Narrativa straniera Romanzi La tavola del paradiso
 

La tavola del paradiso La tavola del paradiso

La tavola del paradiso

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Siamo nel 1917, al confine tra la Georgia e l'Alabama. Pearl Jewett, un contadino rude e manesco, espropriato della terra e finito in miseria, condivide una dura esistenza con i tre figli: Cane, il più grande, intelligente e di bell'aspetto; Cob, goffo e un po' lento di comprendonio; e Chimney, il più giovane, dal temperamento sanguigno. Alla morte del padre i tre ragazzi decidono di partire per il Nord e imitare le gesta criminali del loro idolo, Bloody Bill Bucket, diventando in breve tempo gli uomini più ricercati del paese. Non troppo lontano, Ellsworth Fiddler, un contadino che abita nel sud dell'Ohio insieme alla moglie e all'unico figlio scapestrato, viene raggirato e perde tutto ciò che possiede. Dopo la misteriosa sparizione del figlio, il destino lo porterà a incrociare i passi dei Jewett. Non può nascere nulla di buono da un incontro del genere, oppure sì?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La tavola del paradiso 2017-06-29 07:47:54 Giovannino
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    29 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre fratelli in cerca di guai.

Ho scoperto per caso questo libro leggendo una recensione sui social, inizialmente mi ha colpito il nome ma solo perché mi ricordava il più famoso pittore Jackson Pollock (con cui questo scrittore non ha nessuna parentela). Così dopo aver letto un pò dell’autore e della trama di questo ultimo libro ho deciso di dargli una possibilità, alla fine quello che cercavo era un libro leggero, divertente, non troppo lungo e possibilmente con un pò d’azione. E questo libro corrispondeva in pieno.

Il romanzo è ambientato all’inizio del 1900 nella parte meridionale degli Stati Uniti e parla di due storie principali che però nel corso del libro si vanno ad intrecciare ad altre mille storie di personaggi che entreranno nel racconto per lasciare ognuno la propria impronta. La storia è quella di due anziani genitori, di professione agricoltori, che improvvisamente non ricevono più notizie da parte del figlio e solo in seguito vengono a scoprire che quest’ultimo si è arruolato nell’esercito per andare in guerra. L’altra storia invece parla di tre fratelli, anche loro agricoltori, che alla morte del padre decidono di intraprendere la carriera criminale e iniziano quindi a rapinare banche per poter fare finalmente la bella vita. Ad un certo punto però le storie di questi 5 personaggi si incontrano…

Come detto, nel corso delle 370 pagine interverranno decine di personaggi, alcuni che dureranno solo un breve capitolo, altri invece col tempo entreranno proprio a far parte della storia e finiranno anche il romanzo assieme ai protagonisti. I capitoli sono tuti molto breve e finiscono sempre lasciando elevato il cliffhanger per il seguente, in modo tale da lasciare attaccato il lettore. I personaggi per l’appunto sono tanti, e spesso se non si sta attenti si rischia di perdersene qualcuno, però devo dire che tutti sono ben delineati ed ognuno ha una caratteristica peculiare o un lato del carattere che è funzionale alla storia. La scrittura è molto semplice e lineare ed anche questo aiuta a non perdere il filo tra le varie storylines.

L’unica nota dolente è forse il finale che risulta un pò troppo “telefonato” (ad occhio e croce già verso pagina 200 potrete iniziare ad intuire quale fine farà ognuno dei 3 fratelli), però a parte questo devo dire che è un libro molto piacevole e godibile. Sarà anche che lo scenario western aiuta però l’ho letto tutto in 4 giorni e non sono riuscito a staccarmene. Insomma se cercate un libro leggero e divertente da leggere sotto l’ombrellone questo “Pollock scrittore” potrebbe fare al caso vostro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri