Narrativa straniera Romanzi Ritorno a Pompei
 

Ritorno a Pompei Ritorno a Pompei

Ritorno a Pompei

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

“Tra tutto ciò che è accaduto e ciò che non è accaduto c’è la stessa differenza che esiste tra più zero e meno zero.” Attorno a questo paradosso si svolge un serrato duello verbale tra Celsius, presuntuoso filosofo di un futuro asettico quanto noioso, e una scrittrice rompiscatole. Il tema è un avvenimento storico remoto, o forse appena avvenuto: l’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., e la conseguente scomparsa di Pompei. In una antiutopia tagliente Amélie Nothomb, con fertile immaginazione, manipola passato, presente e futuro offrendo al lettore un turbine di affascinanti congetture: chi ha veramente distrutto Pompei?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ritorno a Pompei 2021-02-06 12:47:24 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    06 Febbraio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ieri e oggi

Classe 1996 “Ritorno a Pompei” si apre con l’alter ego letterario di Amélie Nothomb che si ritrova nel XXVI secolo in compagnia di Celsius, dotto scienziato che le descriverà il funzionamento della società del futuro. Come sarà questa? Come apparirà e quale genere di premesse l’umanità sta ponendo nel presente per fondare e poi conoscere il mondo di domani? È da questa interrogazione che il lettore, dopo un serrato botta e risposta proprio della narratrice che sovente si avvale della forma dialogica per esporre le sue tematiche e dar voce ai suoi protagonisti, si ritrova a riflettere e a essere catapultato in una dimensione che potrebbe quasi essere paragonata al fantascientifico o al distopico. In particolare perché questo scambio tra scrittrice del nostro tempo e scienziato-filosofo di ventiseiesimo secolo porterà, in questo 2580, a riaffrontare la distruzione di Pompei. L’energia che ha portato alla sua distruzione sfocerà in una riflessione filosofica sul decadimento e in particolare si aprirà una diatriba su quello che è il progresso culturale. Verranno affrontate questioni quali il valore estetico, la morale, la giustizia, la libertà. Il tutto procedendo per paradossi, iperbole, e circostanze assurde agli occhi del conoscitore.
Un elaborato caratterizzato da molti elementi riconoscibili della penna della Nothomb, fuori dal comune, che non teme di affrontare la surrealità e che porta a una inevitabile riflessione sul nostro quotidiano e sull’attualità.

"Il Bene non lascia alcuna traccia materiale – e dunque nessuna traccia, perché lei sa quanto valga la gratitudine degli uomini. Nulla si dimentica in fretta quanto il Bene. C’è di peggio: nulla passa tanto inosservato quanto il Bene, perché il vero Bene non pronuncia mai il suo nome e, se lo pronuncia, cessa di essere il Bene per diventare propaganda. Il Bello invece può durare per sempre: in sé è la sua stessa traccia. Si parla di lui e di coloro che lo hanno servito. Il che dimostra che il Bello e il Bene sono retti da leggi opposte: più si parla del Bello, più diventa Bello; più si parla del Bene, meno esso lo è."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri