Uno zero Uno zero

Uno zero

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Waldo, celebre regista con una vita vorticosa e una carriera di successi e premi alle spalle, per nulla rassegnato alla mortificazione di dover passare la vecchiaia da recluso in casa, è intossicato dal sospetto che la devota moglie Zee, ancora bellissima e molto più giovane di lui, abbia un amante, Eddie: un giornalista cinematografico più sveglio che competente, un parassita annidatosi nelle loro esistenze con il pretesto di rendersi utile. Diventato voyeur della propria dimora e della propria quotidianità, l'udito amplificato da un apparecchio e teso a interpretare qualunque fruscio, Waldo accumula con pazienza le prove del tradimento e medita una vendetta squisita. ''Com'è banale, e sconvolgente e rassicurante, svegliarsi e scoprire che la tua amata è diventata un'estranea che ama un estraneo.'' E com'è sorprendente la maniera in cui Kureishi punta il suo sguardo corrosivo sulla condizione umana, su come si affronta il passare del tempo, sulla vita di coppia messa alla prova dalla vita come dalla prospettiva della morte. Una commedia nera di sesso e perdono, rabbia e narcisismo, decadenza e consolazione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uno zero 2017-07-07 07:54:15 liaall
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
liaall Opinione inserita da liaall    07 Luglio, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ancora un'altra scena supplicò il regista

Un regista ha sempre un altro film da realizzare.
È forse il vizio degli artisti, quello di essere inesauribili: il genio artistico non ha nulla a che fare con il limitato, con il finito, se c’è, ce ne sarà per sempre, diciamo uno di quei giacimenti che se lo scopri diventi infinitamente ricco.
Immaginiamo allora un regista vecchio quasi paralitico, malato, per di più non autosufficiente, che aspetta solo il suo ultimo giorno, ma con la mente e l’ironia di sempre, perché quella non è soggetta a decadimento senile.
La sua carriera è stata bella, lunga e di ricca di riconoscimenti, di denaro, piena di adulazioni, di sesso e di belle donne. E poi arriva Zee.
Unica Zee, la moglie Zee.
Ma Zee è una donna piena di problemi e contraddizioni, che a sessanta anni ha un marito vecchio e disabile da accudire. Ha molti soldi, si, ma la noia? Il sesso? La femminilità?
Entra nell’inquadratura l’attore Eddie, adulatore del regista per mestiere, senza né arte e né parte, una specie di accattone negli ambienti della Londra bene, divorziato e psicologicamente labile, dalla problematica infanzia. Eddie è alla costante ricerca di denaro. La sua equazione è semplice: trova una donna, falla innamorare della tua presenza e del sesso, parlale dei tuoi progetti facendo finta di coinvolgerla e potrai chiederle tutto ció che vuoi.
Eddie vuole fare il mantenuto e Zee puó essere il suo portafoglio.
Il regista osserva attentamente i suoi attori, li ascolta, li perseguita, architetta marchingegni, tutto per il suo film testamento.
L’ultima messa in scena del regista Waldo è amatoriale, i protagonisti sono lui, la moglie e Eddie in un intreccio vietato ai minori.
Solo così può morire in pace, perché ha deciso che nel suo ultimo film il protagonista muore.
Il gusto del voyeur è connaturato allo sguardo del regista o dello scrittore, entrambi spiano incessantemente le vite degli altri, le stendono, le mescolano, le stravolgono, le intrecciano, continuano la scena laddove realmente termina.
La scrittura intrisa di profumo cinematografico tradisce le qualità di Hanif Kureishi, sceneggiatore di alcuni film di Stephen Frears e di Roger Michell:
oltre ad essere pagine di un romanzo, sono scene ben collegate come sequenze di un film.
Non c’è lentezza o monotonia ma un flusso di eventi scorrevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri