B.
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    30 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Shosho Shigemoto no haha

Se l'obiettivo e' quello di comporre un racconto dalle atmosfere dell'antica epoca Heian ( 794-1185) non posso pensare ad autore giapponese piu' adatto di Tanizaki, visto che nella sua carriera pubblico' ben tre diverse traduzioni dal giapponese antico a quello moderno di uno tra i piu' antichi classici della letteratura, il Genji monogatari.

LA MADRE DEL COMANDANTE SHIGEMOTO mi induce ad osservare in tralice l'inizio arzigogolato e complesso, imponendomi una lettura di faticose scalate su picchi imponenti , indi premiandomi col dischiudersi di grandi e verdi vallate su cui passeggio gongolandomi nel beato paesaggio.
Tanizaki si impone io narrante erudito, dove alternando riferimenti ad antichi testi della letteratura classica  e testi di sua mera invenzione a una prosa amabile e affascinante, racconta la storia di Shigemoto e del forte quanto impietoso rapporto che lo legava alla bellissima madre.

Accattivante la penna di Tanizaki che ho gia' apprezzato altrove, non mi e' chiaro questo suo gioco o sperimentazione che sia di rendere cosi' complicata -a tratti- la vita al lettore : dovunque volesse arrivare, da me non e' giunto. Cio' detto non pretendo di capire la mente o il sense of humor di un autore giapponese classe 1886, mi limito a dire che forse la fatica di scalare le sue vette fa apprezzare ancora di piu' la scrittura linda di vallate intinte in atmosfere Heian e di una storia molto piacevole. 
Il tema della nostalgia della madre e' uno degli argomenti cardine dell'autore , in questo romanzo se  ne puo' apprezzare  una bella trama  in salsa imperiale.

Confusionario ed evanescente  il sistema didascalico di Einaudi, dove in calce con la numerazione tradizionale troviamo le note, mentre a fine libro  il glossario segnalato da parole in grassetto che non e' cosi' immediato. Glossario in ordine alfabetico tra l'altro, quindi lo scorrere delle pagine non e' progressivo ma si saltella di volta in volta dalla a alla p alla d e cosi' via a seconda del vocabolo incontrato nel testo. L'ergonomia editoriale sarebbe un bene per tutti.
Ottima invece l'estetica del volume, molto semplice la copertina in morbida carta grezza color ocra , pagine profumate di stampa fresca, questo libro e' un balsamo che celebra il tatto.

Ricca ed efficace la prefazione di Giorgio Amitrano, vi consiglio di leggerla a mo' di postfazione visto che tra una riflessione e l'altra egli riassume il racconto con tanto di finale,  di grazia lasciateceli leggere in santa pace questi libri ; buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri