Narrativa straniera Romanzi Una brava ragazza
 

Una brava ragazza Una brava ragazza

Una brava ragazza

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La diciassettenne Katya Spivak sta camminando con i due dei bambini a cui fa da baby sitter per Bayhead Harbour, quando viene avvicinata da Marcus Kidder, uno dei cittadini più in vista della zona. All’inizio le sue attenzioni verso Katya sembrano innocue; al contrario quelle della ragazza sembrano precocemente manipolatorie. La sua bellissima casa in riva all’oceano, i libri per bambini che ha scritto, i suoi generosi regali: la vita di Kidder non ha nulla a che vedere con l’ambiente da cui proviene Katya, che ha una famiglia di bassa estrazione sociale. Gradualmente, però, a piccoli passi, la relazione tra Katya e Marcus Kidder cambia, e fargli da modella non ha più l’aura romantica dell’inizio. Cosa vuole davvero un uomo così ricco e misterioso da Katya, abbastanza giovane da essere sua nipote? E cosa è pronto a rischiare per ottenerlo?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una brava ragazza 2013-05-31 11:47:33 upsilamba
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
upsilamba Opinione inserita da upsilamba    31 Mag, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

la confusione delle lingue.

Questo libro mostra quanto i legami familiari siano importanti nella costruzione della personalità: la giovane protagonista, descritta in modo vivido da Joyce Caol Oates, è cresciuta in un ambiente familiare molto povero, non solo economicamente ma anche emotivamente, il padre è un giocatore d’azzardo che le insegnerà a “giocarsi la vita” senza riflettere, la madre è una donna fredda e svalutante.
Un bambino può imparare a volersi bene e a rispettarsi solo se ha fatto esperienza, fin dai primi mesi di vita, di essere guardato dai propri genitori con amore e rispetto, a Katya questa esperienza è mancata, non si è sentita ri-conosciuta come persona degna d’amore e crescendo non può riconoscere sé stessa come tale né sviluppare un senso del sé integrato e forte. Così Katya guardandosi allo specchio non può pensare “quella sono io” ma solo chiedersi: “ quella dovrei essere io?”.
Leggendo questo romanzo, impariamo a conoscere questa giovane ragazza che appare come disorientata e catapultata nel mondo senza alcuna difesa, che svela la sua profonda necessità di sentirsi amata e quindi ri-conosciuta dagli altri . le sue esperienze infantili le hanno insegnato poco rispetto ai legami di amore e di tenerezza, nutrimento vitale per ogni essere umano, così Katya non può far altro che confondere l’amore con le attenzioni , i regali, i soldi che Marcus Kidder le offre. Marcus Kidder è un uomo anziano e molto stimato dalla comunità e il suo personaggio appare da subito ambiguo e pericoloso.
La relazione tra i due si snoda nella narrazione, tra il desiderio di Katya di essere amata senza sapere cosa questo voglia dire e le ambigue intenzioni dell’anziano Kidder che rimangono perlopiù oscure al lettore fino alla fine.
Questo romanzo mi ricorda l’articolo dello psicoanalista Ferenczi “la confusione delle lingue” che spiega come sia traumatico per un bambino confondere il linguaggio della tenerezza (appartenente alla sfera dell’infanzia) dal linguaggio della passione (appartenente al mondo degli adutli), intendendo il termine passione in senso più amplio non solo come passione sessuale.
L’unica critica che potrei muovere a questo romanzo, riguarda il titolo, perché “una brava ragazza”? è forse un modo per evitare che il lettore giudichi Katya? Avrei scelto un titolo diverso, più vicino al tema della ricerca della propria identità a partire dai legami affettivi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"La mandorla" di Nedjima, infatti anche questo libro parla della rieducazione all'amore di una giovane donna dopo essere cresciuta in un mondo privo di emozioni e sentimenti di amore e affetto.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri