Narrativa straniera Romanzi Tutti matti in provincia
 

Tutti matti in provincia Tutti matti in provincia

Tutti matti in provincia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Anni Trenta. La vita di una piccola città di provincia tedesca viene messa sottosopra dall'arrivo di una stella del cinema, di un noto pugile e di un famoso industriale, costretti a fermarsi per qualche giorno a causa di un incidente. Vicky Baum dipinge un vivacissimo quadro di provincia, in cui si muovono personaggi di una commovente e indimenticabile umanità.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tutti matti in provincia 2011-12-02 08:48:01 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    02 Dicembre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Tutti matti in provincia" di Vicki Baum - comment

Vicki Baum, autrice di “Grand Hotel”, “Hotel Berlino”, “Hotel Shangai” e “Amore e morte a Bali” è considerata – lo dice la fascetta apposta sul libro che qui commento – “la prima vera autrice di bestseller del 900”.
In “Tutti matti in provincia”, la scrittrice, morta a Hollywood nel 1960, dimostra di avere il gusto per il contrasto tra la vita noiosa e anonima della provincia e il mondo patinato delle celebrità.
La vita della provincia è popolata da personaggi comuni: il medico e sua moglie, che si arrabattano tra una vita consumata nell’impegno e i disastri finanziari, il proprietario terriero minacciato dall’industriale che rappresenta il potere economico, il droghiere con qualche velleità culturale, la folla degli operai che stentano a sbarcare il lunario tra mille problemi e difficoltà.
In tale contesto, è naturale che un incidente d’auto – che coinvolge una stella del cinema, Leore Lania, il dongiovanni Peter Karbon che l’accompagna e il pugile campione Franz Albert – sia destinato a scompigliare la routine monotona dei protagonisti senza storia della vita periferica della provincia tedesca.
Così Elisabeth, la moglie del medico Persentheim, insidiata dal dongiovanni in cura dal marito per i postumi dell’incidente, si getta disperatamente nel primo “bacio come dall’alto di un ponte in un fiume profondo”, e di quel bacio porta con sé “una dolcezza inaudita, unica e profondamente velenosa”, precipitando nella “felicità ondeggiante e dolorosa, quella felicità trasparente e luminosa che vaga al di sopra di un abisso d’angoscia e di presentimento della partenza”.
Il contrasto tra desiderio e senso della realtà rivive nel gioco dei “tre desideri”, che i nuovi amanti conducono: lui con il senso della conquista, lei con quello dell’illiceità (“quanto a lei, le sembrava che durante tutta la vita non avesse atteso che quell’impressione di naufragare ...”)
Quanto a me, ho trovato nelle pagine del libro tutta la noia (voluta?) della provincia. Mentre riconosco che Vicki Baum é davvero l’antesignana di un filone culturale, non soltanto letterario, che si lascia affascinare dai lustrini di una vita fatta di esteriorità e illusioni. Salvo poi concludere che gli affetti del matrimonio costituiscono, in ultima analisi, un porto sicuro nel quale ‘borghesemente’ rifugiarsi.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Anche quando una lettura non mi appassiona particolarmente, non riesco ad escludere che essa possa interessare o piacere a qualcuno!
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stanza della tessitrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Mio fratello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leone
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le rughe del sorriso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fate il vostro gioco
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Matrigna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri