Ragazza Ragazza

Ragazza

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nel buio della foresta, nel Nordest della Nigeria, Maryam è in fuga con la sua bambina. È stata tenuta in ostaggio per mesi, forse anni, insieme a un gruppo di altre ragazze, rapite come lei. Nel campo di addestramento dei miliziani hanno conosciuto solo orrore e brutalità. Sono state schiave, concubine. Qualunque cosa servisse. Poi Maryam, all'improvviso, è riuscita a fuggire e adesso non sa nemmeno da quanto tempo stia vagando in una natura selvaggia e impietosa. Né quale sia la direzione giusta in cui scappare. Ma se anche trovasse la strada per tornare dalla sua famiglia, come verrà accolta ora che non è più pura, con quella sua bambina nata dalla violenza?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ragazza 2021-04-27 19:43:02 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    27 Aprile, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Maryam

«Mio padre non è riuscito a guardarmi. Lui diceva sempre che quando te ne vai è l’anima a restare. Diceva che l’anima non pesa niente, essendo di origine divina.»

È stato un attimo. Come un tuono che rompe la quiete portando tempesta, che spacca in due il cielo destando e lasciando ansia nel cuore. Le ragazze erano tutte insieme nel campo e non si aspettavano una irruzione di questo genere da parte di un gruppo di jidhaisti. Obiettivo principale di questi è rastrellare ogni villaggio nigeriano, siamo infatti in Nigeria, per reclutare ragazzi con la giusta età da impiegare in combattimento in cambio della promessa di grosse somme di denaro e, laddove questi non fossero stati trovati, sequestrando le ragazze, prelevate dalle loro famiglie e i loro affetti per essere confinate nella foresta Sambisa e qui istruite e convertite alla religione. Violentate nel corpo e nell’animo, private di quel che ancora di umano poteva esistere al mondo.
È qui infatti che le ragazze vengono schiavizzate, che vengono costrette ad appagare i militari vogliosi che le considerano meri oggetti privi di valore alcune e atti semplicemente a soddisfare i loro bisogni fisici, a svuotarsi, che vengono costrette a cucinare, pulire, a pregare quel Dio del quale non conoscono il verbo, a subire ogni forma di ingiuria e di vessazione.
Maryam non è immune da questa sorte. È tra queste giovani che vengono rapite e schiavizzate, è tra queste giovani che vengono violate per la prima volta e poi ancora e ancora fino a che non raggiungono l’età per essere mandate in moglie e procreare eredi da convertire al credo o uccise perché inutili al loro scopo. Ella finisce in moglie proprio a un militare, Mahmoud, dal quale darà alla luce Babby.

«Saprò mai il linguaggio dell’amore? Saprò mai di nuovo cos’è un focolare?»

Maryam riesce a fuggire dalla sua prigionia con la figlia e un’amica proprio quando la situazione sembra mettersi nel peggiore dei modi. Attraversando e vincendo le insidie della foresta raggiunge il villaggio natio dove tante cose sono cambiate nel lungo periodo della sua assenza.
Per Maryam sarà un percorso in salita, un ricominciare, un cercare di ricordarsi di vivere e non solo sopravvivere ma sarà anche un viaggio fatto di quella speranza di una vita libera da barbarie e torture. La sua famiglia la ritroverà spezzata, per molti sarà soltanto una moglie jihadi con quel lerciume della foresta ancora appiccicato sulla pelle, sarà semplicemente una reietta o ancor peggio una traditrice. Riuscirà a trovare il suo nuovo inizio? Riuscirà a far del male subito uno strumento con cui ripartire per il futuro?

«Mi avrebbero usato quella gentilezza? Avrebbero evitato d’inondarmi di domande perché, nonostante il sangue freddo e il bel vestito, ero fragile. In parole povere, disse, dovevano considerarmi una che torna alla vita con i passetti di una bambina.»

Con “Ragazza” Edna O’Brien dona al suo pubblico un libro forte, intenso, ricco di spunti di riflessione, mai banale e sempre intriso di profonde emozioni.
Lo stile narrativo è rapido, fluido, privo di fronzoli. È schietto e diretto, arriva diretto al lettore come coltellate e nulla risparmia di quel dolore provato, vissuto, inciso nella pelle e nell’anima. “Ragazza” è un libro che al contempo sa essere anche una testimonianza di uno spaccato di mondo ancora oggi esistente e brutale che nulla risparmia e che nulla consente a quelle vittime preda della legge del più forte.
Uno scritto che conferma le grandi capacità di una scrittrice prolifica negli anni e sempre attenta ai temi che più ci sono vicini.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai