Narrativa straniera Romanzi Memoria delle mie puttane tristi
 

Memoria delle mie puttane tristi Memoria delle mie puttane tristi

Memoria delle mie puttane tristi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

''L'anno dei miei novant'anni decisi di regalarmi una notte di folle amore con un'adolescente vergine''. Comincia così il nuovo romanzo di Gabriel Garcia Marquez, il libro con cui il premio Nobel colombiano torna dopo dieci anni alla narrativa. E lo fa rendendo omaggio al capolavoro di un altro premio Nobel da lui particolarmente amato, "La casa delle belle addormentate" di Yasunari Kawabata. A raccontare è la voce dell'anziano protagonista, un giornalista eccentrico e solitario, appassionato di musica classica, che accanto a quell'adolescente scopre il piacere inverosimile di contemplare il corpo nudo di una donna che dorme "senza le urgenze del desiderio o gli intralci del pudore".



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 9

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.3  (9)
Contenuto 
 
3.9  (9)
Piacevolezza 
 
4.0  (9)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Memoria delle mie puttane tristi 2015-03-26 16:28:19 WottaCambija
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
WottaCambija Opinione inserita da WottaCambija    26 Marzo, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ANATOMIA DELL'AMORE

"La forza invincibile che porta avanti il mondo non sono gli amori felici bensì quelli contrastati".
Un elogio all'Amore, celato dietro molteplici linee sottili di apparenza. L'apparenza della vecchiaia, dell'apatia, del degrado delle notti miserabili e del tempo che passa.
Memoria delle mie puttane tristi è un viaggio all'interno di un emozione, di un sentimento che non può essere controllato, represso o contrastato. Una poesia romanzata che non cade mai nel banale, mostrando tutte le facce dell'Amore. Un inno all'emozione più forte che un uomo possa provare, capace di devastare ogni legge della fisica e del tempo che passa inesorabile, ma che sa anche fermarsi e scorrere in senso inverso, facendo riassaporare l'essenza più pulsante della vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama le letture di introspezione e, con un piccolo strappo alla regola cito un film, a chi ha amato "La grande bellezza".
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memoria delle mie puttane tristi 2014-08-13 22:43:45 Mancini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mancini Opinione inserita da Mancini    14 Agosto, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non è mai troppo tardi

Un titolo irriverente che evoca eventi pregni di decadenza e moralismi inesistenti, ma a grande sorpresa dietro a ciò si cela un inno all'amore, una poesia scritta tutta d'un fiato da chi aveva sempre creduto che l'amore avesse una forma ben precisa, salvo scoprire in tarda età che così non era!

Protagonista un novantenne giornalista e professore di lettere che ha speso la sua intera vita nella solitudine dei suoi libri, la sua musica classica e l'amore carnale, quello a pagamento che non gli ha mai permesso di sposarsi perché andava bene così!
Alla soglia dei novant'anni decide di farsi un ennesimo regalo, questa volta con una minorenne vergine che riesce a trovare grazie all'aiuto di una sua vecchia amica che gestisce un bordello.
E' qui, dove il pudore potrebbe mettere un freno inibitore che impedisce di proseguire la lettura in quanto al limite del decente, che si ha la svolta che solo un tale maestro della letteratura ha potuto tessere con un prestigio disarmante.

Il protagonista, narratore in prima persona, passerà intere notti a letto con la ragazzina, che soprannomina Delgadina, senza mai di fatto compiere atti sessuali diretti nei suoi confronti, ma solo sfiorandola e parlandole, essendo lei ogni volta addormentata sul letto della spoglia camera del bordello.
Il professore notte dopo notte porta con sé un oggetto per arredare la stanza, un quadro, una radio per ascoltare la musica classica, dei fiori, il tutto per dare senso a quegli incontri che pian piano diventano per lui necessari quanto il vero amore che sta nascendo per quel fiore appena sbocciato, quanto il vero amore che egli dopo novant'anni e qualche centinaio di donne "usate" riesce a sperimentare per la prima volta in assoluto e che lo fa stare male come un perfetto giovanotto alle prime armi.

Un'adolescenza che ritorna e che gli fa capire la sostanza perduta sino a quel momento, una occasione di effettuare un' introspezione a tutto tondo e comprendere dei meccanismi magici per i quali non risulta essere mai troppo tardi.
E così i novant'anni si trasformano dall'età della decadenza ad una scoperta di volerne vivere altri novanta per poter recuperare il tempo perso e ridare senso all'amore che sino ad allora non era stato amore.
Un racconto in cui ti sembra di ascoltare la voce di chi narra, una voce grave e piena di sentimento, un monito che fa riflettere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...a chi non si ferma di fronte alle apparenze
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memoria delle mie puttane tristi 2011-12-12 22:45:55 Gigi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Gigi    13 Dicembre, 2011

Si può solamente leggerlo... e goderlo

Un quadro va guardato, un brano di musica va ascoltato, questo libro (racconto?) che si può definire delicato, magico, profondo, ironico, introspettivo, disincantato, sensuale, poetico..., va semplicemente letto, e goduto: l'unico modo per commentarlo è trascriverlo.

(Nota: la traduzione, oltre a non rendere la musicalità del testo originale, appesantisce alcuni termini che in spagnolo non possiedono la stessa sboccatezza che in italiano).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memoria delle mie puttane tristi 2011-04-15 14:06:47 Lady Libro
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    15 Aprile, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Garcìa Marquez ha fatto di meglio

Sinceramente quando l'ho acquistato mi aspettavo molto di più (visto che reputo Garcìa Marquez un bravissimo scrittore)... E invece non mi è piaciuto per niente: la storia è bruttissima (oserei dire pessima), non succede praticamente mai nulla e ci si addormenta dopo neanche una ventina di pagine... Mi è scivolata addosso come acqua sul vetro, senza lasciarmi nessuna sensazione piacevole nell'anima se non un terribile senso di delusione. L'ho trovato un libro estremamente freddo e superficiale. Garcia Màrquez ha sicuramente scritto molto di meglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
64
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memoria delle mie puttane tristi 2010-05-26 12:46:47 gio gio 2
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
gio gio 2 Opinione inserita da gio gio 2    26 Mag, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

POESIA PURA

"C'era una stella sola e limpida nel cielo colore di rose,un battello lancio' un addio sconsolato,e sentii in gola il nodo gordiano di tutti gli amori che avrebbero potuto essre e non sono stati"....Poetico,malinconico...a tratti gioiso...un uomo,s ...che a novant'anni decide di regalarsi una notte d'amore con un adolescente vergine...senza mai cadere nella volgarita',Marquez,ci regala questa splendida PERLA di saggezza,amore,malinconia e poesia...intramontabile...decisamente.E' come ripercorrere con l'autore le sue andate esperienze di vita e la saggezza che ne trae racchiusa in questo piccolo,grande libro!Lo consiglio a chiunque ami Marquez

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memoria delle mie puttane tristi 2010-04-27 20:24:36 gio gio 2
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da gio gio 2    27 Aprile, 2010

intramontabile Marquez

triste, ma saggio. prima di leggerlo avevo sentito che l'autore in questo libro aveva perso la sua poesia, non sono d'accordo, io l'ho trovato dolcemente malinconico e saggio. un buon libro

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ama Marquez e ne sa apprezzare la saggezza
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memoria delle mie puttane tristi 2008-12-14 14:51:26 Abacus
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Abacus    14 Dicembre, 2008

Memoria delle mie puttane tristi

Il solito incomparabile stile di Gabriel Garcia Marquez è capace di coinvolgere il lettore. Con brevi e profondi colpi, usa le parole come un pennello, per tratteggiare personaggi asciutti e veri anche in una trama apparentemente banale. E' il sentimento che si gode, più che il senso dello scorrere degli avvenimenti. Ci si culla sull'onda delle parole, mai a caso. Godibilissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memoria delle mie puttane tristi 2008-03-13 09:21:58 kayblack
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da kayblack    13 Marzo, 2008

Memoria delle mie puttane tristi

Romanzo sulla vecchiaia, vista attraverso gli occhi di un uomo che sembra ancora vivo,vitale...ha ancora un lavoro da giornalista, la salute...insomma cos'altro potrebbe mai desiderare un uomo alla sua età?e tutto gira attorno a questa frase, perchè essere vivi significa avere ancora dei desideri. Ed il suo, dapprima inspiegabile, si rivelerà pagina per pagina, quella ragazza vergine desiderata, quell'amore che oserei definire "sfiorato" (l'uomo l'accarezza e la sfiora soltanto)ma che dentro gli regala vita.
Non meno protagoniste, pagine di confidenze sulla sua condizione di "sopravvissuto alla guerra contro il tempo" che ne fanno un racconto schietto che a tratti fa sorridere sull'invecchiare, senza mezzi termini nè piagnucolamenti, Gabriel Garcia Marquez sa scuotere i nostri sentimenti senza stupidi trucchetti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"L'amore ai tempi del colera"
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Memoria delle mie puttane tristi 2008-02-04 01:48:15 Maristella
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Maristella    04 Febbraio, 2008

Ancora un dono di scrittura palpitante

Puo’ un libro essere una poesia,puo’ essere una piccola favola delicata, puo’ essere un gioiello prezioso che viene mostrato con discrezione e riserbo,senza perdere finezza,leggiadria e sensibilità?



Si puo’ parlare di solitudine e vecchiaia,di un riappropriarsi dei propri sentimenti nonostante l’impossibilità di non finire per essere come gli altri credono che uno sia? Marquez ci conferma ancora una volta,di essere capace di comprendere, in un piccolo libro,quasi un racconto,il compendio di un’intera vita e l’infinito bisogno,ad ogni età,di ritrovare un punto di origine per continuare il cammino,senza privarsi della saggezza dell’esperienza e del vissuto,trasformando le intemperanze giovanili in momenti di struggente dolcezza e tranquilla amabilità,ricordando con una frase di Cicerone che “ Non c’è vecchio che dimentichi dove ha nascosto il suo tesoro”. E il tesoro nascosto è infatti ben visibile e si tratta di amore, il quale ,si ferma delicatamente ai bordi dell’amore vitale e in una sorta di placida contemplazione imbeve l’anima di consapevole epilogo,elevando lo scrittore stesso,ad una intensa visibilità della sua voglia di vivere e di regalarci ancora la sua palpitante scrittura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sirene
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Mare di pietra
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La notte mento
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sirene
Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
La notte mento
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno