Quasi due Quasi due

Quasi due

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Il "gioco dei colombi" è il più popolare sui tetti di Teheran: consiste nel farli volare in cielo secondo determinate regole, per catturare quelli degli altri. Darioush è uno dei giocatori più accaniti: si alza all'alba, si fionda sul tetto, toglie i lucchetti e i colombi si librano in volo e lui con loro, in un rapimento ipnotico. Anche oggi, a poche ore dall'invasione irachena, Darioush pensa solo a vendicarsi del vicino che gli ha ucciso un colombo. E a farlo in modo spettacolare. Come nei film americani. E passato un anno e al volo dei colombi si sono sostituite le bombe; sotto i piedi di Darioush c'è la terra del fronte. E per fare l'eroe, viene catturato dal nemico. Che è anche lui un ragazzo, ma un ragazzo iracheno. Rinchiusi in un bunker, parlano lingue diverse, si odiano, li unisce solo la voglia di vivere l'adolescenza.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quasi due 2012-03-13 17:05:24 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    13 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per la barba del Profeta!

Darioush è uno di quei ragazzini che un padre ed una madre non dobrebbero mai lasciare soli in casa perchè al loro ritorno potrebbero non trovare più la loro bella casa e forse anche per qualche vicino bisognerebbe rivolgersi a "Chi l'ha visto?" per riaverne notizia.Darioush "una ne pensa e cento ne fa", è indubbiamente vivace, la sua terribile fantasia è forse stata alimentata dai tantissimi film americani con Burt Lancaster,Steve McQueen,Omar Sharif,Bruce Lee che ha avuto modo di vedere grazie alla sconsiderata videoteca fuorilegge (fuorilegge per l'Imam Khomeyni) che lo zio tiene nascosta in cantina?
Probabilmente le videoamericanate hanno contribuito, il resto l'ha fatto la guerra e la convinzione di essere il Prescelto. Andiamo con ordine, il romanzo è ambientato a Teheran, da poco lo Scià ha cambiato aria, ora su tutti c'è l'Imam Khomeyni che è un vecchio tosto e per niente tenero,ad un certo punto Saddam Hussein decide che ha bisogno anche del petrolio iraniano e invade il paese vicino (Saddam non era uno che si perdeva in chiacchiere).Durante la guerra anche i civili imparano a combattere, Darioush naturalmente impara a costruire molotov, non prima di aver rischiato di dare fuco alla sua casa e al suo migliore amico, Zal. Un giorno per non essere bocciato dal prof di arabo e religione ,aghaye Mir Hassani, impara delle Sure del Corano a memoria e fortuna vuole che nelle prove Invalsi (noi in Italia le chiamiamo così) Darioush risulta essere il migliore,l'unico in tutta la scuola ad aver risposto alla decima e difficilissima domanda che riguardava le Sure imparate per "strizza". I professori sono sorpresi ed emozionati, lo elogiano davanti a tutta la scolaresca e lo premiano organizzando un incontro solenne nientepopò di meno che con il supremo,il magnifico: l'Imam Ruholl?h Mu??af? Mosavi Khomeyni ! Darioush, ormai ha capito, questo è un segno divino, il suo destino è di diventare
un grande eroe, davanti a lui fuggiranno Iracheni e Americani. Beh ormai il piccolo "Gianburrasca"iraniano , come capirete, è pronto,è lanciatissimo verso nuove disavventure, chissà a chi o che cosa darà fuoco.Fortuna che i suoi colombi e l'amore per la bella Soheila ogni tanto tengono a freno la sua irruenza. Un testo divertente e colto che racconta l'Iran in modo originale.
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore