Narrativa straniera Romanzi Le belle immagini
 

Le belle immagini Le belle immagini

Le belle immagini

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Laurence ha trent'anni, un marito, due figlie, un amante e un lavoro gratificante in un'agenzia pubblicitaria per la quale realizza immagini perfette che rendono la sua vita calma e piena di colore. Ma dietro questa calma apparente il meccanismo non funziona. Laurence lo avverte nelle inspiegabili lacrime della figlia maggiore, negli scoppi d'ira della madre, nell'indifferenza del marito e nell'egocentrismo dell'amante. E cosí all'improvviso si risveglia in lei un senso di insoddisfazione, la consapevolezza di essere estranea a se stessa, di vivere una vita di belle immagini vuote di valori e di verità. Un romanzo intenso e vibrante di rabbia sull'ipocrisia e sulla crudeltà dei rapporti umani.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le belle immagini 2015-12-09 14:37:15 katia46
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
katia46 Opinione inserita da katia46    09 Dicembre, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il vuoto dietro la perfezione

Le belle immagini sono quelle che circondano la protagonista, ma sono vive e attualissime ancora adesso, seppure il romanzo sia stato scritto nel 1966.
Laurence è una donna che tutti potrebbero definire perfetta: un marito architetto, due figli, un lavoro gratificante. Una vita alla quale sembra non mancare nulla. Eppure qualcosa si scatena nell'animo di Laurence. Quante volte ci siamo dette che il malessere che sentivamo ci sembrava ingiustificato nei confronti della nostra vita. Tutto sembra perfetto, "ma non cambia il colore della vita". Ma qualcosa poi irrompe, è li. da sempre, lo abbiamo solo nascosto bene. Ma non possiamo nasconderlo per troppo tempo. Possiamo provare a nasconderle, seppellirle, ma le nostre inquietudini, i nostri mali, prima o poi irrompono. Non si può mentire con ciò che siamo. Così la protagonista, in un viaggio molto femminile, intimo, attraverso una scrittura palpitante, ha la consapevolezza di vivere una vita fatta di belle immagini: vuote di valori e di verità.
Modernissimo come tema: viviamo di immagini e per una bella immagine siamo disposti a tutto, a non accettare gli anni che passano, a modificare il tempo.
Quando si vive una vita che non è quella che si vorrebbe allora si indossa una maschera che lentamente ci rende estranei a noi stessi: un giorno ci si guarda allo specchio e non ci si riconosce più.
Come sempre, nel suo stile profondo, attraverso un uso dei tempi verbali dinamico, dialoghi tutt'ora attualissimi, attraversato da flussi di coscienza che entrano nella scena continuamente, avvalorando le inquietudini della protagonista, rendendole più forti e profonde, la de Beauvoir analizza la società borghese di quel tempo, vuota e arrogante. Forse questo potrebbe essere il punto debole del romanzo: un esercizio ozioso per criticare la borghesia francese. Ma la società borghese è il guscio delle dinamiche di ipocrisia che anelano le pagine del romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le belle immagini 2011-06-01 10:04:43 Rosaliaa
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rosaliaa Opinione inserita da Rosaliaa    01 Giugno, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'identità

In questo breve romanzo, ci pare che Laurence abbia ritrovato una propria identità, quella di persona autentica e di donna completa; ci pare infatti che abbia strappato la propria “bella immagine” per ritrovare ciò che la contraddistingue come individuo. Ma ad una attenta lettura, riconosciamo come in realtà Laurence abbia sempre avuto consapevolezza della propria personalità, ossia, di come lei (anche grazie all'ausilio della professione di pubblicitaria, che le ha permesso una notevole conoscenza della società-immagine) abbia sempre creduto di controllare l'apparenza senza danneggiare lo spirito. La crisi di nervi, quella che la colpirà in seguito al viaggio in Grecia, non è altro che il riconoscere che quel meccanismo mondano, che lei credeva non potesse toccare i soggetti di forte spirito -suo padre, Catherine, se stessa- abbia invece il potere di assoggettare inconsapevolmente e unanimemente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore