Narrativa straniera Romanzi La versione di Geremia
 

La versione di Geremia La versione di Geremia

La versione di Geremia

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La versione di Geremia è il primo romanzo della trilogia di Sleepers in MoonCrowned Valleys, cui James Purdy sta lavorando in questi anni, e che è dedicato alle città americane del Middle West: una serie di ritratti violenti e profetici, narrati con cadenze epiche e accensioni liriche. Boutflour è una di queste città, fondata da un ex-maggiore pazzo della guerra del 1812, divenuto contrabbandiere di liquori: il romanzo si svolge appunto negli anni della Grande Crisi e del proibizionismo. Prima di morire, distrutto dagli anni e dai ricordi, il vecchio Matt Lacey affida al giovane Geremia la storia della propria vita e il suo odio per la cittadina di Boutflour: «...Geremia, io ti riferirò quello che dicevano e la loro storia, mentre tu fornirai la scrittura e la penna per mettere tutto nero su bianco». Una folata di racconti aspri e sanguigni si riversa improvvisamente sul giovane: la cittadina diviene l'arena crudele dello scontro fra la grande famiglia dei Fergus ed Elvira Summerland. Wilfred Fergus, il marito «errante» di Elvira, dedito a speculazioni rovinose, sua sorella Winifred zitella dominatrice, Elvira la madre caparbia e tenace di Rick, Jethro e Rory, di cui Matt Lacey è perdutamente innamorato, sono i personaggi che Geremia si troverà a far rivivere sulla pagina e le loro parole, i loro gesti gli diverranno ossessivi: il matrimonio fallito fra Wilfred ed Elvira, le peregrinazioni di Wilfred, la povertà in cui abbandona la propria famiglia, la «casa» che Elvira impianta a Boutflour e il suo desiderio di separarsi dal marito, che dopo anni di assenza annuncia il suo ritorno, e il rifiuto che opporrà Winifred, il processo e la tragedia finale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
 
La versione di Geremia 2013-06-09 03:50:16 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    09 Giugno, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Jezabel ha un figlio maschio

La storia inizia in sordina, scialba, stentata. Come il narratore sembra che anche Purdy sia riluttante a fronteggiare il ricordo della famiglia Fergus.
Il narratore della storia è l'amico di famiglia, Matt Lacey che racconta al nipote Geremia la storia della famiglia perché la riordini e la trascriva. Tutti gli eventi erano già stati riportati nel suo orribile diario da uno dei protagonisti della storia, Jethro, il figlio di mezzo, l’osservatore perenne della madre, onnipresente dietro ogni porta chiusa, pronto a origliare ogni discorso, Jethro cui non sfugge niente.
Anche in questo romanzo ci viene presentata una madre snaturata, una specie di Jezabel, donna bellissima con un marito incapace che ha sperperato tutto il danaro di casa, fiumi di danaro, in speculazioni sbagliate. Poi è sparito per anni nel sud nel tentativo (fallito) di recuperare il danaro perso.
A un certo momento Wilder (il marito) decide di tornare dalla moglie e dai suoi tre figli, a casa, con grande costernazione della donna che vorrebbe continuare la sua vita libera. Nonostante la donna giudichi il marito un incapace, impone al figlio maggiore Roi di consegnare al padre la somma ereditata di recente perché la faccia fruttare. La famiglia è povera e il danaro avrebbe dovuto consentire a Roi, ragazzo brillante, di fare carriera. Il lettore immagina che fine farà il danaro del ragazzo, e probabilmente anche Elvira lo immagina. Tuttavia lo pretende per tagliargli le ali nonostante l’affetto che ha per lui. Elvira è una madre/ donna castrante e manipolatrice. I figli sono incatenati dall’affetto per lei, affetto malato in parte, e lottano per liberarsi.
Apparentemente l’antagonista della donna è il marito o meglio la sorella del marito e l’oggetto del contendere è la causa di divorzio e il dominio sui figli.
In realtà i veri antagonisti della donna sono i suoi figli, il grande Roi, aspirante attore, e il figlio di mezzo Jethro. I figli vorrebbero anche loro la libertà, il primo di farsi una vita sua e di diventare attore e l’altro vorrebbe una madre diversa, che rinunciasse ai suoi amanti, e la libertà di amare il padre.
Il perno della storia è la figura della donna, Elvira, attorno alla quale gira tutto il mondo. La narrazione ha un inizio stanco e niente lascia capire la forza che a poco a poco acquisterà. La figura della donna all’inizio quasi solo abbozzata (come nella Jezabel della Nemirosky) poi emerge prepotentemente in tutto il suo splendore carica di mille sfaccettature. Una donna orribile, castrante per tutti gli uomini che ha intorno, figli e marito compresi, manipolatrice, adultera, terribilmente possessiva con i figli cui chiede la vita stessa in cambio del suo affetto, bellissima tanto da diventare per tutti l’unica donna, anche per i figli. Le pecche di Elvira sono rigorosamente elencate nel suo orribile diario dal figlio di mezzo Jethro, Jethro il mostro, Jethro cui non sfugge niente, Jethro che è l’alter ego dello scrittore stesso Purdy. La storia è evidentemente autobiografica per buona parte. Purdy descrive Jethro all’inizio della storia come se avesse una mostruosità fisica, il ragazzo dalla testa spaccata e trafitta che doveva morire. Piano piano si capisce che il ragazzo non ha nulla che non va sul piano fisico, che la mostruosità sono i pensieri ossessivi che continuano a trafiggerlo. La stortura del ragazzo è nell’anima. Il libro analizza anche il rapporto con il padre in modo veramente interessante. Il rapporto edipico malato e profondo della madre con i figli viene chiamato in causa con grande lucidità per spiegare l’omosessualità (o bisessualità) dei due figli grandi e del narratore Matt Lacey innamorato di tutta la famiglia, letteralmente.
Si capisce che il racconto è un gioco di specchi con più osservatori e narratori. Il titolo stesso la versione di Geremia non ha senso se non inteso in questo gioco di specchi. Perché Geremia, il nipote di Matt, dovrebbe dare una sua versione dei fatti? Si capisce che la versione è la versione di Jethro, quello che si deve discolpare, e in ultima analisi è la versione di Purdy.
Il dramma che ha un po’ le coordinate di una tragedia greca, esplode e divampa e la narrazione diventa un fiume in piena incontenibile. Ci sono delle parti di una bellezza ineguagliabile come la descrizione della scazzottata tra Wilders, il padre di Jethro e uno dei tanti truffati.
L’argomento del libro è ostico, si entra nel cuore di complessi, nelle ossessioni, forse nelle storture dei rapporti umani.L’aspetto sessuale analizzato come parte del dramma non è mai o quasi mai fiction. In ciò che Purdy scrive si coglie l’autenticità e la sincerità della confessione fatta per una necessità interiore e non per divertire o intrattenere un pubblico. Il libro è bellissimo! Non capisco perché non lo ristampino. L’argomento poteva essere all’epoca scandaloso ma oggi? Mi auguro che qualcuno preservi questo patrimonio dell’umanità. Tra l’altro ho anche visto che il romanzo On glory’s course (PEN/Faulkner Award for fiction Best Novel nominee (1985): On Glory's Course) non è mai stato tradotto. E’ così scandaloso l’argomento? E’ la sincerità che mette pensiero?
Cos'ha che non va questo genio?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Purdy, Malamud, Nemorosky
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il male che gli uomini fanno
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna