Narrativa straniera Romanzi Stella meravigliosa
 

Stella meravigliosa Stella meravigliosa

Stella meravigliosa

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Giappone, primi anni Sessanta. La vita tranquilla, discreta, regolare della famiglia Osugi viene sconvolta da eventi meravigliosi: uno a uno, padre, madre, figlio e figlia avvistano misteriosi chiarori e ricevono messaggi telepatici da creature di un pianeta lontano. E, attraverso il contatto con gli alieni, fra timore e stupore scoprono un segreto sepolto nella loro memoria... "Stella meravigliosa", che pure svela la passione del grande scrittore giapponese per l'ufologia e le possibilità di vita extraterrestre, non è un romanzo fantascientifico in senso stretto: fantasia e realtà si intrecciano mirabilmente per immergerci in un mondo portatore di fondamentali interrogativi universali.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Stella meravigliosa 2016-02-17 03:15:44 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    17 Febbraio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Offriamo sogni ai giovani

La genialità letteraria proteiforme di Yukio Mishima trova in “Stella meravigliosa” un’originale – e forse impropria - declinazione fantascientifica.

La famiglia Osugi ha provenienza astrale e vive sulla Terra contemplando il cielo (“Su tutti i tetti della città le stelle splendevano come gentili gocce di fleboclisi”), cercando di avvistare dischi volanti e mantenendo fede a una missione particolare: diffondere la pace e salvaguardare il pianeta dalla minaccia nucleare, che ha già trovato le sue manifestazioni sia nella guerra (“L’America si è ormai macchiata d’infamia sganciando la bomba a Hiroshima. Sarà una macchia eterna per la sua storia”), sia negli esperimenti delle super potenze.
L’obiettivo viene perseguito dal capofamiglia attraverso una sensibilità straordinaria (“Inoltre il suo animo gentile ed educato gli rendeva difficile contemplare con indifferenza quel mondo dilaniato. La guerra fredda e l’inquietudine, un illusorio pacifismo, la gente che precipitava con meravigliosa velocità lungo il pendio di una falsa prosperità economica, un folle edonismo, la femminea vanità dei leader della politica economica mondiale, tutto ciò feriva le sue dita come un mazzo di rose messogli arbitrariamente fra le mani”) e con la propaganda in seno a un’associazione nella quale ben presto s’infiltrano loschi figuri (“L’associazione degli amici dell’universo… erano divenuti membri dell’associazione soltanto per spiare”), anch’essi di derivazione extra-terrestre, che hanno obiettivi opposti e distruttivi.

Per Mishima, la narrazione diviene occasione per intessere un pessimismo cosmico (“Era conscio dell’estrema vulnerabilità della sincerità e della bellezza”) venato di nichilismo (“Grazie all’interesse per la divinità l’essere umano è riuscito a evitare di trovarsi faccia a faccia con il nulla…”) e di un senso estetico atemporale (“La sublime bellezza delle iridi di questo ragazzo non pareva appartenere al mondo terrestre. Sembrava piuttosto una cristallizzazione del cielo notturno”), per manifestare sfiducia nel genere umano (“Il suo obiettivo è l’annientamento di sé e dell’altro”), per interpretare la realtà (“Il caso è semplicemente un fenomeno in cui una necessità superiore, che oltrepassa la comprensione umana e che di solito è accuratamente occultata, si svela per un attimo”) e il disagio storico anche in tonalità spaziali (“… avrebbe regnato un silenzio da pianeta morto. Ossia una perfetta eleganza. In quell’attimo la terra sarebbe divenuta una stella meravigliosa…”).

Giudizio finale: millenaristico, filosofico, galattico.

Bruno Elpis

“La Via Lattea scorreva bassa verso occidente, mentre sulle loro teste si snodava sinuosamente la costellazione di Idra. Il quadrilatero della Vela, che contraddistingueva il cielo meridionale in primavera, scintillava con una luce intensa, quasi a sfiorare le cime degli arbusti. E verso lo zenit la costellazione del Leone, rivolta a occidente, appariva sdraiata a contemplare il mondo, mentre la stella di prima grandezza Regolo volgeva il suo occhio luminoso sull’eclittica.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... altre opere di questo autore
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri