Dettagli Recensione

 
American Psycho
 
American Psycho 2011-11-05 21:04:03 joshua65
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
joshua65 Opinione inserita da joshua65    05 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa resterà degli anni '80?

Quando ritorno agli anni ’80 penso subito ai Duran Duran, a Simon LeBon, che canta impomatato e petulante “The Reflex”, alla nascita della videomusic, a Pertini, a Papa Wojtyla, a Reagan e Gorbaciov. Se mi chiedete, dico subito che gli anni ’80 sono stati, secondo me, anni felici.

Ellis agli inizi degli anni ’90 , invece, mi piazza un bel pugno nello stomaco con “American Psycho”, un libro terribile e disturbante, che descrive le gesta di Patrick Bateman, giovane “yuppie” newyorkese mago della finanza di giorno, serial killer psicopatico ed efferato di notte.

Ci vuole un bel po’ prima di imbattersi in un omicidio, ma il senso di straniamento ti accompagna sin dalle prime pagine, perché la descrizione meticolosa della vita di Bateman, con i suoi tic, la sua maniacale attenzione al cibo ricercato e salutista, ai capi firmati e minuziosamente descritti, la sua smodata passione per l’alta fedeltà, la sua spasmodica ricerca dell’estetica, del bello sempre e a qualunque costo a discapito di qualunque regola etica, non è inferiore all’escalation di efferatezza che si scatena nella seconda parte del libro, in una spirale potente e devastante.

Per non parlare dei falsi rapporti con la fidanzata Evelyn, cretina quanto basta, con Courtney, fidanzata del suo migliore amico, che poi si rivela essere la sua amante passionale, con gli amici e i colleghi, visti più come minacciosi nemici, pronti ad essere tolti di mezzo, se serve.

Il senso di impunità che accompagna Patrick Bateman durante i numerosi omicidi lascia però il dubbio che tutto sia soltanto immaginato e non realmente accaduto e questo Ellis, secondo me, vuole che sia volutamente percepito dal lettore. Per cui mi soffermerei più su “American Psycho” come metafora del disfacimento della società, in particolare newyorkese, agli albori degli anni ’90, dopo quasi un decennio di reaganismo, il boom di Wall Street e la cultura yuppie.

Non è un libro che ho più riletto e credo che non lo rileggerò mai più, ma ogni tanto mi capita di soffermarmi sul primo e ultimo capitolo, a mio avviso i più belli, e sui fantastici intermezzi che descrivono, come delle recensioni un po’ scolastiche ed ingenue, la musica che più piace al protagonista (i Genesis, Witney Houston, Huey Lewis and the News, mica Ozzy Osbourne e i Black Sabbath).

Per cui cosa resterà per me degli anni '80? Sicuramente questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ellis
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 

06 Novembre, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Splendida recensione JosH,e anche secondo me,gli '80 erano anni felici.La felicità dell'inconsapevolezza.......
Grazie Barch!!! Gli anni '80 sono anche gli anni dei Personal Computer e delle TV private, e sappiamo come si sono evoluti nel terzo millennio ... Meno male che ci sono libri che ogni tanto ci danno una bella scoppola
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri