Narrativa straniera Romanzi La sciagura di chiamarsi Skrake
 

La sciagura di chiamarsi Skrake La sciagura di chiamarsi Skrake

La sciagura di chiamarsi Skrake

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

«Tutto è in prestito» recita un adagio finlandese sull'inafferrabilità della vita. Ma è proprio il bisogno di capire se stesso e la propria inquietudine a indurre Wiktor Skrake, incallito scapolo quarantenne di Helsinki, pubblicitario di successo e fondista, ad abbandonare tutto per scavare nel passato della sua famiglia sulle tracce di quella maledizione o vocazione al fallimento che sembra marchiarla. Si riannodano così i fili di una saga che abbraccia tre generazioni e un caleidoscopio di avventure tragicomiche, attraverso un secolo di storia finlandese e di ferite mai rimarginate. Dal misterioso nonno Bruno, parvenu conservatore segnato dalle esperienze inconfessabili vissute in guerra, allo zio Leo, idealista eclettico e sognatore, armato di una cultura enciclopedica e di una fede altrettanto salda negli alieni, al papà Werner, campione di lancio del martello e filosofo della pesca alla trota, fanatico di Elvis Presley e Jurij Gagarin, dotato di talenti e di una genialità tutta sua quanto della capacità di realizzare i propri sogni tramutandoli in rovinose catastrofi. È in lui che la vena di ostinazione e smodatezza degli Skrake si esprime in tutta la sua carica nefasta: un saggio-folle annoiato dalla contemporaneità che nel capitalismo rampante del dopoguerra sprofonda nelle sue passioni senza curarsi del mondo, un ossessivo in perenne lotta contro un destino indomabile e beffardo, preda dell'inguaribile solitudine che ha trasmesso anche al figlio. "La sciagura di chiamarsi Skrake" è il ritratto poetico di un eroico fallito che sembra personificare tutti i paradossi della condizione umana, è un'indagine originale sulla famiglia, le radici, e sulla storia che «è solo una fiaba crudele e irresponsabile» a cui siamo noi a dover dare un senso.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La sciagura di chiamarsi Skrake 2020-12-21 12:40:18 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    21 Dicembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fortunata disgrazia

Un viaggio in un secolo di storia famigliare, tre generazioni di Skrake a confronto all’ interno della lucida follia dei protagonisti nella tormentata storia dello stato finlandese, tra guerre intestine e alterne alleanze filo europee.
Kjell Westo, noto scrittore e giornalista finlandese contemporaneo di lingua svedese, da’ voce al protagonista, Wiktor Skrake, che ricostruisce la propria origine tra sbalzi temporali, vizi e virtù, consapevole che la storia è solo una fiaba crudele e irresponsabile e, come recita un vecchio adagio finlandese, ... “ tutto è in prestito “..., a noi attribuirle senso e contenuto.
Lo fa servendosi di una prosa fluida e scanzonata, che non si prende troppo sul serio, intrisa di aneddoti, humour, paradossi, sbalzi umorali nella tragicommedia della vita.
La trama approfondisce le vicende del nonno Bruno, capostipite della famiglia e imprenditore di successo, uomo facoltoso, dello zio Leo, che crede negli alieni e gira in bicicletta, amante dello spazio, con una grande voglia di vivere e una conoscenza enciclopedica, poeta e insegnante di sensibilità sopraffina e carismatica presenza, del padre Werner, dedito alla pesca e al lancio del martello, all’ adorazione di Elvis Presley e di Jurij Gagarin, sfortunato protagonista con una nomea di sciagurata follia che lo inseguira’ fino alla morte.
Un mondo di frottole che aiuta a chiarire l’essenza degli Skrake, il desiderio del protagonista di soffermarsi sulla propria vita e su quella del padre, da cui discende direttamente, di quella somiglianza acclarata e deviante che ricerca una stabilità a lui necessaria.
Viaggiando nel tempo Wiktor si chiede cosa abbia reso tale la sua famiglia e che cosa in particolare nasconda l’ instabilità paterna, un disadattamento e una fuga con uno sguardo disincantato sul mondo, inserita nel cuore della storia e dei suoi cambiamenti.
Gesta simboliche e mitologiche in cui convivono leggerezza e profondità, normalità e follia, nella buffa ripetizione degli stessi errori, nel cercare il lancio perfetto, la trota più grande, lo scritto più poetico, riparo ed espiazione dai mali del mondo e da una famiglia intrisa di eccessi e dicotomie.
Wiktor, trasferitosi a Helsinki ancora diciassettenne, ha avuto molte donne ma non si è mai sposato, non ha figli, ha studiato arte e sociologia ma non si è mai laureato, un misto tra giornalista e pubblicitario, da sempre filosofo e artista che non distingue tra sogno e realtà.
Oggi vediamo un manipolatore di anime, la sua e quella degli altri, erede di una casa che odia, figlio della terza generazione di Skrake di Roberga, un uomo che ha introiettato la maggior parte delle fisse di Werner.
Forse tutto sarebbe cambiato se suo padre non fosse stato colpito dal proprio destino, dalla inverosimile capacità di provocare catastrofi, una persona dai molti talenti che non ha saputo incanalare, con occupazioni varie, all’inseguimento di strade solitarie, in perenne conflitto con il mondo e con il tempo, un uomo che ha cominciato ad affrancarsi dalla realtà e a sparire per giorni interi, in preda ai propri fantasmi, fino a quando si è arreso dimenticando il carattere irruente del passato.
Wiktor presto si innamorerà della corsa, un modo per liberarsi in aria, si trasferirà a Helsinki per acquistare libertà e anonimato, non per essere trascinato nel pantano della storia della sua famiglia. Qui precipiterà sempre di più nella città, nella sua luce e nelle sue tenebre, conoscendo uomini e donne che in futuro avrebbero fondato aziende, dato vita a campagne pubblicitarie, scritto libri e pezzi teatrali.
E si chiede come sarebbe stata la sua vita cittadina e se sarebbe stato diverso qualora il nome dei suoi antenati non si fosse legato ai loro fallimenti.
Chissà, di certo il presente lo ha immunizzato dalla smodatezza del passato, chiarendo che amore e amicizia prevalgono su vanità’ e biologia e che un amore condizionato non può esistere, anche se alcuni tratti si portano dentro.
Nel mentre un anno è passato, un’ esperienza intensa di scrittura e di vita.


...” Il sole è basso, le poche nuvole serali sono bordate di giallo oro. Il vento soffia da stamattina, una brezza costante dal mare. Dalla finestra vedo la chiazza verde chiaro delle poche piante latifoglie sui Sydholmar. L’acqua del mare è fredda, così fredda che di sicuro i Pesci d’ Argento sono ancora lungo le spiagge degli isolotti. Prima che cali il buio ho intenzione di uscire a tentare la fortuna “....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri