Love Love

Love

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Grandi amici fin dall'adolescenza, Davy e Joe hanno ormai quasi sessant'anni e si vedono di rado. Le loro vite hanno preso strade diverse, letteralmente: Davy infatti vive in Inghilterra da molto tempo e torna a Dublino solo per far visita all'anziano padre, mentre Joe è rimasto nella sua città d'origine. Ma questa sera il loro incontro ha un sapore particolare, e insieme alla birra scorrono ricordi e segreti mai confessati... Davy ha ritrovato Jessica, la «ragazza con il violoncello» di cui i due amici poco più che ventenni si erano invaghiti, e per lei ha lasciato la famiglia. Pinta dopo pinta, pub dopo pub, nel corso di una lunga conversazione in cui il passato si intreccia al presente, anche Joe si confida: l'amore per sua moglie Faye, così disinibita e ribelle, ha suscitato nel padre, che per il figlio avrebbe voluto un altro destino, una sottile ma costante disapprovazione; quel padre che forse, ora, lascerà molte domande senza risposta... Questa serata segnerà la fine dell'amicizia di Davy e Joe? O sarà l'occasione per parlare sinceramente del loro rapporto, di quello che è stato, di quello che può ancora essere? Roddy Doyle riesce a raccontare con ironia e commozione anche le pieghe più recondite e buie dell'esistenza. E a celebrare l'amore in tutte le sue forme, anche quelle che non credevamo potessero esistere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Love 2020-10-19 12:32:49 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    19 Ottobre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Microcosmo affettivo

Due vecchi amici, Davy e Joe, oggi sessantenni, un viaggio nei bar di Dublino, alcol in quantità, un flusso ininterrotto di parole su vita, famiglia, problemi coniugali, una misteriosa donna riemersa dopo decenni, il dubbio su realtà e immaginario, una miscellanea di passato e presente che sembra ogni volta interrompersi e rinnovarsi, riaffermando una nuova verità, fino a ora celata, anche a se’ stessi, in parte dimenticata, o completamente inventata, chi lo sa.
C’è un padre ricoverato in attesa di una morte certa che lo sottragga all’atrocità del dolore e della malattia e una resa dei conti per tutto quello che poteva essere e non è stato.
Joe inizia a raccontare, Davy, di fronte a lui, ascolta la sua versione, l’ unica, e a sua volta ricorda un possibile e improbabile amore giovanile, la ragazza del violoncello ( Jessica ), un tempo visione utopica e celestiale, oggi ingombrante presenza riemersa quasi per caso.
Allora i due amici avevano poco più di vent’anni, intorno a loro un nuovo e inaspettato corso della vita, diretti verso un’ età adulta che non sembrava essere niente male, chiusi in una bolla di evasione, per vivere, o provarci, all’altezza della musica che amavano, dei libri che leggevano, cercando donne in grado di intuire, capire, accoglierli, elevarli.
Joe e’ certo di avere amato Jessica da sempre, anni nella menzogna di un matrimonio oggi disintegrato ( con Trish ), per ritornare ogni volta dalla moglie tradita, Davy proviene da una casa silenziosa, la morte della madre ha distrutto la vita del padre, la sua sconvolta e reindirizzata dal sorprendente umorismo della moglie Faye.
Oggi è a Dublino al cospetto di un padre malato, assaporando il piacevole gusto di sentirsi dublinese, avendo deciso di farvi ritorno un paio di volte l’anno anche dopo la sua morte.
Il dialogo prosegue incessante, del resto l’alcol rende tutto più facile e sincero, lentamente riemerge il vecchio accento e quel ragazzo dublinese di quando videro Jessica per la prima volta.
Prende corpo un racconto nel racconto, due amici che si leggono dentro, che poco ascoltano per ascoltarsi e quello che l’uno dice di ricordare non corrisponde a quello che l’altro ricorda, che attingono ai vuoti della memoria altrui inscenando una parte che ne prevede un’altra, più intima e profonda, il senso di un’ esistenza.
È qui che lentamente si scrosta la muffa di una vita intera e ci si domanda, al cospetto della rigenerata confusione altrui, che cosa si intenda per casa. Per Davy casa sono le quattro mura, Faye e i ragazzi, gli anni passati lì, l’ intero percorso a dispetto di un trapassato nebuloso che avrebbe previsto un’ amicizia esclusiva ed escludente, un legame unilaterale che ne avrebbe indirizzato i sentimenti.
E qui, più che su eventi possibili o improbabili, si focalizza il senso di una vita, imbrattata di errori, assenze, ritardi, colpevolezza, ma anche di certezze, stabilità, presente e futuro.
Un romanzo intrigante, più chiavi di lettura che scavano nell’ incertezza dei fatti, lasciandoci un senso di intimità all’apparenza preclusa, un autore che sa muoversi all’interno delle parole e attraverso una fitta rete dialogica ricostruisce una complessa trama di sentimenti, mai banali, nel cuore di una riscoperta e ricostruzione che pare finalmente scardinare il proprio microcosmo affettivo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri