Narrativa straniera Romanzi Quello che non c'è scritto
 

Quello che non c'è scritto Quello che non c'è scritto

Quello che non c'è scritto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Quello che non c'è scritto, romanzo di Rafael Reig edito da Marcos Y Marcos. Poteva essere un weekend normale: il padre separato viene a prendere il figlio per portarlo in montagna, la madre ne approfitta per rilassarsi e lavorare un po'. Poteva esserlo, forse, senza il dattiloscritto che il padre lascia in casa della ex moglie, con un bigliettino: "Voglio che tu lo legga". La madre scorre le parole dell'ex marito: una storia sanguinaria, di vendetta. C'è una minaccia rivolta a lei, in quel romanzo, o è la sua immaginazione, è lei che legge quello che non c'è scritto? Certo, c'erano delle difficoltà, all'inizio: lei aveva chiesto al giudice di vietare all'ex marito di vedere il figlio, ma ora non è tutto superato, non sono finalmente in pace? Intanto padre e figlio perdono il treno, cala il buio; sbagliano sentiero. Quando raggiungono la baita, non sono più soli. La madre li chiama, i cellulari squillano a vuoto. Tranquilla, si dice, il ragazzo è con suo padre. Ma più legge il romanzo, più si allarma.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quello che non c'è scritto 2014-04-23 09:46:18 mia77
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
mia77 Opinione inserita da mia77    23 Aprile, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quello che non c'è scritto di Rafael Reig

I libri noir non sono la mia lettura preferita, ma per questo ho fatto un’eccezione, perché leggendo la sinossi mi ha attratta.
La caratterizzazione dei personaggi da parte dell’autore è ben fatta, l’idea di fondo è abbastanza interessante e il romanzo è scritto abbastanza bene. Pero’…, però.
L’argomento principale è l’incapacità di noi tutti di comprenderci l’un l’altro, persino di capire la persona che abbiamo amato e che ci è stata vicina per molti anni (“La coppia è uno specchio, ci scopri sempre qualcosa di te stesso che avresti preferito non sapere”, “Le coppie non si separano quando uno dei due scopre la verità sull’altro e si rende conto che non è come si aspettava; si sfaldano quando si finisce per conoscere se stessi e si scopre quello che segretamente si temeva che venisse fuori”).
Ci presenta un tema, oggi molto attuale: quello della famiglia disgregata e delle conseguenze di questa dissoluzione su entrambi i coniugi (nel caso dei nostri protagonisti depressione e alcolismo), ma soprattutto sui figli (“Finirono per convertire il bambino nell’oggetto dei loro conflitti”).
Carina l’idea di alternare il manoscritto scritto da Carlos (il marito) per la moglie, al romanzo vero e proprio, come se si intrecciassero, per permetterci di seguire in contemporanea l’evolversi di entrambe le storie, lasciandoci molte volte sul filo del rasoio.
Il libro parla del sospetto che si insinua in Carmen (la moglie), creando una spirale di paura e rabbia verso l’ex marito, a causa di quello che legge sul manoscritto che lui le lascia prima di partire per un week-end con il figlio adolescente. Ma soprattutto per colpa di “quello ce non c’è scritto” su quel manoscritto (“Forse era lei, a proiettare i suoi fantasmi su quel dattiloscritto. Le sue paure, ma anche i suoi rimorsi, i suoi sensi di colpa”, “Quello che trovava lì dentro quando leggeva, erano le sue paure o quelle di Carlos? Era il suo desiderio o quello di Carlos?”, “Leggeva troppo, più di quello che c’era sulla pagina: leggeva quello che non c’era scritto. Forse proprio quello era l’ostacolo: cercava qualcosa tra le righe e ciò le impediva di vedere qual che aveva sotto gli occhi”).
Angosciante mi è sembrata la paura costante di Jorge (il figlio) nei confronti del padre e il timore continuo di deluderlo (“in sua presenza Jorge si sentiva impaurito”, “quanto più suo padre pretendeva che fossero felici, più paura gli faceva”, “Così non va bene Jorge, devi comportarti da uomo”, “Che fatica invece conquistare l’amore di un padre o la sua semplice approvazione”, “E’ colpa sua, lo sa, trova sempre il modo di irritarlo, commette sempre qualche errore”e ancora: “Qualsiasi cosa faccia sarà sempre in debito con suo padre”).
La cosa più sottile che il romanzo ci fa capire, a mio avviso, è che il pericolo reale, in ogni relazione, non è un lupo che sopraggiunge dall’esterno, ma il lupo che si insinua dentro di noi è che è sempre pronto ad attaccare.
Non credo di aver capito del tutto il finale, resto con svariati dubbi. Sarà stato questo l’intento dell’autore?
Comunque è un libro che consiglio di leggere, soprattutto agli amanti del genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri