Narrativa straniera Romanzi Questo post è stato rimosso
 

Questo post è stato rimosso Questo post è stato rimosso

Questo post è stato rimosso

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Essere un moderatore di contenuti significa vedere l'umanità al suo peggio, ma Kayleigh ha bisogno di soldi. Ecco perché accetta un incarico per una piattaforma di social media di cui non le è permesso fare il nome. La sua responsabilità consiste nell'esaminare video e foto offensivi, sproloqui e teorie cospirative, e decidere quali debbano essere rimossi. È un'attività estenuante. Kayleigh e i suoi colleghi trascorrono le giornate guardando le cose più orribili sui loro schermi, e valutandole secondo le linee guida dell'azienda, che cambiano in continuazione. Eppure lei sente di essere nel posto giusto. È brava nel suo ruolo, trova amici tra gli altri moderatori e, quando si innamora della sua collega Sigrid, per la prima volta il futuro le sembra luminoso. Ma presto il lavoro inizia a cambiarli tutti, facendo deragliare le loro vite in modi allarmanti. Quando i colleghi crollano uno dopo l'altro, quando Sigrid diventa sempre più distante e fragile, quando i suoi amici cominciano a sposare le stesse teorie cospirazioniste che dovrebbero valutare, Kayleigh si chiede se quel che fanno non sia troppo per loro. Eppure lei sta benissimo. O no? Ambientato nel mondo tossico dei moderatori di contenuti, Questo post è stato rimosso è una storia potente e attuale su chi o che cosa determini la nostra visione del mondo. Esplora il concetto di moralità e di come sia fluido, mutando costantemente a seconda di dove e con chi ci troviamo, e mette in luce il potere delle grandi aziende tecnologiche, il modo in cui ci controllano e alla fine ci cambiano per sempre.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Questo post è stato rimosso 2022-07-11 14:19:58 68
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    11 Luglio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Realtà virtuale

Una dimensione umana vissuta all’ interno di un piccolo gruppo di mediatori di contenuti sotttoposto a un lavoro alienante, accarezzando l’ inverosimile, sguardo imparziale e imbarazzato su migliaia di post da approvare o censurare.
La vita di Kayleigh è calpestata da condizioni lavorative inaccettabili e da una paga indecente, d’altronde è piena di debiti e ha bisogno di soldi, accetta l’impiego in una piattaforma per social media incurante della pressione psicologica e dello stress cui sottopone i propri dipendenti, indirizzata a indicatori di quantità, velocità e basso indice di errore.
Chi sopravviverebbe in una condizione siffatta, ne va della propria salute mentale, a Kayleigh non resta che cercare e coltivare relazioni sentimentali all’ interno del proprio gruppo di lavoro, la propria vita.
È noto che l’ essere umano ha la capacità di resistere e di adattarsi mentre l’ odore di marcio lentamente diminuisce, anestetizzati dalla necessità ( denaro e lavoro ) si finisce per assorbire e riproporre il vissuto.
Quanto lo sguardo incessante su abusi, violenze, razzismo, immagini scioccanti intercettate e consumate quotidianamente, può deviare la vita e le relazioni del singolo e quanto questi post ne impregnano l’ animo riproponendosi nel privato, indirizzando giudizi e generando eccessi, modificando le opinioni, inscenando un reale distopico e schizoide?
Ci sono codici e regole per postare contenuti, l’ uso di un certo linguaggio, l’ astenersi dal mostrare determinati particolari, la protezione di determinate fasce deboli, quale il limite della decenza, come regolarizzarlo e non oltrepassarlo?
Questa è una storia personale da raccontare per denunciare l’ inverosimile, con la certezza che è stata vissuta, ma la protagonista è tuttora credibile o è stata a sua volta fagocitata e a sua volta stenta a riconoscersi?
Il mondo social è un macro contenitore di micro contenuti, immagini e fotogrammi scorrono ininterrotti sotto l’ occhio acritico e anestetizzato di chi sembra godere delle sofferenze altrui, guarda e non vede, nessuna pietas ne’ coscienza critica, la sola versione possibile e’ l’ impossibile, l’ unica realtà l’ irreale.
A Kayleigh non resta che andarsene, dimettersi, denunciare cercando di conservare un briciolo di umanità, se non è troppo tardi, in un coinvolgimento e capovolgimento emotivo. Forse la salvezza sta nell’ umana presenza, la denuncia la sola possibilità di arginare l’ inverosimile.
Questo breve romanzo della scrittrice olandese Hanna Bervoets, esito di un’ accurata ricerca sulle condizioni di lavoro dei moderatori di contenuti commerciali in tutto il mondo, caratterizzato da una certa linearità e chiarezza espositiva, suo pregio e limite, ci consegna argomenti già noti, i limiti della decenza, l’ orrore sul web, sfruttamento, precariato, assenza di dignità lavorativa, alienazione, ma credo che una riflessione andrebbe estesa al concetto più esteso di “:socialità “ cui il romanzo non fa riferimento.
La deriva sociale non è più futuribile, è tra noi e dentro di noi, realtà tangibile, anime perse, anestetizzate, sofferenti, inconsapevoli, deboli, furiose, cinicamente e ciclicamente esposte al pubblico ludibrio.
La ricerca del male affonda le proprie radici nell’ origine del male medesimo, vittime e carnefici si incastrano, il tutto sotto lo sguardo indifferente dei più, tra fotogrammi irrinunciabili di velocità e dipendenza acritica.
Qualcuno potrebbe opporsi, distinguere, inorridire, astenersi, negare l’ orrore proposto e generato, i più lo ignorano, sospinti da un narcisismo eccedente e da una morbosa superficialità, esito di insipienza e noncuranza, chi fagocitato da un sistema assai poco etico, chi indirizzato a un’ inconsapevole isteria paranoica, un giuoco al massacro gestito da un reale virtuale assai poco virtuoso, tutto il resto, essenza e contenuti, ridotti, azzerati o mai pervenuti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta