Narrativa straniera Romanzi Scrittura cuneiforme
 

Scrittura cuneiforme Scrittura cuneiforme

Scrittura cuneiforme

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Ismail, esule politico iraniano rifugiato in Olanda, riceve un giorno un misterioso taccuino, scritto in strani caratteri incomprensibili. È il quaderno che suo padre Aga Akbar, riparatore di tappeti sordomuto e analfabeta, portava sempre con sé. Peregrinando tra le montagne innevate al confine tra Iran e Urss, nei villaggi dove si tessevano tappeti volanti e i santi aspettavano il Messia leggendo libri in fondo ai pozzi, Aga Akbar registrava i suoi pensieri nell’unica scrittura che conosceva, i caratteri cuneiformi copiati da un’iscrizione rupestre. Ismail, che di suo padre era stato “la bocca e le orecchie”, si pone il compito di tradurlo, per perdonarsi di averlo abbandonato e riconciliarsi con il proprio destino.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Scrittura cuneiforme 2020-03-06 19:09:01 archeomari
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    06 Marzo, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dal passato non si fugge mai

Un libro che unisce la magia dei luoghi e delle parole alla realtà storica di alcuni fatti che hanno interessato l’Iran, l’antica Persia, nella storia contemporanea.
Leggerlo vuol dire trovarsi immersi in una storia affascinante, coinvolgente, ma anche molto dolorosa, scritta con uno stile particolarissimo in cui lo spirito orientale si intreccia armoniosamente con quello occidentale.
Kader Abdloah è lo pseudonimo di Hossein Sadjadi Farahani, dal 1988 rifugiato politico iraniano, che ha eletto l’Olanda come seconda patria, adottandone la lingua per i propri libri, molto apprezzati in Olanda e in Europa, in particolare, il libro “La casa della moschea” è stato votato dai lettori olandesi come il secondo libro più bello degli ultimi anni scritto nella loro lingua.

La scelta di scrivere in olandese è molto chiara: secondo l’autore, la sua lingua nativa, per la lunga storia di dittature e sofferenze che l’Iran ha vissuto e ancora vive, non è più in grado di esprimere la libertà. Tuttavia quell’icasticità , quella semplice solennità e poesia tipica di alcuni famosi autori persiani come Hafez e Sa’di, permea profondamente l’opera che si presta anche ad essere ascoltata, non solo letta. Va dunque riconosciuto il merito alla traduttrice, Elisabetta Svaluto Moreolo.

Il libro è diviso in tre parti con focalizzazione alternata: narratore onnisciente in terza persona, Ismail che narra gli eventi in prima persona, narratore onnisciente. Completano l’edizione Iperborea, un glossario delle parole iraniane utilizzate e dei poeti citati e la postfazione della traduttrice.

“Siamo in due, Ismail ed io. Io sono il narratore onnisciente. Ismail è il figlio di Aga Akbar, che era sordomuto. Benché io sia onnisciente, purtroppo non riesco a leggere gli appunti di Aga Akbar. Perciò racconterò la storia fino alla nascita di Ismail. Il resto lascio che lo racconti lui. Ma alla fine tornerò perché Ismail non riesce a decifrare l’ultima parte degli appunti di suo padre”.

La storia di “Scrittura cuneiforme” si apre e si chiude, come un cerchio magico, con il racconto della caverna, passi importanti per la risoluzione di alcuni punti della storia dei due protagonisti che infondono però nel lettore un senso di rispettoso mistero misto a speranza. Aga Akbar, come avete letto nella citazione, era sordomuto, un semplice annodatore di tappeti, analfabeta, figlio illegittimo del principe Aga Hadi Gorasani. Essendo sua madre molto malata, incapace di provvedere a lui, cresce sotto la protezione e la guida dello zio Kazem Gan che resterà a lungo il suo nume tutelare. La storia di Aga Akbar e di suo figlio Ismail si ambienta nel quartiere di Jeria, a Zafferano, “un villaggio che in primavera è coperto di fiori di mandorlo e in autunno di mandorle”, il paese dove si fabbricano i tappeti volanti delle fiabe.
Lì c’è un monte altissimo, il Monte Zafferano, sulla cima del quale era possibile vedere il confine russo, una costruzione e i soldati dell’Esercito Rosso, ma, ciò per cui il monte è importante, è una caverna in cui ci sono iscrizioni che un antico e potente re persiano fece incidere in caratteri cuneiformi. Il piccolo Aga Akbar era solito scalare spesso quell’altissimo monte insieme allo zio che un giorno gli propose di ricopiare l’antico testo su carta. Kazem Gan aveva intuito nel nipote sordomuto ed analfabeta uno “spirito di artista”, uno slancio che aveva bisogno di trovare sfogo, fosse il pezzo di carta o l’annodare i tappeti. E fu così che Aga Akbar cominciò a scrivere i suoi pensieri con caratteri antichi seguendo il proprio istinto in un taccuino che poi arrivò a suo figlio Ismail, ormai adulto.
Quel taccuino e la decifrazione degli appunti rappresenteranno per Ismail, la possibilità di far pace col passato e di superare il senso di colpa per aver abbandonato la famiglia in Iran durante il pesante regime degli Imam, per salvare se stesso e la sua nuova famiglia. Ismail infatti era militante nel partito che si opponeva al regime e, per non essere arrestato o ucciso, si era trovato costretto a scappare e a rifugiarsi in Olanda. È la storia dello stesso scrittore, di Khaled Abdolah, che ha dichiarato di essersi opposto al regime degli ayatollah, di essere stato membro attivo dell’opposizione. Non solo, con Ismail ha in comune anche la condizione di essere figlio di un sordomuto analfabeta.
Un’autobiografia romanzata. Una storia che suscita tenerezza e che commuove, Aga Akbar nella sua semplicità è l’universale padre che conosce la cultura del cuore aperto, degli stenti e dei sacrifici, un uomo che saluta chiunque sul suo cammino, mortificato dal dolore nel corpo e nello spirito, orgoglioso del proprio figlio, Ismail e geloso e premuroso verso le figlie. Con questo romanzo intuiamo la necessità dello stesso di scrittore di riconciliarsi col proprio passato e troviamo i temi ricorrenti anche nel primo romanzo “Il viaggio delle bottiglie vuote”: la condizione di esule, il ricordo dell’amata terra lontana, la perdita degli affetti più cari, il dialogo ininterrotto col padre.
Anche se ben accolto e ben integrato in Olanda, Kader-Ismail sentirà sempre il richiamo della propria terra, perché :
“Non si fugge mai da qualcosa, si torna sempre indietro. Andare via non esiste. Tornare sì. Si vola lontano, si vola in alto, ma si ricade sempre sul luogo dal quale si è partiti”.

Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
SuperConsigliato!
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scrittura cuneiforme 2013-05-07 09:56:39 lisetta.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lisetta. Opinione inserita da lisetta.    07 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scrittura cuneiforme

Non saprei da dove cominciare per commentare la meravigliosa e affascinate storia narrata in queste pagine. Mi rendo conto quanto sia difficile per me, cercare di spiegare in poche righe , un mondo e una storia lontane da me, eppure vicine nell'amore e ne dolore trasmesso, che mi colpisce in quanto figlia. Infatti Il rapporto tra un padre un figlio è un legame così unico, così particolare che tutto il resto ne è escluso ,e anche il dolore, i sacrifici che ne provengono sono intensi e difficili da capire pienamente.
Attraverso una scrittura semplice, pacata ma poetica, Kader Abdolah ci fa immergere proprio in questa storia tra un padre, riparatore di tappeti e un figlio rivoluzionario dell’Iran, nel suo passaggio di poteri tra lo scià di Persia e il “regime religioso” di Khomeini. Tutto intorno a loro è immerso nella tradizione, nelle credenze popolari e religiose, nelle superstizioni, nella cultura affascinante che converge nelle donne che annodando tappeti, ricamandoci i loro sogni di libertà; nella grotta che riporta un’antica scrittura cuneiforme che nessun studioso nel corso dei secoli è riuscito e decifrare.;o all'interno di un pozzo dove si crede, sia rifugiato da secoli l’ultimo discendente di Maometto. In mezzo loro, AKbar e il figlio Ismail, nato per aiutare il padre sordomuto. Il loro legame è così forte che si comprendono anche solo con gli sguardi o con il corpo, tra loro non c’è bisogno di parole, basta ammirare le stelle insieme per sentirsi legati ad unico universo. Solo Ismail riesce ad entrare nel mondo ovattato di suo padre. Naturale dunque che nel momento in cui un legame del genere è spezzato –come il filo di lana che serve per riparare un tappeto- si crei il vuoto , una mancanza.
Così che quel padre che per tutta la sua lunga esistenza si è chiuso nel proprio silenzio, lasciando che la vita scorresse placida intorno a lui, ora agisce e ora parla ,anzi griderà disperato un nome. Il suo sacrificio non rimarrà vano, ma anzi segnerà un inizio pieno di speranza per i suoi figli simbolo delle generazioni future.
La perdita è un’esperienza che porta ad una strada nuova. Una nuova occasione per pensare in modo diverso. Perdere non è la fine di tutto, ma la fine di un certo modo di pensare. Chi cade in un punto, in un altro si rialza. Questa è la legge della vita

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore