Narrativa straniera Romanzi The counselor. Il procuratore
 

The counselor. Il procuratore The counselor. Il procuratore

The counselor. Il procuratore

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Il Procuratore ha tutto quello che molti uomini desiderano. Un lavoro da avvocato, una donna bellissima che ha appena accettato di sposarlo. Ma il sogno di una vita normale può non bastare, se l'alternativa che si offre inaspettata e più che mai seducente - è quella di una vita da milionario. In cambio, il Procuratore deve mettersi in gioco, fare la sua parte in un traffico di cocaina tra Texas e Messico: solo una volta, poi potrà dimenticare tutto ed entrare in grande stile nella sua nuova esistenza. Ma certi confini non sono solo geografici, e quando li hai attraversati tornare indietro può rivelarsi molto più complicato del previsto... Una storia travolgente sul rischio e le sue conseguenze.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
The counselor. Il procuratore 2015-10-15 16:56:19 Valerio91
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    15 Ottobre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci sono autori e autori

Io penso che ci sono autori adatti a scrivere romanzi, autori adatti a scrivere sceneggiature e autori che riescono a fare entrambe le cose contemporaneamente. In maniera consapevole o anche inconsapevole.
Cormac McCarthy, con il suo "Non è un paese per vecchi", aveva creato un grande romanzo e inconsapevolmente una sceneggiatura da ben 4 premi Oscar. Ma non era certo un film l'idea di partenza.
"The Counselor", che invece è una vera e propria sceneggiatura, non ha avuto la stessa fortuna, è stato bensì aspramente criticato. E in effetti non abbiamo di fronte nulla di eccezionale, e per spiegarmelo ho trovato una teoria tutta mia.
Per McCarthy scrivere una sceneggiatura è come guidare un auto col freno a mano tirato. Non riesce ad essere sé stesso, è ridimensionato, non certo nella crudezza, che permane ai suoi soliti livelli, bensì nella profondità, nelle riflessioni, nella poeticità.
Questo non è dovuto a una carenza dell'autore, bensì all'impossibilità di esprimere pienamente tali cose mentre si scrive una sceneggiatura, perché in quest'ultima l'unico momento in cui è possibile liberarsi a delle riflessioni è nei dialoghi tra i personaggi, ma questi scambi di idee non possono essere eccessivi numericamente nè filosoficamente. Perché un film cerca la massa, mentre i libri, soprattutto quelli di grandi autori come McCarthy, sono destinati a un pubblico più ricercato ed esigente (come me).
Ed è questo il problema di fondo, perché "The Counselor", come consueto per le opere dell'autore, non ha una grande trama, questa è solo un pretesto per mettere in risalto il torbido dell'animo umano, cosa in cui Cormac è un maestro.

Semplice, brutale. Un avvocato, spinto dalla voglia di fare soldi e regalarsi una vita d'agi, si infila in degli affari più grandi di lui, ai quali non è né adatto né preparato, come non è preparato e consapevole della profonda oscurità che può essere presente in alcuni esseri umani.
In alcuni tratti, nei dialoghi come dicevo, si può ammirare il grande stile dell'autore, la profondità delle sue riflessioni, la sua crudezza talvolta eccessiva, ma distintiva. Ma è chiaro che non può essere sé stesso al cento per cento, e il risultato non è dei migliori.
Ti prego, Cormac, regalaci altri capolavori, ma che siano romanzi, perché è nella letteratura che dai il meglio di te. Chissà che, magari inconsapevolmente, tu non possa creare un'altra grande sceneggiatura e prendere due piccioni con una fava.
Ma è nella letteratura che ti vogliamo.

"Ha detto che sono ad un bivio."
"Sì. Al momento di capire che la vita è un biglietto di sola andata. Non intendo dipingere il mondo a tinte più fosche di quanto non sia, ma quando il mondo cede il passo alle tenebre diventa sempre più difficile negare la consapevolezza che il mondo sei tu. È una cosa che hai creato tu, né più né meno. E quando smetti di esistere il mondo fa lo stesso. Ci saranno altri mondi. Certo. Ma sono i mondi di altri uomini e la tua comprensione di quei mondi comunque non è mai stata più di un'illusione. Il tuo mondo - l'unico mondo che conta - sarà scomparso. E non tornerà mai più. L'estinzione di ogni realtà è un concetto che nessuna rassegnazione può abbracciare. Finché sopraggiunge l'annientamento. E tutte le nobili idee si mostrano per quello che sono."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
McCarthyani incalliti. Come me.
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore