Narrativa straniera Romanzi Le regole della casa del sidro
 

Le regole della casa del sidro Le regole della casa del sidro

Le regole della casa del sidro

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La storia di Homer Wells, un ragazzo dall'animo ricco di sentimenti e ideali, cresciuto nell'orfanotrofio di St. Cloud's nel Maine, e del medico-padre Wilbur Larch, che accoglie nel suo istituto neonati abbandonati e fa abortire povere donne che altrimenti finirebbero nelle mani di macellai. Larch educa il giovane e gli insegna la professione, nella speranza che un giorno prenda il suo posto. Homer preferisce lasciare l'orfanotrofio e seguire la propria via lavorando in una fattoria dove si produce sidro. Si renderà ben presto conto che non conosce nulla del mondo dei grandi, e che dovrà affrontare dolori, asperità, e percorrere molta strada per capire le regole della vita. Un percorso di crescita in un romanzo dall'atmosfera ricca di sentimento che affronta i quesiti esistenziali della vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le regole della casa del sidro 2015-08-05 16:24:11 Valerio91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    05 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Principi del Maine, Re della Nuova Inghilterra

Quello che mi appresto a recensire è un libro veramente "tosto", soprattutto nel finale. John Irving allestisce un palcoscenico in cui vanno in scena tante personalità molto diverse tra loro per carattere, ambiente e anche per semplice fisionomia. Lo stile di Irving è ottimo, anche se un po' lento, ma "Le regole della casa del sidro" non poteva non essere un libro lento, essendo il suo scopo rendere così evidenti i mutamenti interiori dei suoi protagonisti; e come ben sapete, i cambiamenti che avvengono dentro di noi sono lenti in maniera disarmante. Inoltre, i personaggi degni di nota in questo libro sono tanti, complessi e bisogna dirlo, perfettamente caratterizzati.

Homer Wells è un orfano che ha sempre faticato a trovare una famiglia, e mai la troverà in maniera definitiva. Meglio quindi rendersi utile nella sua vera casa, L'orfanotrofio di St. Clouds nel Maine, accudito dal suo dottore e direttore, che lui ama come un padre, il dottor Larch. Imparerà da lui a far nascere quei bimbi destinati a essere orfani e inquilini del St. Clouds, o a far abortire le donne che lo vorranno. Pur non ritenendo giusta questa ultima pratica, diverrà bravo anche più del suo stesso maestro, che vede orgogliosamente in lui il suo erede. Brama che Homer lo diventi, un perfetto esecutore del lavoro del Signore e del lavoro del Diavolo o, per come la vede il vecchio dottore, soltanto del lavoro del Signore.
Anche agli orfani però, capitano quegli eventi che ti sconvolgono la vita, e quello che colpirà Homer sarà Candy. Andrà via con lei, lasciando St. Clouds per lavorare in un frutteto dove si produce sidro di mele. Il giovane Homer si farà amare da tutti, e il suo amore per Candy sarà corrisposto ma impossibile, essendo ella innamorata da sempre anche di un altro uomo.
Una storia di amore in tutti i suoi aspetti, amore paterno, fraterno, passionale.
Una storia che ti sbatte in faccia il fatto che spesso non hai potere su come debba muoversi la tua vita, non puoi decidere in che direzione essa debba andare, puoi solo adattarti e farla procedere nel migliore dei modi.
Una storia di guerre interiori, fomentata da guerre vere proprie.
Una storia di rinunce personali, fatte per il bene comune.
Una storia di ritorni, che ti insegna che si può tornare sui propri passi, tornare a casa, riabbracciare chi ti cerca e ti aspetta da sempre, ma con i dovuti limiti di tempo.
La fine di tutto è sempre lì dietro l'angolo, e il più delle volte non ha annunciato il suo arrivo.

"Non vi sono scuse per la crudeltà, ma - in un orfanotrofio - forse si è obbligati a negare amore; se non riesce a negare amore, a trattenerti dall'amare, creerai un orfanotrofio che nessun orfano lascerà volentieri. Creerai un Homer Wells: cioè un vero orfano, dato che la sua casa sarà sempre a St. Clouds."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri