Narrativa straniera Romanzi Le sirene di Baghdad
 

Le sirene di Baghdad Le sirene di Baghdad

Le sirene di Baghdad

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La vita è fin troppo pacifica e tranquilla nel minuscolo villaggio di Kafr Karam, sperduto nel mezzo del deserto iracheno. Ma la sventura sta per abbattersi sugli abitanti: dapprima alcuni soldati americani uccidono un giovane malato di mente, poi un missile cade su una sala per le feste dove si sta celebrando un matrimonio, infine i soldati americani perquisiscono le case in cerca di armi. Un giovane beduino di vent'anni è costretto ad assistere allo spettacolo della feroce umiliazione pubblica del padre e da quel momento in poi l'unica cosa che ha per la testa è vendicare questa offesa. Ben presto sarà reclutato da un gruppo di islamisti radicali che attizzeranno il suo odio e la sua sete di vendetta conducendolo fino alle porte dell'Inferno.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le sirene di Baghdad 2021-08-30 18:16:23 Laura V.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    30 Agosto, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Devastazioni

Iraq del dopo Saddam Hussein. Con la caduta del ra'ìs nel 2003, le truppe statunitensi controllano il Paese, che continua tuttavia a essere devastato da esplosioni e attentati. Le città, inclusa la capitale, sono campi di battaglia in cui i morti ormai non si contano più tra i civili, spesso vittime da un lato del fuoco americano e dall'altro degli attacchi (anche suicidi) degli stessi combattenti locali. Dimenticato nel mezzo del deserto iracheno, il villaggio di Kafr Karam è rimasto a lungo incolume al di fuori di tutta quella follia, finché la guerra non irrompe brutalmente anche lì, tra la polvere e la monotonia delle abitudini senza tempo dei suoi abitanti, attraverso i marines con le armi spianate. È da qui che partirà la rabbia feroce di un giovane beduino, pronto a tutto pur di vendicare l'offesa e l'umiliazione subite.

L'abile penna di Yasmina Khadra si concentra stavolta su un altro martoriato angolo di quel Vicino Oriente dove la parola pace – come da lungo tempo ci raccontano le cronache – sembra rivelarsi pura illusione, nonostante i tentativi di esportare democrazia e sicurezza... a suon di bombe. Come farà poi in “Khalil” (Sellerio, 2018), lo scrittore algerino scandaglia con cura le devastazioni dell'animo di chi crede di non avere altro mezzo, per porre fine ad abusi e ingiustizie, se non il proprio corpo. Il protagonista, l'io narrante che accompagna il lettore, a Baghdad finisce in una rete terroristica che, ovviamente, di islamico nel senso proprio del termine non ha nulla, nella quale ritrova diversi giovani del suo stesso villaggio, tutta gente prima sfaccendata al vecchio caffè Safir. I personaggi, da quelli principali a quelli secondari, hanno la loro giusta collocazione, contribuendo a rendere la storia narrata più che verosimile; tra quelli più riusciti, Omar il Caporale, un ex militare, a Kafr Karam considerato “un malessere ambulante”. In principio volgare e apparentemente insensibile, sarà però lui a rivolgee al giovane protagonista uno dei discorsi più sensati e di cuore in mezzo alle farneticazioni di gente senza scrupoli:

“Se vuoi combattere, fallo con onestà. Combatti per il tuo Paese, non contro il mondo intero. Non uccidere il primo che passa, non sparare alla cieca. Muoiono più innocenti che farabutti. […] Il mondo non è nostro nemico. Ricorda i popoli che hanno protestato contro la guerra preventiva, i milioni di persone che hanno sfilato a Madrid, Roma, Parigi, Tokyo, in America e in Asia. […] Sono stati più numerosi che nei Paesi arabi. […] Sarebbe atroce fare di ogni erba un fascio. Sequestrare giornalisti, giustiziare membri di Ong che sono in mezzo a noi solo per aiutarci, non è nelle nostre abitudini. Non offendere nessuno. Se pensi che il tuo onore debba essere salvato, non disonorare il tuo popolo. Non cedere alla follia. […]”

Una prosa, quella di Khadra, assai scorrevole nella forma e pesante come un macigno quanto alle tematiche affrontate che trovano saldo appiglio nella crudele e incancrenita realtà del nostro tempo. Un romanzo che si legge d'un fiato, decisamente appassionante e coinvolgente sino alle pagine conclusive, quando con sollievo, nonostante il tragico epilogo, si scopre che briciole di cuore e di speranza resistono alla tempesta più atroce che vorrebbe spazzarle via.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...non necessariamente altri romanzi dello stesso autore.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le sirene di Baghdad 2009-10-12 18:54:16 giovanna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da giovanna    12 Ottobre, 2009

le sirene di baghdad

L'ho trovato sconcertante pechè ci mostra la guerra, con tutte le sue brutture, vista dagli occhi di un arabo, e non come siamo abituati, con gli occhi di un occidentale. Ci mostra quello che loro, giustamente, pensano di noi e quello che noi occidentiali siamo andati a fare in Iraq. E' di una tristezza immensa. questo scrittore è favoloso, di lui ho già letto le rondini di Kabul e mi ha mostrato la follia immensa che sta vivendo l'Afganistan. Credo che vada letto anche quello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
il cacciatore di aquiloni o le rondini di kabul
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le sirene di Baghdad 2009-09-10 20:59:26 Teresa
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Teresa    10 Settembre, 2009

Fermiamoci e ripartiamo da zero

Tema delicato da trattare e sempre nell'occhio del ciclone: il rapporto tra Occidente e Medio Oriente.
Il modo in cui lo scrittore utilizza è partendo dalla visione di un paesino sperduto, non lontano da Baghdad, in cui il mondo sembra fermarsi, rallentando i ritmi della quotidianità.
In questo silenzio ovattato, dei fragori risvegliano gli abitanti intorpiditi e ci riportano tristemente alla ribalta delle cronache.

Prima con l'uccisione di un ragazzo disabile, la cui colpa è quella di scappare spaventato alla vista delle uniformi e delle armi spianate, poi con l'esplosione di una bomba durante un matrimonio, causando varie vittime fra i civili.

Di fronte alle blande giustificazioni occidentali, sale lo sdegno degli abitanti, che in un attimo si trasforma in odio e in desiderio di vendetta. Obiettivo: ripagare con la stessa moneta.
Qui comincia la storia di un ragazzo, che decide di lasciare il suo paesino per ridare dignità al proprio popolo.

Le mie perplessità iniziali si sono trasformate in una piena approvazione, man mano che procedevo nella lettura, colma di significato, profonda nella descrizione di una realtà completamente diversa dalla nostra, ma alla ricerca di scopi comuni: il dialogo e il confronto, l'accantonamento degli interessi personali, per dedicarsi a quelli del popolo e la difficoltà di attuare tutto questo, inseguendo affannosamente il modo di vincere a una sorta di braccio di ferro, solo per dimostrare di essere i più forti.

Ma non ci sono nè vinti, nè vincitori. Una grande lezione per tutti.
Fermiamoci e ripartiamo da zero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta