Narrativa straniera Romanzi Vardo. Dopo la tempesta
 

Vardo. Dopo la tempesta Vardo. Dopo la tempesta

Vardo. Dopo la tempesta

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

1617, Norvegia nordorientale. In una funesta vigilia di Natale, il mare a Vardø si è improvvisamente sollevato e una folgore livida ha sferzato il cielo. Quando la tempesta si è acquietata in uno schiocco di dita, così com'era arrivata, le donne si sono raccolte a riva per scrutare l'orizzonte. Degli uomini usciti in barca non vi era, però, nessun segno. Quaranta pescatori, dispersi nelle gelide acque del Mare di Barents. Alla ventenne Maren Magnusdatter, che ha perso il padre e il fratello nella burrasca, e a tutte le donne di Vardø non resta dunque che un solo compito: mettere a tacere il dolore e cercare di sopravvivere. Quando l'inverno allenta la presa e le provviste di cibo sono quasi esaurite nelle dispense, le donne non si perdono d'animo: rimettono le barche in mare, riprendono la pesca, tagliano la legna, coltivano i campi, conciano le pelli. Spinte dalla necessità, scoprono che la loro unità può generare ciò che serve per continuare a vivere. L'equilibrio faticosamente conquistato è destinato, però, a dissolversi il giorno in cui a Vardø mette piede il sovrintendente Absalom Cornet, un fosco e ambiguo personaggio distintosi, in passato, per aver mandato al rogo diverse donne accusate di stregoneria. Absalom è accompagnato dalla giovane moglie norvegese, Ursa, inesperta della vita e terrorizzata dai modi sbrigativi e autoritari del marito. A Vardø, però, Ursa scorge qualcosa che non ha mai visto prima: donne indipendenti. Absalom, al contrario, vede solo una terra sventurata, abitata dal Maligno. Un luogo ai margini della civiltà, dove la popolazione barbara dei lapponi si mescola liberamente con i bianchi e dove una comunità di sole donne pretende di vivere secondo regole proprie.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Vardo. Dopo la tempesta 2021-03-22 20:10:43 giulia89
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
giulia89 Opinione inserita da giulia89    22 Marzo, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Potente

"Questa storia riguarda le persone e il modo in cui vivevano, prima che il come e perché sono morte diventasse la loro definizione"

Uno spaccato di storia, quello dei processi alle streghe, tristemente famoso in gran parte d'Europa e che ha raggiunto anche le lontane isole del Nord.

Una terra di antiche credenze, la Norvegia, dove le persone sono più assoggettate al mare e ai venti che ai poteri politici; dove una manciata di uomini stranieri inviati dal re per ridurre all'obbedienza le selvagge regioni del Finnmark, seminano odio e terrore tra queste donne rimaste sole dopo una tragica burrasca che ha ucciso tutti i loro uomini.

Un romanzo che ci mostra la paura patriarcale nei confronti della forza e della ragione delle donne, di come nel nome di Dio e dell'idea, fortemente radicata, di vedere le donne come esseri inferiori, siano state perpetuate violenze e abusi contro quello che non conosciamo e che ci fa paura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vardo. Dopo la tempesta 2021-02-08 18:49:48 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    08 Febbraio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vardo

“Vardo. Dopo la tempesta” è una storia che si apre in uno dei periodi più bui della Storia dell’occidente ed è ancora un titolo che ruota attorno alla superstizione, al degrado, all’ignoranza, alla crudeltà e alla repressione del più debole e di ogni forma di autodeterminazione. È un titolo che si snoda attorno alla caccia alle streghe, all’Inquisizione radicata nella realtà nordica ma soprattutto attorno a fatto storico realmente accaduto. Vardo, infatti, nota quale capitale delle streghe della Norvegia, fu colpita in quel lontano 1617 da una terribile burrasca che tutti colse impreparati tanto da mietere tutte vittime maschili. A riva furono riportati soltanto i corpi di quegli uomini periti, le cui donne furono lasciate completamente sole. Ciò fu l’espediente per eccellenza per urlare alla stregoneria in quanto furono proprio le figure femminili ad essere accusate di aver causato la tempesta avvalendosi dell’aiuto del Diavolo.

«Vardø è un’isola, il porto sembra un morso staccato da un lato, per il resto la costa è troppo ripida o troppo rocciosa per mettere in mare le barche. Maren ha conosciuto le reti prima ancora di conoscere il dolore, le intemperie prima di conoscere l’amore. D’estate le mani di sua madre scintillano di squame di pesce, i filetti appesi fuori a salarsi ed essiccare come fasce per neonati, oppure avvolti in pelle di renna e sepolti a fermentare. Pappa diceva sempre che era il mare a dare forma alla loro vita. Hanno sempre vissuto per sua grazia e per grazia sua sono morti. Ma la burrasca l’ha reso un nemico e discutono brevemente di andarsene.»

Queste otto donne accusate di atti impuri con il diavolo quel 24 dicembre 1617 avrebbero scatenato la tempesta con l’unico fine di uccidere i quaranta uomini dell’isola per prenderne il possesso. Per quanto le abitanti tentino di ripristinare un ordine e un equilibrio, questo viene messo subito in discussione dal sopraggiungere del sovraintendente Cornet, in arrivo dalla Scozia per ordine del Lensmann del Finnmark, e a seguito di un editto contro la stregoneria emanato appunto dal re di Danimarca e Norvegia Cristiano IV, deve indagare sui sospetti che ruotano attorno alle sopravvissute. Qui egli è accompagnato dalla moglie Urdola, detta Ursa, che non conosce il mondo al di fuori della sua dimora e che, al contempo, non è capace di gestire una casa così come di soddisfare il proprio compagno. A Vardo scoprirà una realtà che la obbligherà a maturare.

«Non l’avrebbe mai immaginata, quell’oscura cognizione che tutte le mogli sono costrette ad acquisire: i mariti squarciano per sé uno spazio dentro i loro corpi.»

Ha inizio da queste brevi premesse l’opera della Hargrave, un elaborato che ha il grande merito di riuscire a rendere perfettamente le atmosfere e il clima del tempo ma anche quelle dei luoghi con tutte le loro difficoltà ambientali. Se i personaggi sono descritti in modo diretto ma abbozzato tanto da emozionare ma non suscitare empatia, le stesse ambientazioni sono caratterizzate nel minimo. La narrazione procede con un ritmo un poco altalenante – prima lento, poi più rapido, poi nuovamente più cadenzato – e con parti che diventano più concrete soltanto nel proseguire dell’opera e altrettante, al contrario, immediatamente incisive. A far da scenario ma non per questo in secondo piano, la ricostruzione storica che non manca di dettagli tali da rendere immediata la percezione sensoriale del periodo.
Non è un libro semplice, non è un libro da leggere per staccare. È uno scritto che regala emozioni ma che soprattutto porta alla riflessione, che sfida, in un certo senso, il lettore e che per questo è consigliabile leggere nei momenti più di calma e non in quelli più caotici. Il rischio è di non riuscire a godersi del viaggio e del lascito del componimento.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri