Narrativa straniera Romanzi Segreta Penelope
 

Segreta Penelope Segreta Penelope

Segreta Penelope

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Negli anni Settanta del Novecento c’era una Sara quasi in ogni gruppo, conosciuta o mitizzata in ogni compagnia di amici. Colei che incarnava lo spirito di quel tempo nella libertà sessuale: Eros trionfante su Thanatos, Dioniso su Apollo, l’innocenza infantile del piacere sulla malizia del vizio. La Sara di questo libro si è suicidata. La stagione della libertà aveva coinciso con il dopo Franco, ed era stata tanto più intensa in quanto era l’uscita da quarant’anni di repressione bigotta. Dopo è venuta la fine dell’illusione e l’obbligatorio ritorno ai soliti ruoli di madre e di moglie. Il romanzo di Alicia Giménez-Bartlett parte da qui. E mira a ricostruire che cosa successe a Sara nel corso del tempo del dopo. Lo rievocano, nei giorni successivi al suo addio per sempre, le amiche che formavano il suo gruppo, il bolso personaggio che ne divenne il marito, la figlia che mai poteva amarla, fino alla scoperta del più intimo ultimo segreto, dell’ultimo inaccettabile amore: pezzi di memoria strappati con dolore dall’amica che narra in prima persona; ricordi nostalgici e pieni di un affetto senza comprensione; oppure le giustificazioni del conformismo alle ferite inferte come in riti sacrificali di espiazione. La rivincita sorda, progressiva e crudele dell’ordine sul caos creativo. E il ritratto della splendida persona sconfitta dalla Penelope segreta appostata in ogni vita di donna, si piega in modo inquietante a una domanda sul tempo: che è troppo e troppo poco.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Segreta Penelope 2017-11-05 13:40:27 Paola75
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Paola75 Opinione inserita da Paola75    05 Novembre, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PENSIERI

Sara una donna molto bella dai lineamenti ebraici capelli ricci e occhi scuri,con un matrimoio fallito e odiata da sua figlia, si suicida a cinquant'anni quando ormai sembrava rassegnata ad una vita normale. La storia è raccontata da una amica di liceo la quale rievoca la vita di Sara per capire ciò che ha portato la donna al suicidio e l'influsso che hanno avuto lei e le amiche che un tempo formavano il gruppo .
Berta donna forte sicura di se; materna e sempre pronta a dar consiglio a Sara; Ramona psicanalista soddisfatta del suo lavoro, il quale ha colmato il vuoto della solitudine, dà il suo sostegno psicologico alla donna ed infine lei sempre pronta a incoraggiarla ,tutto ciò viene narrato sottoforma di pensieri.
Pensieri su Sara definita dall'autrice "donna di spirito libero che non seguiva le regole e nemmeno andava contro corrente" amante del sesso e del corpo maschile nell'epoca della rivoluzione sessuale degli anni '70, vive una vita nel caos più totale con una serie di amanti e dando sfogo ad una singolare personalità conducendo una vita anticonformista e sgretolata e poi ancora pensieri su Ramona, su Berta e cosi via. Poi ci sono le conversazione con Gabriel anch'egli vecchio amico e ritrovato al funerale, il quale si rintana sempre a casa sua e le confida i suoi rapporti con la sua terza moglie una pittrice thailandese.
Scrittura molto scorrevole e chiara quindi questo ha facilitato molto a portare a termine la lettura e ha inciso anche la mia curiosità di scoprire se il libro fosse tutto concentrato su questi pensieri dell'io narrante e tristemente è stato così. Ho trovato la lettura ripetitiva, mediocre, superficiale e soprattutto inutile.
Può essere che sia stata io a non apprezzare e afferrare il concetto ma a parer mio è un libro davvero brutto!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri