Dettagli Recensione

 
La bambina con la neve tra i capelli
 
La bambina con la neve tra i capelli 2012-04-25 18:00:33 GLICINE
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
GLICINE Opinione inserita da GLICINE    25 Aprile, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

NON MI HA CONVINTA

Premetto che non sono entusiasta degli scrittori del nord Europa, tranne Stieg Larsson con la sua trilogia e pochi altri, ma continuo comunque a leggere più autori possibili, per arrivare così a modificare la mia opinione definitivamente.
Riconosco inoltre, che leggere questo libro dopo un thriller di Deaver è un po’ come trovarsi a paragonare un testo di Scuola Primaria con un testo Universitario, quindi non posso cadere nel fare paragoni in quanto non è possibile.
L’autrice è una giornalista che durante la sua attività ha seguito diversi casi di cronaca nera, dalle quali ha preso spunto per narrare questa vicenda.
Guarda caso la protagonista principale del libro è una giornalista, dopo il divorzio decide di trasferirsi nuovamente nel luogo dove è cresciuta, trovando difficoltà con l’ex marito nella gestione del figlioletto, professionalmente entra come unica giornalista di cronaca nel giornale locale.
Magda si ritrova a scrivere articoli inerenti la scomparsa di una minorenne,Hedda, la notte dell’ultimo dell’anno e sul ritrovamento, qualche giorno dopo, del cadavere di un’altra minorenne, nella cantina di una casa isolata utilizzata solo in estate, completamente nuda, senza nessun documento e senza segnalazioni di scomparsa a cui fare capo.
Viene descritto come le indagini della polizia si articolano, facendo emregere in modo leggermente più approfondito il personaggio di Petra Wilander, poliziotta e madre di un’adolescente.
Caso vuole che, presumo incosciamente, l’autrice dipinge un pool di poliziotti che brancolano nel buio e guarda caso la brillante giornalista, darà una svolta decisiva alle indagini che porteranno alla risoluzione del caso…
Le vicende non sono perfettamente descritte, non viene assolutamente trasmessa la tensione emotiva delle vittime, la paura, la confusione, il terrore, il freddo intenso che penetra ogni fibra del corpo, la disperazione della famiglia nel non sapere che fine ha fatto la piccola Hedda, la crudelta degli o dell’assassino.
Leggo lo sforzo dell’autrice nel voler trasformare il suo talento giornalistico in autrice di thriller, ma per me non riesce in pieno nell’impresa.
La storia mi vede solo spettatrice non particolarmente coinvolta; irrinunciabile per l’autrice anche la nascita della classica storia d’amore tra Magda e un vecchio amore ritrovato… Mah! Non mi ha convinto fino in fondo anche se il libro è comunque scorrevole e si legge speditamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spin
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Later
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sangue inquieto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri