Dettagli Recensione

 
Rose Madder
 
Rose Madder 2014-01-15 14:07:55 SARY
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
SARY Opinione inserita da SARY    15 Gennaio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Follia omicida

La protagonista di questo romanzo di Stephen King è la cattiveria umana.
Rose è sposata con Norman, rispettato e temuto negli ambienti della legge, non lo contraddistinguono la bravura e l’attaccamento alla divisa, bensì la violenza che impiega durante le operazioni di polizia. Rose è una ragazza mite e succube del marito, ben addestrata a prenderle, a tacere e a scusarsi.
Ciò che eccita in modo particolare Norman è il morso, addentare, affondare i denti nella carne della vittima. Eppure per quattordici lunghi anni il matrimonio regge, fino al giorno della rivelazione, quando Rose prende davvero coscienza del martirio alla quale è sottoposta e scappa, destinazione libertà (“Meglio essere spietati con il passato. Non sono i colpi che ci hanno inferto quelli che contano, ma quelli ai quali siamo sopravvissute”).
Per la fuggitiva si aprono nuove strade, si accende la fiammella della speranza, ci sono conoscenze interessanti ed incontri strani. Si crea una rete di solidarietà tutta al femminile, simbolo del coraggio e delle risorse infinite delle donne. Un fatto singolare ed inevitabile, come fosse già scritto da tempo chissà dove, segnerà il destino di Rose e del suo tiranno.
Un romanzo particolare, si mescolano fatti di violenza domestica, tanto attuali, a mondi paralleli che sanno di paranormale. C’è una sottile linea che separa la realtà da scenari onirici dove si fondono e confondono i personaggi, la continuità della narrazione è garantita ma il senso, secondo me, si perde. Può piacere l’escamotage di un rimando al soprannaturale, ma può anche far storcere il naso a chi preferisce stare con i piedi ben saldi a terra. Non ci troviamo tra le mani la classica caccia alla preda o ad un episodio di cronaca nera, ma qualcosa che sfocia nel fantasioso, per me difficile da cogliere fino in fondo.
L’inizio è la parte migliore, il lettore non può che provare rabbia e pena per le sevizie subite da Rose, è automatico il collegamento mentale ai fatti di femminicidio che purtroppo si leggono sempre più spesso sui giornali; a metà c’è un momento di stallo, a tratti l’autore si dilunga inutilmente su certi particolari.
Ciò che colpisce di King è la sua capacità descrittiva, riesce a trasmettere al lettore esattamente ciò che provano i personaggi. Non nego di aver trascorso un paio di notti in compagnia di Norman e non era una buona compagnia; tensione psicologica, agitazione ed ansia per il futuro incerto di Rose o mio? Lo stile è sempre ottimo, una penna precisa, chiara e curata.
Due sono le voci narranti, si alternano i pensieri malati di Norman ai pensieri angoscianti di Rose, la visione distorta del carnefice e la visione impaurita della vittima.
Concludendo, un thriller psicologico ben studiato ed in generale piacevole, fa riflettere su quanto possa diventare folle una persona ed a volte, la giustizia non arriva in tempo.

“C’erano cose che meritavano di essere dimenticate e ce n’erano altre che occorreva dimenticare … quando invece alla maggior parte della gente non era mai consentito, nemmeno in sogno”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Molto esaustiva la tua rece. Ho letto un solo libro di King e concordo col fatto che a volte la tira troppo per le lunghe. Infatti non ho voglia di leggerne altri.
King si nutre di follie grandi e piccole, e questa sembra la grande forza delle sue migliori trame. La tua recensione va a cogliere questo punto ed altro, e mi è piaciuta molto. Complimenti.
SARY
15 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille!
In risposta ad un precedente commento
Davidino
16 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Bellissima recensione! Ho letto tanto di King e rimane sempre un grandissimo scrittore. Ma ho notato anch'io che in alcuni romanzi la componente soprannaturale stona un po'. Forse ne ha abusato anche in questo romanzo, peccato. Comunque, ancora complimenti.
In risposta ad un precedente commento
SARY
16 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Gentilissimo, grazie!
Bella recensione Sary! Si non tutti i libri di King raggiungono vette eccelse...a volte diventa troppo descrittivo, allunga insomma troppo il brodo...altre c'è l'irruzione del fantasioso, la contaminazione dell'orrorifico e quì dipende anche molto dai gusti personali. Sicuramente riesce a caratterizzare bene i personaggi, a far emergere il lato buio dei suoi protagonisti, a creare una certa empatia da parte del lettore per quanto succede loro...
In risposta ad un precedente commento
SARY
16 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Verissimo Robbie
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri