Moshi moshi Moshi moshi

Moshi moshi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Dopo aver perso il padre in quello che ha tutta l’aria di essere stato un doppio suicidio d’amore, Yoshie si trasferisce dalla sua casa di Meguro a un minuscolo e vecchio appartamento a Shimokitazawa, un quartiere di Tokyo famoso per le sue stradine chiuse al traffico, i ristoranti, i negozietti, nonché meta degli alternativi della capitale. Qui Yoshie spera, aiutata dall’atmosfera vivace, di superare il dolore e dare una nuova direzione alla sua vita. Un giorno, però, sua madre le si presenta a casa all’improvviso con una borsa Birkin di Hermès e qualche sacchetto. Inizia così una bizzarra convivenza che unisce le due donne lungo il percorso di elaborazione del lutto che le ha colpite, le pone di fronte a verità inaspettate.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.3  (4)
Contenuto 
 
3.3  (4)
Piacevolezza 
 
4.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Moshi moshi 2013-12-27 22:49:51 G@i@
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
G@i@ Opinione inserita da G@i@    28 Dicembre, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due donne a Shimokitazawa

Il libro tratta di amore, tradimento, vita quotidiana e del tema della morte in modo abbastanza equilibrato.
L’autrice ha uno stile narrativo tendente all’introspezione quindi è consigliato a chi già ha letto qualcosa della stessa o è amante dei libri che descrivono gli stati d’animo.
L’evento iniziale è il trasferimento di Yocchan, la protagonista, dalla casa dei genitori in un appartamentino sito nello stesso quartiere dove lavora come cameriera in un locale di cucina francese.
Questo evento avviene poco dopo la morte del padre, avvenuta in circostanze drammatiche, si tratta di un suicidio compiuto con l’amante, una donna della cui esistenza né la figlia né la moglie di lui erano a conoscenza.
Esse quindi subiscono non solo lo choc della perdita ma anche quello dell’abbandono, ovviamente vivono il lutto in modo diverso. La figlia si rimprovera di non aver sospettato nulla e non aver fatto niente per evitare la morte del genitore, si sente in colpa per essere stata distratta e superficiale.
La madre invece si sente umiliata e defraudata per via del tradimento e ha perso i punti di riferimento della sua vita. Decide quindi, non sopportando più di vivere nella casa di famiglia, di chiedere asilo alla figlia, trasferendosi a vivere nel minuscolo appartamento che quest’ultima ha preso in affitto.
Cambiando quartiere e sforzandosi di vivere normalmente la loro quotidianità sembra che le loro anime inizino a ricomporsi pezzo dopo pezzo. La madre fa la conoscenza dei negozianti del nuovo quartiere e finisce per essere assorbita dalla nuova aria che vi si respira. La narrazione infatti sembra ruotare proprio attorno al quartiere di Shimokitazawa e lo rende quasi un entità viva e compartecipe delle vite dei suoi abitanti, tant’è vero che il titolo originario dell’opera è Moshi moshi Shimokitazawa.
Yocchan fa la conoscenza di Aratani, un avventore del ristorante che sembra conoscere particolari riguardanti la morte del padre di lei.
Essendo coetanei tra i due sembra nascere una storia d’amore ma i dubbi della ragazza e la sua situazione emotiva agiscono da freno. Inoltre non è sicura dei sentimenti che prova verso di lui.
Solo alla fine del libro, dopo aver affrontato ed elaborato il lutto, scoprirà quali sono i suoi veri sentimenti e a chi sono realmente diretti.
Un punto a favore del libro è il modo in cui riesce a far immergere il lettore nella realtà che vivono i personaggi, sembra quasi di poterli toccare, forse dovuto anche allo stile molto descrittivo e in cui non mancano mai i dettagli e la descrizione delle piccole cose della quotidianità, quest’ultimo però è purtroppo anche un limite in quanto a un lettore amante delle narrazioni veloci e delle trame avvincenti e molto elaborate potrebbe, in alcuni punti, annoiare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Moshi moshi 2012-09-13 21:07:50 Nadiezda
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    13 Settembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scusami, sono una bambina

Banana non si smentisce mai! I suoi libri sono delle favole di vita quotidiana.
Lo stile è sempre poetico, semplice e dolce.
Anche questa volta ha fatto uscire dalla sua penna una storia piacevole e molto rilassante.

Il fulcro di questa storia è basato sul legame madre e figlia nato dopo la scomparsa del marito/padre.

Il titolo di questo delizioso racconto è tratto dalla tipica espressione usata dai giapponesi per rispondere al telefono e deriva dalla frase “mousi masu, moushi masu”.

Passiamo alla trama.

Yoshie ha da poco perso il padre in uno strano suicidio d’amore. Proprio questo fatto la farà “scappare” da Meguro per trasferirsi in un minuscolo appartamento nel colorato e caratteristico Shimokitazawa, un piccolo quartiere di Tokyo.
Proprio mentre la sua vita stava prendendo una piega diversa la madre le bussa alla porta e decide di convivere con lei.
Insieme scopriranno il piacere delle cose semplici, come una dolce granita o la fresca insalata.
I piccoli piaceri della vita le farà pian piano rinascere.
Eppure le cose non sono del tutto cambiate.
Yoshie continua ad avere molti incubi durante i quali non smetterà di urlare “Moshi moshi?? Moshi moshi???”.

È una storia dolce, delicata, intensa, nella quale l’amore, l’odio e l’amicizia si intrecciano piacevolmente per costruire un racconto scorrevole e delizioso.

Cosa aggiungo? Buona lettura!

“Non appena pronunciai il suo nome, le lacrime presero a scendermi copiosamente”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Moshi moshi 2012-07-27 12:10:21 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    27 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pronto?Pronto? Chi è? Diamine!,mi rispondete?

Yocchan ha da poco raggiunto l'indipendenza economica dai genitori e vive da sola in un piccolo monolocale a Shimokitazawa, caratteristico quartiere di Tokyo fatto di stradine circondate da negozietti e ristoranti tipici ed è proprio in una di queste locande dedicate alla cuisine de ménage che lavora alacremente grazie all'affiatamento con la prorietaria Michiyo. La vita della giovane ristoratrice è stata sconvolta dalla notizia della morte di Imo, suo padre, apprezzato musicista, trovato morto, in quello che sembra a detta della polizia un omicidio suicidio, nei boschi di Ibaraki mentre era in compagnia di una giovanissima donna: la sua amante e cosa che ha lasciato tutti ancora più perplessi questa assassina-amante era anche imparentata con Imo. Se Yocchan è rimasta frastornata da questa tragedia,la madre sembra quasi uscire di senno, alcuni giorni dopo il funerale rivela alla figlia di ricevere giornalmente le visite del fantasma del marito,quindi chiede e ottiene ospitalità alla figlia.
Yocchan , messo da parte il suo egoismo,tenta di aiutare la madre a superare lo choc, ma anche lei ,che sembrava quasi immune al dolore, scoprirà, durante questa convivenza forzata, quanto Imo le manchi. Al ristorante un giorno capitano per puro caso, come semplici avventori, prima Aratani e poi Yamazaki due grandi amici e colleghi del compianto Imo. Questi due assidui clienti all'inizio sembrano aiutare la ragazza a superare il turbamento per la drammatica morte del padre,ma alla fine si trasformano,loro malgrado, in motivo di ulteriore sofferenza e
confusione,tant'è che Yocchan finirà per innamorarsi di entrambi divenendone l'amante.

Banana Yoshimoto ci sorprende ancora una volta descrivendo sentimenti, ossessioni, nevrosi che accompagnano il montare di una sofferenza repressa con originalità e raffinata analisi psicologica. Moshi moshi?, corrisponde al nostro:"pronto?Pronto? chi parla?"
Il lutto è una telefonata,improvvisa,inattesa, nel momento stesso in cui alziamo la cornetta e chiediamo "moshi?" moshi?" comprendiamo che non c'è e non ci sarà più qualcuno a rispondere.
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Moshi moshi 2012-07-26 08:20:23 Sonia
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Sonia    26 Luglio, 2012

Editing da rifare

Si sente tanto la mancanza di Giorgio Amitrano! Non si ritrova lo stile facile e immediato della Yoshimoto, qui il discorso salta di palo in frasca, i soggetti cambiano senza una logica, quindi il libro è piuttosto faticoso. Credo occorerrebe un nuovo editing, peccato che l'autrice giapponese risulti di difficile lettura perchè la sua prosa è molto gradevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
02
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri