Narrativa straniera Romanzi Uomini sotto il sole
 

Uomini sotto il sole Uomini sotto il sole

Uomini sotto il sole

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Il maturo Abu Qais, il giovane Asad e il ragazzo Marwàn, fuggiaschi dai campi profughi palestinesi, attraversano l'inferno del deserto iracheno rinchiusi dentro un'autocisterna vuota. Con la complicità di un autista desiderano entrare clandestinamente nel ricco Kuwait e trovare un lavoro.Pubblicato nel 1963, quindici anni dopo la fondazione dello stato d’Israele, Uomini sotto il sole rimanda ad avvenimenti di terribile attualità.

Ghassan Kanafani, nato ad Acri in Palestina nel 1938, è rifugiato in Libano con la famiglia nel 1948, alla proclamazione dello stato di Israele. Nel 1953, a Damasco, pubblica i primi racconti e lavora per l’agenzia ONU di aiuto ai profughi; poi si trasferisce in Kuwait dove insegna sino al 1960. In quell’anno inizia a collaborare con i giornali della resistenza palestinese e dal 1969 dirige uno degli organi dei palestinesi. Muore nel 1972 in un attentato. Tra le sue opere: La madre di Sa’d (1985) e Ritorno a Haifa (1991). Uomini sotto il sole è del 1963.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uomini sotto il sole 2013-12-16 16:37:49 enricocaramuscio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    16 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il sole opprimente dell’ingiustizia

Uno sguardo rivolto al passato, alla propria terra lontana, la Palestina, ai villaggi, alle case, ai bellissimi ulivi. Uno al presente, alla situazione miserevole nei campi profughi. Un'altro al futuro, ad un paese ricco come il Kuwait che rappresenta la speranza di una vita migliore. Ma raggiungere questa sorta di “terra promessa” non è per niente facile, c'è un deserto da attraversare, un sole maledettamente caldo cui resistere, una frontiera da passare eludendo i controlli dei posti di blocco. Sono in molti a provarci rischiando la pelle, ma solo in pochi ce la fanno. Kanafani ci accompagna in uno di questi viaggi della speranza insieme a tre profughi palestinesi, Asad, il vecchio Abu Qais e il sedicenne Marwàn. Tre generazioni unite dalla necessità, tre rappresentanti di un popolo che dopo la terra rischia di perdere anche la dignità. La loro idea è quella di attraversare il deserto con il contrabbandiere Canna a bordo di un camion che ufficialmente trasporta acqua, nascondendosi nella cisterna vuota solo i pochi minuti necessari a sbrigare le solite faccende burocratiche alla dogana. Ma il caldo del deserto non perdona e qualsiasi contrattempo che possa allungare i tempi trasformerebbe l’improvvisato nascondiglio in una cocente trappola mortale. L’autore racconta il dolore della sua gente con l’inevitabile passione emotiva di chi ne è direttamente coinvolto ma tenendo comunque una linea politicamente neutra ed evitando di cadere nella facile tentazione di mettere in cattiva luce gli artefici di questa sofferenza. Lo stile è scorrevole e delicato, la narrazione è caratterizzata da continui flashback che permettono di conoscere meglio la vita dei protagonisti e di capire le ragioni che li spingono a tentare quest’impresa disperata. La nostalgia per il suolo natio, la rabbia per le misere condizioni di vita, l’illusione di potersi creare un futuro migliore sono i sentimenti dominanti di questo bellissimo libro che racconta la tragedia di un intero popolo che ha dovuto pagare, e paga tutt’ora, colpe non sue in nome di una discutibile politica che ha tentato di risarcire un’ingiustizia, quella subita dagli ebrei durante la shoah, creandone un’altra diversa ma non meno grave. Gli uomini sotto il sole cui si riferisce il titolo non sono soltanto Asad, Marwan, Qaid e tutti quelli che come loro, in ogni parte del mondo, sfidano la morte per garantirsi una vita, ma sono tutti gli uomini della terra su cui soprusi, abusi e iniquità incombono come il sole opprimente di mezzogiorno. A loro sembra rivolgersi l’ultima, disperata domanda del libro, come a chiedere perché mai tutta questa gente non faccia di più per reagire, per ribellarsi, per cercare un riscatto: “Perché non avete battuto sulle pareti della cisterna? Perché non avete chiamato? Perché? Perché? Perché?”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri