Sulla sponda Sulla sponda

Sulla sponda

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La storia si apre con il rinvenimento di un cadavere nello stagno di Olba, luogo immaginario sulla costa della Comunità valenciana, in Spagna. Esteban, il protagonista, ha dovuto chiudere la sua falegnameria, lasciando i dipendenti disoccupati. Mentre accudisce il padre, entrato ormai nella fase terminale della sua malattia, Esteban indaga i motivi di una rovina che lo vede nel doppio ruolo di vittima e carnefice. Il benessere e il suo rovescio inseparabile, l’avidità. Lo specchio in cui guarda Esteban, a suo modo un uomo senza attributi, restituisce un’immagine fatta di sogni infranti e illusioni perdute. Nulla si è salvato dalla voracità di questi primi anni del xxi secolo. L’amore, la famiglia, l’amicizia, anche i codici sociali sono diventati parte del menu di questo banchetto solo per pochi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sulla sponda 2015-01-22 18:47:33 ant
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    22 Gennaio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esteban, la Spagna e crisi dei valori

Un libro che analizza un fallimento personale di un ex falegname e parallelamente la decadenza, soprattutto a riguardo di valori e usi e costumi non solo della Spagna dove il romanzo è ambientato, ma un po' di tutto il mondo dall'economia capitalista. Si parte con digressioni relative a uno stagno di un paese immaginario sulla costa valenciana (Olba) e da lì il discorso si allarga a macchia d'olio, come dicevo in apertura, sulle vicissitudini personali del protagonista Esteban e anche delle illusioni degli anni '80 in Spagna con progetti e ambizioni di crescita economica, il più delle volte per molti andati in fumo. Analisi crude e spietate quelle di Chirbes, soprattutto autocritica feroce e senza scampo, libro molto diretto che è difficile da recensire, ma che lascia il segno. Estrapolo qualche passaggio per rendere l'idea, questo segmento riguarda pseudo ideali
... ""per poter resistere, per restare vivo, c'è bisogno di una buona dose di idealismo. Capacità di mentire a se stessi. Sopravvivono solo quelli che riescono a credere di essere ciò che non sono""...
poi sul baratro economico imminente di Esteban
"Vado a letto e mi sento soffocare e mi sveglio dando manate e urlando. Mia moglie si spaventa . Ma si può sapere che ti prende? "Credevo fosse entrato un ladro" è la scusa, e invece porto a letto le angosce quotidiane, perché ciò che prima non costituiva un disagio, adesso son diventati quattro assilli costanti, soprattutto per i figli: colazione, pranzo, merenda e cena""...
e digressioni sulle cose più tristi dela vita dette da Esteban alla governante straniera Liliana
...""la solitudine , Liliana, ecco cos'è la cosa peggiore, a sentire la gente. Non saprei che dirti. Forse è proprio così, perché in fin dei conti, la solitudine-come la denutrizione, la mancanza di vestiario, il caldo o il freddo- è soltanto una manifestazione del male vero, il male supremo, spaventoso, che qualsiasi persona con un briciolo di cervello deve evitare a tutti i costi, e non altro che la povertà, sì, Liliana, questo è l'unico vero male da che mondo è mondo, ma che lo dico a fare lo sai già. Da cosa sei fuggita tu, venendo qui?""...
Per meditare, bello

Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini