Second Hand Second Hand

Second Hand

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Second Hand, romanzo di Michael Zadoorian edito da Marcos Y Marcos. Mentre tutto il mondo è a caccia di novità ipertrendy e ipertecno, Richard è a caccia di cose "già vissute", che qualcuno non vuole più. Le fiuta, le scova, le vende, con l'entusiasmo di chi ha appena scoperto la luna. Uno stereo quadrifonico a otto piste. Una tuta da bowling anni Cinquanta. Un fermatovagliolo a forma di Cascate del Niagara. Nella sua vita, per il resto, non accade molto. Poi, di colpo, accade tutto. Muore la madre: manco a farlo apposta, gli lascia una montagna di oggetti e un pacchetto di foto scattate dal padre che gli fanno cambiare radicalmente idea sui genitori. E nel Satori Junk, il suo negozio, si materializza una ragazza meravigliosa, una vera e propria "dea del riuso": Theresa. Per lavoro e per missione, lei recupera animali abbandonati e li accoglie in un rifugio. Ma il rifugio è strapieno, nessuno li adotta, e lei è costretta, con profondo dolore, a "eliminarli". Richard è il romanticismo in persona, ma facilmente si imbozzola nel suo mondo di oggetti. Theresa è bizzosa, umorale, eterna indecisa... Giornate di miele si alternano a fasi di pura tempesta.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Second Hand 2014-01-01 14:52:59 drysdale
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
drysdale Opinione inserita da drysdale    01 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra "cianfrusaglie" e amore.

Leggo che questo romanzo, pubblicato nel 2000, è diventato un mito per i fanatici del collezionismo, anche se, come l’autore le ha sempre definite, quelle di cui egli tratta sono in realtà semplici “cianfrusaglie”.
Non sono uno “junker”, anzi, meglio, sono l’antitesi dello junker. Provo una sorta di ritrosia nei confronti di tutto ciò che è vecchio e di vera e propria repulsione nei riguardi di quella miriade di oggetti inutili e plurimanipolati che si vedono in giro nelle bancarelle o in qualche raro shop (quello che si legge nel romanzo mi pare fenomeno abbastanza americano, piuttosto raro in Europa, quasi inesistente in Italia dove, ormai, la categoria dei rigattieri si è praticamente estinta e i mercatini da garage o le svendite negli appartamenti non sono mai esistiti). Non parliamo, poi, dei capi di abbigliamento, che solo l’idea di indossarne uno mi fa venire i brividi.
Detto tutto ciò, mi sono innamorato di questo romanzo. Ogni tanto mi capita. E’ quel modo di scrivere che mi fa impazzire, che mi stupisce e che mi crea emozione e anche invidia (perché quella è un’arte e artisti non ci s’improvvisa). E’ un modo di scrivere che, nel mio ignorante modo di pensare (o, costretto sulla difensiva, direi nella mia “congrua sensibilità letteraria”), collega questo Zadoorian all’Hornby dei bei tempi, a Nichols, a Tropper e ad alcuni altri – perché mi viene in mente, seppure lo spessore e l’epoca di riferimento siano diversi, l’immenso Salinger? – che quando li leggo, mi sembra di averli accanto a mangiare bistecche ed ascoltare rock, raccontandoci le cavolate di una vita (in realtà non so se a loro, a parte Hornby, piaccia il rock; non gliel’ho mai chiesto; ma, secondo me, si). Perché li leggi e rivivi quello che, in qualche altro modo, hai vissuto solo qualche anno prima, o l’altro ieri. Solo che loro hanno questa capacità incredibile di descrivere situazioni e sentimenti che uno qualsiasi non ha.
Sono cronache di vita quotidiana quelle di cui narrano e, in particolare, le loro storie d’amore non è che siano diverse da quelle che hai vissuto tu. Ma loro sanno descriverle in un certo modo; magari esattamente quello col quale tu le hai percepite senza essere in grado di raccontarle neppure a te stesso.
Così mi sono ritrovato per 313 pagine nel furgone di Richard, a girovagare tra garage, mercatini e appartamenti disabitati, alla ricerca di oggetti assurdi, perfino immedesimandomi in questa sua passione, lontana da me come la luna.
Quanto a Theresa, chi non ne ha conosciuta una (magari priva di gatti) nella vita – deliziosa, cerebrale, umorale, ansiogena - senza essere in grado di gestire adeguatamente il rapporto, percepire esattamente cosa stesse accadendo, non parliamo poi di raccontarlo? E i momenti di esultanza e di disperazione propri di quel maledettissimo – perché effimero e comunque destinato a scomparire o a trasformarsi in qualcosa di diverso – sentimento che si chiama amore, chi non l’ha vissuti? Ma quanti sanno descriverli proprio così, come tu li hai provati?.
Un bel romanzo. Semplice, immediato. Che dà qualche ora di emozioni e bella lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri