Ripley Bogle Ripley Bogle

Ripley Bogle

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Un metro e ottanta, occhi verdi, viso pallido e capelli scuri. Spiantato. Ripley Bogle ha solo ventidue anni ma ha già toccato il fondo. È nato in un ghetto di Belfast, figlio di una prostituta irlandese e di un gallese alcolizzato. Crescendo anche lui ha imparato ad amare l’alcol e le risse. Romantico e cialtrone, continua a infiammarsi per amori impossibili. La vita gli avrebbe anche dato una possibilità: grazie alla sua intelligenza fuori del comune era riuscito a entrare al prestigioso Trinity College. Ma lui ha la vocazione della strada e sete di vera libertà, e ora vive da vagabondo in una Londra esasperata e lirica, trasformata nel regno dei barboni. Nel solco della grande tradizione irlandese, McLiam Wilson costruisce un autentico eroe dei bassifondi, geniale, perverso e bugiardo, divertente e inquietante.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ripley Bogle 2018-04-14 17:58:43 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    14 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Odisseadel profondo

Una tempesta lessicale accompagna l’ incedere lento di Ripley Bogle, ventunenne ridotto all’ accattonaggio, affamato ed infreddolito che attraversoa una Londra felicemente impossibile ed impegnata in tutt’altro, immersa nel tremolio elettrico e fluorescente del secolo, terra di ricchi distratti e poveri ostinati.
Per essere un barbone Ripley è piuttosto bello, ha dei magnifici occhi verdi da buono e non sembrerebbe un malato ne’ un vagabondo se non fosse anoressico, giallognolo, febbricitante.
Come si è ridotto così? Che cosa gli e’ successo?
Semplicemente la sua genialità, sin dalla più tenera età, si è scontrata con una realtà storpia e nauseabonda, una famiglia violenta ed assente, una madre patologica, un padre senza nome, sangue mezzo gallese e mezzo irlandese, ( …” e che cosa è meno peggio “…?), la violenta questione religiosa, due amori fallimentari, l’ abbandono della scuola, l’ atroce perdita dell’ amico più caro.
Una vita che sembra essere già al capolinea e Ripley è capitolato di fronte al mondo, ritirandosi dalla rissa del moderno e del mondano.
È molto più di un semplice barbone, un eremita, un profeta, un nonnulla, un tempo era saggio, danaroso, ricercato, celebrato, oggi nessuno lo conosce e a malapena esiste. Eppure dice di ricercare verità, amore, saggezza, bellezza.
L’ adolescenza negatagli è stata stravolta dopo i 14 anni dalla cosiddetta giovinezza degli Dei, allora tutto pareva possibile, un periodo meraviglioso accompagnato dalla cecità dell’ ottimismo, giorni trascorsi troppo in fretta e spentisi precocemente, ostracizzato dalla propria famiglia, i Bogle, depositari di tradizionali caratteristiche di soprannaturale stupidità e piccola delinquenza.
Per lui sono iniziati guai, difficoltà, depressione ed una parte di esistenza piuttosto compressa;
oggi non c’ è più nulla del ragazzo che è stato ed i fantasmi di una vita gli sfilano nella mente in un saltellio ripetuto e sarcastico.
Ancora diciottenne, l’ ubriachezza come gradita compagna e la bottiglia unico rimedio, era assai confuso dalla vita. Poi decise di iscriversi all’ università, di sovvertire il proprio mondo, accettato dal prestigio di Cambridge, conquistato dalla divina Laura, una parte bella e spensierata della sua esistenza presto divenuta delusione cocente, terribilmente annoiato da un luogo che è una semplice scatola di cioccolatini in mezzo ad inglesi distanti, impersonali, disimpegnati.
Oggi ci guida in un mondo ignorato ed invisibile pur essendo sotto gli occhi di tutti, uno spazio ed un tempo in cui le ore diurne consegnano il conforto di sonno, sostegno e socievolezza e la notte solo solitudine e sofferenza.
Domanda: perché sono i migliori di noi, ancora molto giovani, a commettere gli errori più imbarazzanti? Ripley ritiene che molti dei suoi problemi nascano dal fatto che non ha mai conosciuto suo padre e che la vita presenti un conto terribilmente salato con il passato ed il proprio se’, accatastando delusioni e rimpianti, ma in fondo il disprezzo degli altri mette davvero in moto i tentennamenti dell’ orrore di se’.
Siamo certi che conosca veramente se stesso e cosa ci racconta e vuole rappresentare? Realtà, finzione, inganno o recita protratta, verità agghiacciante o semplice turbinio canzonatorio?
La propria arte affabulatoria, il fascino misterioso della menzogna, un certo edonismo narcisista e nichilista inscenano il turpiloquio dell’ esistenza di questo maestro del travestimento riversatosi in un racconto con tratti esilaranti e paradossali, sorprendente per ricchezza espressiva e costrutto sintattico ma piuttosto fragile per trama e contenuti.
Un giuoco enigmatico ed autoreferenziale, un pugno bene assestato, uno stordimento assordante al risveglio dal quale ci chiediamo dove ci troviamo e dove siamo diretti, chi realmente ci accompagna e che cosa ci circonda, sballottati da una tempesta violenta, in un drammatico percorso esistenziale che possiede origini oscure, in una storia con diversi punti insoluti e ripetuti sbandamenti, senza che il nostro sguardo si possa posare su qualche approdo sicuro ne’ focalizzi un’ idea definente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri