Sedici parole Sedici parole

Sedici parole

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dopo la morte della nonna, Mona decide di tornare in Iran per un ultimo saluto a quella donna testarda, orgogliosa, con la battuta sempre pronta - e spesso inappropriata - sulle labbra. Il Paese che trova è una terra ormai inafferrabile, in parte sconosciuta, da lasciare in fretta per tornare alla solita vita di Colonia con il lavoro da ghostwriter e le serate nei club musicali. Ma l'incontro con un vecchio amore e un viaggio a Bam - l'antica città che dopo un disastroso terremoto è solo il fantasma di ciò che era un tempo - cambia ogni cosa. Quella visita si trasforma in un confronto inatteso con le proprie origini e la storia di famiglia, con segreti di cui è sempre stata all'oscuro. Attraverso sedici parole, una per ogni capitolo del romanzo, Nava Ebrahimi ci conduce in un viaggio magico e poetico nel cuore di un Paese pieno di silenzi ed enigmi. Si muove tra infanzia ed età adulta, racconta un mondo di donne forti, misericordiose e talvolta crudeli, di uomini e sogni, di sconfitte e dignità, di fughe e amori nascosti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sedici parole 2020-09-24 16:44:12 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sedici parole, sedici amuleti

«All’inizio fu una sola. Una parola che, agile e svelta, mi assalì, come poi tutte le altre sedici, dopo un’imboscata. Non riuscivo a difendermi, le parole tornavano sempre di nuovo a impormi il loro messaggio: qui c’è ancora un’altra lingua, la tua lingua madre, non credere che quella che parli sia davvero la tua. Finivo regolarmente nelle loro mani, ostaggio di queste parole che non avevano niente a che fare con la mia vita, con il modo in cui ogni giorno apro il lucchetto della bici, ordino da mangiare al ristorante oppure, in primavera, ripongo il vestiario invernale. Non avevano niente a che fare con la mia vita, eppure, o forse proprio per questo, ero continuamente in loro potere.»

Ha inizio da queste parole il titolo proposto da Nava Ebrahimi, un elaborato che ne rappresenta l’esordio letterario ma che al contempo ci riporta indietro nel tempo e nello spazio. Quello che ha infatti luogo è un vero e proprio viaggio in Iran tra profumi, legami, grida dei müezzin, colori e polvere.
Mona è il nome della giovane protagonista che, da anni vive in Germani e che è chiamata a tornare nel paese natio a seguito della morte di mamam bozorg e cioè della nonna. Ghostwriter di professione e legata a Jan, un uomo con il quale ha una relazione molto particolare, ella si trova a riscoprirsi e a riscoprire. Perché da sempre il suo rapporto con quelle origini è siglato dal binomio “amore-odio” per tutto quel che questi luoghi significano e custodiscono. Al fianco di Mona vi è la madre, una donna che per usanze, costumi e credo è stata data in sposa al marito a soli tredici anni. E nel ricordare della vanità, originalità e spigliatezza caratteriale della nonna che tutto quel che era privo di rilevanza donava per aiutare il prossimo e che come una bambola è stata ritrovata, riecco che tornano anche i ricordi di quel padre medico rivoluzionario che troppo presto le ha lasciate perché troppo radicato nelle sue ideologie. Il tempo lo vedrà tornare, negli anni, lo vedrà ammalarsi e morire.
Premesse necessarie che se unite tra loro ricompongono un puzzle; quello di una vita. Mona cerca un senso per questa, cerca quello che più fra tutti possa dare un significato all’amore. Tra queste pagine questo assume il volto di un legame fatto di tira e molla dove le vite hanno intrapreso binari diversi e paralleli ma che eppure, ciclicamente, sembrano tornare a incrociarsi e scrociarsi.
Ed è così che quello che avrebbe dovuto essere semplicemente un breve viaggio di pochi giorni diventa invece un percorso fatto di parole e di ricerca per colmare quei buchi di un passato ancora presente. Sedici parole che diventano amuleti, che sono riprova delle tante verità.
Un esordio quello di Nava Ebrahimi che lascia il segno, che arriva e che colpisce per quella sensazione di nostalgia che ne colora ogni passaggio, per quel senso di radici che ancora ne è espressione maggiore. È un percorso di crescita, di ricerca, di essenza. Notevoli anche gli approfondimenti culturali e gli aspetti descrittivi che permettono al lettore di focalizzare in modo chiaro quel che pagina dopo pagina accade.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri