Narrativa straniera Romanzi Le rondini di Kabul
 

Le rondini di Kabul Le rondini di Kabul

Le rondini di Kabul

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Sullo sfondo di una città messa a ferro e fuoco da vent’anni di guerre Yasmina Khadra ambienta questa storia che mette i brividi, una vicenda che sembra uscire da una tragedia classica, con quattro protagonisti colti in un momento cruciale della loro esistenza: Atiq, il guardiano del carcere che non riesce più a sostenere il ritmo delle esecuzioni, sua moglie Mussarat, condannata da un male incurabile, Mohsen, un borghese decaduto, e sua moglie Zunaira, un tempo avvocato e sostenitrice della causa femminista. Ognuno di loro incarna un modo diverso di rispondere all’integralismo: la resistenza, la pazzia, la sottomissione, la fuga nell’illusione. Ma per tutti e quattro viene il momento di dare un senso alla propria vita, attraverso l’amore e il sacrificio¿ Affidandosi a un scrittura ricca e intensamente poetica, Yasmina Khadra scaraventa il lettore nel cuore di una follia in cui si perdono i confini tra vita, amore, morte e sopravvivenza. Un bagno al vetriolo da cui si esce sconvolti, un romanzo straordinario, che è anche un grandioso inno alla donna, da una delle più importanti voci del mondo arabo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le rondini di Kabul 2020-04-04 23:20:00 Laura V.
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    05 Aprile, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Siamo stati tutti uccisi.”

Non sarà forse uno dei suoi romanzi migliori, ma la storia narrata ne “Le rondini di Kabul” di Yasmina Khadra merita comunque attenzione.
La vicenda ci conduce per le strade polverose e devastate di una Kabul ormai spettrale e ben lontana dai fasti del passato, quando la sua fama poteva rilvaleggiare con quella di altre grandi città del mondo islamico. Non soltanto la capitale, ma l'intero Afghanistan, dopo un ventennio di guerre, è ridotto a cumuli di macerie, schiacciato dal peso oscurantista di un regime, quello talebano, che genera distruzione e morte a non finire. Le due coppie protagoniste (Atiq e Mussarat, Zunaira e Mohsen), molto diverse per estrazione sociale e tuttavia accomunate dalla diffusa miseria, vedranno incrociarsi inconsapevolmente le loro strade nel momento più tragico, mentre un destino feroce si accanirà in maniera brutale contro fragili esistenze già messe a dura prova.
Incarnate dai quattro personaggi principali, resistenza e rassegnazione a un mondo popolato da tagliagole e donne umiliate dal muto anonimato del burqa s'intrecciano tristemente; soltanto il vecchio Zanish pare conservare il desiderio di sognare ancora e fuggire da una città dannata dove tutti mendicano pietà. Il tutto, in una prosa altamente poetica in cui, già dal prologo, finisce per specchiarsi una natura inaridita quanto il cuore umano.
Come anticipato, il romanzo, dei primi anni Duemila, non sembra all'altezza di altri lavori dello scrittore algerino (al quale riesce forse meglio parlare del disagio delle giovani generazioni maghrebine in Europa o del terrorismo più in generale), ma offre comunque una buona lettura, ricordandoci il dramma di una terra che, considerata la forte instabilità politico-sociale dell'area, in verità non è mai terminato del tutto. Nel 2019, dal libro è stato tratto un film di animazione (Les Hirondelles de Kaboul), in cui, però, la cui trama originale è stata modificata in diversi punti: https://www.youtube.com/watch?v=Qb3AkA-7V0k

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore