Narrativa straniera Romanzi Le streghe di Eastwick
 

Le streghe di Eastwick Le streghe di Eastwick

Le streghe di Eastwick

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Sul finire degli anni Sessanta, in un'immaginaria cittadina del New England, vivono tre streghe moderne. Alexandra Spoffard, scultrice, è in grado di far scoppiare un temporale. Jane Smart, violoncellista, sa volare, mentre Sukie Rougemont, giornalista di cronaca mondana del giornale locale, sa tramutare il latte in panna. Tutte divorziate, ma molto disponibili ai rapporti con l'altro sesso, le tre meravigliose streghe subiscono il fascino di un uomo misterioso arrivato da New York, Darryl Van Horne, che sembra molto, molto interessato a loro, come donne e non solo...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le streghe di Eastwick 2018-02-23 12:46:15 enricocaramuscio
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    23 Febbraio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incantesimi, mistero e ipocrisia

"Non sorprese Alexandra il fatto che nonostante tutto il suo astio Jane dovesse rivelarsi la più debole nel momento di gettare l'incantesimo; perché la magia è alimentata dall'amore, non dall'odio: l'odio brandisce solo le forbici ed è impotente a tessere le interconnessioni di comprensione per mezzo delle quali mente e spirito muovono la materia." La provincia americana vista attraverso gli occhi di tre donne tutt'altro che ordinarie. Alexandra, Jane e Sukie sono al centro dei pettegolezzi della piccola e insignificante Eastwick, grazie al loro successo con gli uomini, alla loro propensione verso l'arte e soprattutto a certi poteri soprannaturali di cui sono dotate. Sembra infatti che le nostre eroine riescano a scatenare improvvisi temporali, trasformare palline da tennis in rospi o pipistrelli, assoggettare la gente ad ogni genere di sortilegio. Legate da un sodalizio indissolubile, ben più di una normale amicizia, le tre streghe, tutte uscite da un matrimonio fallito, vivono in maniera libera e disinibita, senza preoccuparsi troppo del futuro né dei giudizi della gente. Le loro vite tuttavia sono destinate a subire una serie di sconvolgimenti con l'entrata in scena del carismatico quanto eccentrico Darryl Van Horne, affascinante e misterioso milionario newyorchese che le coinvolgerà in un turbine di lusso e di lussuria, mettendo in discussione le loro certezze e la loro stessa amicizia. La situazione sfuggirà definitivamente di mano alle tre protagoniste quando subiranno una sorta di tradimento dal loro singolare cavaliere che le spingerà a incanalare i loro poteri in direzione negativa. Prosa articolata, descrizioni dettagliate, introspezione psicologica e un sano e realistico cinismo sono gli elementi alla base della scrittura di John Updike e si riflettono ampiamente anche su quest'opera in cui l'autore aggiunge, eccezionalmente, un pizzico di magia. Ma l'aspetto esoterico è solo uno stravagante corollario al crudo realismo con cui l'autore descrive una società americana piccolo borghese in cui il pettegolezzo si contrappone ad un'ipocrisia di facciata, l'adulterio sembra essere un elemento cardine della vita sociale, l'amore viene oscurato da gesti di efferata violenza, l'interesse per gli altri è legato solo e soltanto all'eventualità di ricavarne un tornaconto. Non mancano gli spunti comici né quelli passionali. L'incedere brioso del racconto è rallentato qua e là da lunghe digressioni (forse evitabili) e da piccoli e interessanti momenti di riflessione. Nel complesso si tratta di un buon libro in cui Updike, giocando con incantesimi e mistero, non perde occasione per bacchettare il perbenismo, l'ambiguità e le futili chiacchiere che caratterizzano la società del suo tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa