Mr Bridge Mr Bridge

Mr Bridge

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Walter Bridge è un avvocato ambizioso, che sente di dover dare sempre qualcosa in più alla sua famiglia: gioielli, vestiti, elettrodomestici, rispettabilità. E per farlo sa di dover soprattutto pensare a lavorare, perché funziona così in America. Ma non si rende conto in questo modo di creare una voragine dentro di sé, che lo separa giorno dopo giorno proprio dalle persone a cui vorrebbe fare del bene. Non si rende conto di diventare, per la moglie e per i figli, un estraneo capace di un'indifferenza ridicola e feroce. Mr Bridge è un uomo di successo, ha fatto tutto quello che poteva per esserlo, nella convinzione che il successo gli avrebbe garantito la felicità. Eppure la felicità non riesce a vederla da nessuna parte.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mr Bridge 2018-06-28 15:27:03 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    28 Giugno, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ritratto di un'anima minima...



(Kansas City. Tra gli anni '20 e i '40).
Mr Bridge è un uomo duro, freddo, privo di senso dell'umorismo.
Razzista, omofobo e bigotto.
Un uomo che ritaglia e conserva un articolo di giornale dal titolo "Gli uomini non sono stati creati tutti uguali".
Fortemente capitalista.
Un uomo formale, distaccato, persino con sua moglie.
Orgoglioso del suo percorso, del suo "farsi dal nulla" e per niente disposto a tollerare qualsiasi forma di pigrizia e di deviazione dalla retta via.
Ossessionato dall'andamento dei suoi certificati azionari, dal lavoro, dai doveri, mai un colpo di testa, un azzardo, un rischio.
Mai un piacere fine a se stesso.
Assolutamente contrario ai cambiamenti "progressisti", ancorato alle tradizioni e ai suoi ideali, che ovviamente sono quelli giusti e insindacabili.
Incapace di mettersi in discussione.
Un uomo che odia ogni esibizione dei sentimenti, sia in pubblico, sia in privato.
Ama sua moglie, ma "non essendo un poeta, non è tenuto a dirglielo".
Privo di qualsiasi slancio.
Privo di gioia.
Praticamente un uomo insopportabilmente noioso.

Ma protagonista di un libro sorprendente, che fa di una vita perfettamente vuota un bellissimo mosaico di piccole immagini dal retrogusto amarissimo.

Dopo "Mrs Bridge" (esattamente 10 anni dopo), Connell ci presenta suo marito che, proprio come lei, è profondamente solo, perso nelle voragini che ha creato fra sé e gli altri, ingabbiato nel ruolo che si è cucito addosso...ma alla lunga, tutta questa rigidità, questa sorta di implosione, fanno male come uno starnuto trattenuto.

Connell è stato descritto come il "cronista delle anime minime"...credo non esista definizione migliore.
Un autore dalla vita ritirata, molto solitaria, assolutamente da riscoprire.
Uno capace di dare voce ai silenzi che s'insinuano all'interno di una famiglia.
Un autore che sa dipingere, con piccole e precisissime pennellate, un quadro tristissimo, che potremmo intitolare: "il non sapere di essere infelici".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri