Narrativa straniera Romanzi Non buttiamoci giù
 

Non buttiamoci giù Non buttiamoci giù

Non buttiamoci giù

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La notte di Capodanno, in cima a un palazzo di Londra, si incontrano per caso quattro sconosciuti. Non hanno nulla in comune, tranne l’intenzione di buttarsi giù, ognuno per i suoi buoni motivi. Dopo una discussione accesa e stralunata i quattro aspiranti suicidi finiscono per scendere dal tetto, ma per le scale, e imprevedibilmente tutti insieme, uniti da un’intima complicità impensabile fino a qualche ora prima. Poiché nello scenario incerto che ora si apre loro, il compito non facile di ricominciare a vivere dovrà essere affrontato, inevitabilmente, all’interno di un’improvvisata ed eterogenea comunità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (6)
Contenuto 
 
3.7  (6)
Piacevolezza 
 
3.3  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Non buttiamoci giù 2018-01-13 22:38:36 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    14 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Salto o rivisitazione ?

Un Capodanno come tanti ma non proprio. Quattro sconosciuti si incontrano e si scontrano per caso in cima alla Casa dei Suicidi, desiderosi di farla finita per sempre.
Non si conoscono, ignorano desideri e dolori altrui ( se non in quel momento ), una sola certezza , vite sfuggite al proprio controllo, irriguardose e modeste, costruite su tradimenti, solitudine, prigionia, noncuranza, figlie di una disillusione acclarata ad accomunare esperienze del tutto ( ma non proprio ) diverse.
Martin, star televisiva, assaggiata la galera per una storia di sesso con una minorenne, ha abbandonato la famiglia, Jess è stata mollata dal fidanzato, ha una famiglia assente ed affranta della misteriosa scomparsa della sorella, Maureen è una madre sola che ha trascorso ogni istante della propria vita al capezzale del figlio Matt, affetto da una malattia invalidante, JJ ha riposto da tempo il proprio auspicato ingresso nella popolarità musicale ritrovandosi a consegnare pizze a domicilio.
Le loro vite sono tramontate definitivamente in quel preciso istante, su quell’ ultimo piano, nessuna alternativa o via di fuga, sospinti da una pulsione irrefrenabile verso un gesto estremo e poco consolatorio.
Ciascuno pare essere pronto, ma improvvisamente, specchiandosi nell’ altro, non si riconosce se non riappropriandosi della speranza di evitargli una fine anche propria.
È l’ inizio di altro, e 90 giorni ( tempo limite per metabolizzare ed evitare l’ idea del suicidio ) di introspezione e condivisione, una terapia di gruppo per anime solitarie, il tempo necessario per scongiurare eccessi smodati, leggersi dentro e ritrovare se stessi, rimuovendo il passato nefasto.
Un rapporto, il loro, che parrebbe impossibile, figli di generazioni e classi sociali diverse con caratteri, gusti e linguaggi inconciliabili oltre che motivazioni contrapposte.
In questo viaggio psico emozionale, tra turpiloquio protratto e molesto ( Jess) ed una cinica ironia sdrammatizzante ( Martin ), un senso di inadeguatezza ed esaurimento ( Maureen ) ed una completa disillusione per vita ed amore ( JJ ), c’è ancora una possibilità ed un punto di incontro, che la vita riservi a ciascuno un senso ritrovato ed un fine negato o solo interrotto.
Qualcosa da tempo si è rotto, stentano a riconoscerlo o ne negano l’ evidenza, da tempo smarriti, anestetizzati, inconsapevoli, chi avendo inseguito desideri fuorvianti, chi fagocitato dalla celebrità, chi sommerso dal dolore famigliare e da un perbenismo nauseabondo, chi troppo idealista o soffocato da una quotidianità muta e da uno stillicidio di una vita non vita.
Ed allora che cosa rimane? Un vago ricordo, attimi di felicità, progetti interrotti, un vuoto esistenziale ormai scoperchiato e manifesto. Ciascuno, come sovente accade, ha elevato il proprio mondo a regola generale, ha fatto di se’ una vittima sacrificale, puntando il dito contro un nemico spesso invisibile, il proprio io.
L’ osservare e l’entrare nella pelle altrui, il confronto anche aspro con il diverso, il leggersi dentro, riconsegneranno senso e consapevolezza.
Un romanzo che insegue e ben rappresenta velocità, azione, turpiloquio, cinismo e superficialità emozionale, ( tratti tipici dell’ autore ), figli dei vizi ormai acquisiti di una contemporaneità un po’ schizofrenica, maldestra e poco pensante, ma anche il dolore della perdita, la paura della solitudine, una introspezione non banalizzata, per ritrovare, sull’ orlo del baratro, la possibilità di una rivisitazione con annessa redenzione.
Una domanda ed un dubbio, con vista sull’ oggi: che ormai sia troppo tardi?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Non buttiamoci giù 2014-08-27 13:39:34 laguby
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da laguby    27 Agosto, 2014

Saltare o non saltare: questo è il problema

Ne hanno tratto anche un film, la cui programmazione nelle sale cinematografiche è stata piuttosto breve. Ma il libro di Hornby, di cui abbiamo conosciuto la grazia a l’ironia in tanti precedenti lavori (About a boy, per citare quello probabilmente più famoso), merita di essere letto.
L’ultima notte dell’anno quattro sconosciuti si incontrano per caso sulla terrazza della “casa dei suicidi” con l’intenzione, appunto, di buttarsi giù. Decidono di stringere una specie di patto ...
Non è affatto un libro cupo, ma dotato di garbo e di un certo umorismo inglese.
Il linguaggio è scorrevole e, cosa che mi ha favorevolmente colpita, adattato su ogni singolo personaggio: così Martin, l’uomo-tv, è snob e contraddittorio; Jess ragazzina ribelle utilizza espressioni volgari; di maureen si intuisce la povertà persino da come parla e il musicista JJ cita frasi dalle canzoni preferite.
La soluzione che i quattro adottano, e il finale del libro, possono apparire banali o scontati: non è così, a mio avviso, perché nelle vicende della vita ci muoviamo tutti un po’ a tentoni.
Quello che conta è aver qualcuno vicino...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Non buttiamoci giù 2013-03-28 12:57:36 ChiaraLotus
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ChiaraLotus Opinione inserita da ChiaraLotus    28 Marzo, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La ruota che gira

Se tutte le persone applicassero nella propria vita ciò che questo libro – pur nella sua leggerezza – si propone di insegnare, vivere diventerebbe per tutti più facile.
Lo spunto, infatti, è originalissimo: quattro sconosciuti si incontrano su un tetto in procinto di suicidarsi e, dopo aver raccontato le proprie storie, decidono di rinunciare al proposito.
Le scale vengono scese portando nel cuore una promessa: donarsi aiuto reciproco per riuscire finalmente a superare le difficoltà – apparentemente insormontabili – delle loro ordinarie vite.
Il risultato di questo strano sodalizio è semplicemente esilarante. La storia, raccontata alternando di volta in volta i vari punti di vista, fa sorridere il lettore.
All’interno dei romanzi, la figura del “medioman” fa sempre un certo effetto. E qui ne abbiamo quattro. Quattro sfigati senza cognizione di causa, indipendentemente dal conto in banca, dallo status sociale o familiare, dal genere e dalle altre variabili socio-economiche.
Maureen, che ha fatto sesso una volta in vita sua, e si è trovata un figlio paralizzato.
Martin, incastrato da una ragazzetta smaniosa di diventare donna.
Jesse, che considera il suicidio un atto di ribellione degno dei più grandi poeti maledetti.
E infine JJ, che dopo aver perso il gruppo rock e la fidanzata, inventa una grave malattia per giustificare, agli occhi dei nuovi amici, la sua decisione di suicidarsi: dopo aver ascoltato le loro storie, non ritiene le proprie sventure abbastanza serie.
Sono quattro sfigati paralizzati nell’incapacità di cambiare.
Ma sono quattro sfigati che, unendo le loro forze, riusciranno a dare una bella sistemata al proprio sistema di valori, a cambiare le carte sul tavolo del destino o – molto più semplicemente – a sciogliere quei nodi che li tenevano imbrigliati in una vita completamente priva di amor proprio.
Le situazioni, nella vita di una persona, in fondo evolvono continuamente. Come dice lo stesso Nick Hornby, la ruota sembra ferma, ma gira. E l’unica cosa che un essere umano può fare per essere sereno è dare il proprio contributo a questo eterno movimento.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Non buttiamoci giù 2012-12-27 15:25:18 Cicchinelli
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Cicchinelli Opinione inserita da Cicchinelli    27 Dicembre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Molto piacevole!

E' un libro che mi è stato consigliato e che ho finito di leggere. La lettura è stata piacevole. Inizialmente sono rimasto un po' spaventato da una narrazione che si svolte di volta in volta seguendo il punto di vista di uno dei quattro personaggi. Questo elemento è realizzato con una certa eleganza ed originalità e lascia personalmente apprezzare una vicenda non banale e sufficientemente introspettiva relativamente ai protagonisti, quale quella del loro tentato suicidio. Le riflessioni delle figure le rappresentano in modo squisito: non sono mai sciocche e rimandano sempre a speculazioni personali. Le personalità che si confrontano sul tema non sono né simili né opposte, ma piuttosto selezionate a caso, pescando motivazioni più o meno valide per porre fine alla propria esistenza. E' nel complesso una lettura veloce, leggera e divertente che non pretende nulla di esagerato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Non buttiamoci giù 2012-05-05 17:17:16 Pelizzari
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    05 Mag, 2012
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Flussi di coscienze in crisi

Nella notte del 31 dicembre, su un altissimo grattacielo londinese, ci sono 4 persone, sconfitte dalla vita, che decidono di farla finita: un presentatore televisivo in crisi matrimonial; una donna disperata, senza lavoro e senza marito, con un figlio autistico; una ragazzina quindicenne sedotta e lasciata dal ragazzo; un musicista americano fallito e abbandonato dalla ragazza. Si incontrano su quel tetto per caso, è un incontro di anime, e l'inizio del romanzo. Si raccontano. Si aprono. Si scoprono. Lo stile è caratteristico: c'è molto umorismo in questa scrittura gesticolante, c'è molto coinvolgimento del lettore, c'è un sarcasmo ben temperato, c'è molta trasparenza, come un filo diretto tra il lettore e i protagonisti, senza che si avverta il filtro dello scrittore. Il romanzo è costruito sullo stretto alternarsi dei flussi di coscienza dei 4 protagonisti finchè diventa un mormorio ininterrotto, le 4 voci si mescolano e confondono. Grottesco, reale, assurdo, originale, tragicomico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Non buttiamoci giù 2010-08-30 20:25:34 Debs
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Debs Opinione inserita da Debs    30 Agosto, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tragicomico

Titolo del commento accuratamente scelto. Horby affronta delle situazioni drammatiche, attraverso la vita dei protagonisti, in modo fresco e leggero, riuscendo ad estorcere al lettore un sorriso, anche se talora amaro. La lettura scivola bene anche se comunque non regala forti emozioni. Leggibile ma non eccezionale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri