Rose Madder Rose Madder

Rose Madder

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

In fuga da Norman, il marito che la tormenta da quattordici anni, Rose riesce a rifarsi una vita e perfino a incontrare l'uomo giusto. Proprio nella stessa occasione, s'imbatte anche in uno strano quadro, un ritratto, che misteriosamente comincia a interagire con lei... Purtroppo, il sadico Norman si è intanto messo sulle tracce della moglie, lasciandosi dietro una scia di sangue e terrore. E quando la raggiunge, Rose capisce che per salvarsi dovrà calarsi nel "suo" mito - celato nel quadro - e trasformarsi in una dea vendicatrice.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (7)
Contenuto 
 
3.6  (7)
Piacevolezza 
 
3.7  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Rose Madder 2016-04-19 18:33:40 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    19 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

follia a tutti gli stadi

C'è parecchio in questo libro: thriller, fantasy e drammi domestici. Torna come in altri volumi il racconto di violenze domestiche, in queto caso mi sembra in modo più crudo e terribile di quanto fatto per esempio in Dolores Clainborne.
Tanto crudele è Norman: poliziotto ed eroe locale, da sembrare più fantasy la parte in cui abusa sadicamente ed impunemente della moglie, della parte in cui completamente folle si appresta alla resa dei conti. Tanto coraggiosa e nonostante tutto fiduciosa del mondo Rosie, da permettere di distinguere a fatica quel'è la realtà: la parte in cui si rifà una vita, o quella in cui conosce e lascia la sua vita nelle mani di un suo doppione. Infine Rose Madder che vive dentro un quadro, nella mente di Rose Vera o forse in un altro mondo, l'unica che è dichiaratamente follle e che invece è la più saggia di tutti.
Nel complesso e nonostante non mi piacciano i fantasy questo libro mi è piaciuto abbastanza. Le parti con entrambi i piedi nella realtà costituiscono la maggior parte del volume. Le parti fantasy fanno delle incursioni, dapprima sporadiche, e alla fine più consistenti, ma questo rimane comunque un thriller. Interessante il finale anche se mi sarebbe piaciuto che l'autore lo lasciasse più aperto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Rose Madder 2015-06-17 16:50:33 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    17 Giugno, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Femminicidio e simili, in epoca non sospetta.

Ciascun uomo, inteso in senso maschile, può considerarsi come un pianeta, parte di un sistema solare che è invece giustamente coniugata al femminile; dopotutto, ciascuno di noi viene al mondo per un tramite femminile, quale privilegio può essere superiore?
Ecco allora che Stephen King decide un giorno di rendere omaggio alla propria “galassia” femminile, di scrivere dei libri per le donne, e con donne protagoniste, dedicandoli alle donne salienti della sua esistenza, la madre, in primo luogo, e poi la moglie, le figlie, le cognate, insomma tutte quelle donne che sono normalmente presenti nella sua esistenza quotidiana, con le quali ha contatto, dialoghi, confidenza, e per mezzo delle quali si avvicina “all’altra metà del cielo”.
Tramite loro s’immerge in una diversa realtà, tenta di capirne l’essenza, si rende consapevole di quali soperchierie il genere uomo si è reso capace nel corso del tempo nei confronti della controparte, e ancora continua, in misura nemmeno tanta celata.
E di come le donne riescano in ogni caso vincitrici in virtù del loro coraggio, della loro forza d’animo, della fantasia, della creatività, dell’ingegno, che pare appannaggio, proprio perché emerge nei momenti meno probabili e insperati, esclusivamente del vero sesso forte, quello femminile.
Tutti sanno essere forti, insomma, ma le donne lo sono davvero solo quando veramente occorre tanto coraggio, ed in ciò è la loro grandezza.
Ecco quindi la genesi d’alcuni testi di King, per qualcuno costituiscono una vera e propria trilogia, e sono “Gerald’s game”, “Dolores Claiborne”, e appunto “Rose Madder”, i primi due platealmente legati tra loro da un certo intreccio nella trama.
Tuttavia, più di una trilogia, occorrerebbe indicare un poker, poiché dovrebbe aggiungersi “A bag of bones” (Mucchio d’ossa).
Se “Il gioco di Gerald” affronta il problema dell’incesto e delle molestie, “Rose Madder” quello della violenza domestica coniugale, e “Dolores Claiborne” è un palese omaggio a tutte quelle donne, ultime e umili all’apparenza ma dotate di una grande forza d’animo, una cristallina dignità e una fierezza eroica, pronte ad ammazzarsi di fatica tutta la vita per amore di figli, e quanto del ricordo che ha King della propria mamma traspare in queste pagine, allora al gruppo va aggiunto anche il romanzo, che non è una storia d’amore sic et simpliciter come appare, ma non altro che la descrizione dell’estremo insulto, la violenza carnale, che la bestia uomo è in grado di infliggere al sesso opposto, umiliandola e depauperandola della propria dignità, riducendola in un misero “Mucchio d’ossa”, appunto.
In “Rose Madder” King attinge, come in “Insomnia”, alla mitologia classica; e la descrizione della violenza fisica e morale di cui è vittima Rosie Mc Clendon è il pretesto per descrivere ben altra violenza, quella sottintesa nella società americana, che dietro una facciata d’opulenza e perbenismo nasconde un vero vermicaio.
Una società nella quale pullulano, significativamente, i centri d’aiuto alle donne maltrattate, tanto necessari e tanto importanti, che giustamente la presidentessa di uno di questi centri può ben sperare di essere eletta personaggio dell’anno.
Una società bigotta e ipocrita, governata dal dio denaro: tanto indicative le pagine in cui la fuggitiva Rosie non sa decidersi di quale somma prelevare con il bancomat del marito, appunto per la spropositata importanza che assume il dollaro nell’immaginario americano.
Un bel libro, con pagine di un lirismo e di un’inventiva straordinarie; come per esempio quando Rosie inizia la sua nuova vita, affrancandosi con una modesta indipendenza economica raggiunta attraverso l'umile lavoro di cameriera: ma questo lavoro misero s’ammanta di poesia, perché, come riporta lo scrittore del Maine, permette alla protagonista di assaporare il gusto dolce del pane guadagnato con le proprie forze, e dolcissima e gustosa è la cioccolata calda che si concede alla fine del turno di lavoro.
Un’inventiva che colpisce: la carriera di Rosie evolve, come i suoi guadagni, e la professione scelta per questa promozione è insolita eppure reale, lettrice d’audiolibri, segno questo di un King attento e arguto osservatore della realtà quotidiana.
Il marito di Rosie è una bestia, e come tale merita di essere trattato, e come una bestia e con una bestia finire; ma poiché è una bestia depravata ed indegna di essere accostato a qualsiasi essere vivente, giacché nemmeno la belva più feroce si comporta parimenti, occorre ricorrere ad una bestia diabolica, sì, efficace nel confronto, ma esistente solo nell’immaginario, da qui il ricorso al Minotauro.
C’è da dire però che il ricorso alla mitologia, al fantastico, al paranormale o come altrimenti si voglia chiamare, appesantisce, e non poco, l’intera opera.
Questa è una cosa che accade spesso allo scrittore del Maine: eccelle moltissimo nella storia, e nella descrizione, ambientazione, psicologia e caratterizzazione dei personaggi; ma paradossalmente, chi è indicato come il re dell’orrore nell’orrore si perde, e molto perde, quando appunto infila l’elemento “straordinario” nelle sue storie, a scopo di enfatizzare ulteriormente il suo dire.
E utilizza il paranormale, il mostro, magari anche “l’alieno” come nell’“Acchiappasogni”, ma ottiene invece di appesantire l’opera, depauperarla, svilirla alquanto.
Ma rimane in ogni caso il migliore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Stephen King, e a tutti coloro che rispettano le donne come se stessi.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Rose Madder 2014-01-15 14:07:55 SARY
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
SARY Opinione inserita da SARY    15 Gennaio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Follia omicida

La protagonista di questo romanzo di Stephen King è la cattiveria umana.
Rose è sposata con Norman, rispettato e temuto negli ambienti della legge, non lo contraddistinguono la bravura e l’attaccamento alla divisa, bensì la violenza che impiega durante le operazioni di polizia. Rose è una ragazza mite e succube del marito, ben addestrata a prenderle, a tacere e a scusarsi.
Ciò che eccita in modo particolare Norman è il morso, addentare, affondare i denti nella carne della vittima. Eppure per quattordici lunghi anni il matrimonio regge, fino al giorno della rivelazione, quando Rose prende davvero coscienza del martirio alla quale è sottoposta e scappa, destinazione libertà (“Meglio essere spietati con il passato. Non sono i colpi che ci hanno inferto quelli che contano, ma quelli ai quali siamo sopravvissute”).
Per la fuggitiva si aprono nuove strade, si accende la fiammella della speranza, ci sono conoscenze interessanti ed incontri strani. Si crea una rete di solidarietà tutta al femminile, simbolo del coraggio e delle risorse infinite delle donne. Un fatto singolare ed inevitabile, come fosse già scritto da tempo chissà dove, segnerà il destino di Rose e del suo tiranno.
Un romanzo particolare, si mescolano fatti di violenza domestica, tanto attuali, a mondi paralleli che sanno di paranormale. C’è una sottile linea che separa la realtà da scenari onirici dove si fondono e confondono i personaggi, la continuità della narrazione è garantita ma il senso, secondo me, si perde. Può piacere l’escamotage di un rimando al soprannaturale, ma può anche far storcere il naso a chi preferisce stare con i piedi ben saldi a terra. Non ci troviamo tra le mani la classica caccia alla preda o ad un episodio di cronaca nera, ma qualcosa che sfocia nel fantasioso, per me difficile da cogliere fino in fondo.
L’inizio è la parte migliore, il lettore non può che provare rabbia e pena per le sevizie subite da Rose, è automatico il collegamento mentale ai fatti di femminicidio che purtroppo si leggono sempre più spesso sui giornali; a metà c’è un momento di stallo, a tratti l’autore si dilunga inutilmente su certi particolari.
Ciò che colpisce di King è la sua capacità descrittiva, riesce a trasmettere al lettore esattamente ciò che provano i personaggi. Non nego di aver trascorso un paio di notti in compagnia di Norman e non era una buona compagnia; tensione psicologica, agitazione ed ansia per il futuro incerto di Rose o mio? Lo stile è sempre ottimo, una penna precisa, chiara e curata.
Due sono le voci narranti, si alternano i pensieri malati di Norman ai pensieri angoscianti di Rose, la visione distorta del carnefice e la visione impaurita della vittima.
Concludendo, un thriller psicologico ben studiato ed in generale piacevole, fa riflettere su quanto possa diventare folle una persona ed a volte, la giustizia non arriva in tempo.

“C’erano cose che meritavano di essere dimenticate e ce n’erano altre che occorreva dimenticare … quando invece alla maggior parte della gente non era mai consentito, nemmeno in sogno”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Rose Madder 2013-05-28 20:29:12 Roland
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Roland Opinione inserita da Roland    28 Mag, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piacevole, poco di più

Libro piacevole, in piena fase femminista di King. In parte denuncia l'orrenda realtà della violenza contro le donne tra le mura domestiche, in parte si cimenta in un'ambientazione paranormale che purtroppo non è tra le sue più riuscite, un pò troppo visionaria e non coadiuvata dalle trovate spettacolari che invece anno reso altri suoi libri autentici capolavori. Peccato, consigliato, ma se non conoscete ancora King sono altri i libri ai quali dare precedenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Rose Madder 2013-01-05 19:01:37 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    05 Gennaio, 2013
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rose & Rosie

Thriller scritto in modo un pò strano, fra dialoghi veri e propri, capitoli scritti dal punto di vista della protagonista e altri scritti dal punto di vista del marito, tanti punti in cui emergono frasi dette fra sè e sè, un pò troppe parti eccessivamente volgari. La trama è originale perchè il cuore del libro sta nelle interazioni tra Rosie ed il quadro che ha acquistato. Leggendo viviamo delle allucinazioni perchè è impossibile entrare dentro un quadro, ma succede. E' importante il tema di fondo della trama, ovvero la violenza domestica che può subire la donna. E' speciale il modo in cui è resa la sua fragilità, così disarmata ed impreparata per il mondo come la conosciamo. Ma ogni donna può essere libera, se lo vuole. E può imparare ad essere forte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Rose Madder 2012-11-14 11:19:09 Ginseng666
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    14 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io ricambio!!

Stephen King , grande maestro del brivido ci regala una storia emozionante che ci tiene in sospeso dall'inizio alla fine...
Brividi di paura, salti sulla sedia....oddio non me l'aspettavo dopo tutti i libri che ho macinato che mi colpisse così..
Rosie, una donna maltrattata decide dopo 14 anni di violenze inaudite, di fuggire dal suo torturatore, il marito poliziotto, folle e prepotente...
In tal modo si riappropria della propria identità: "Io sono Rosie, sono Rosie vera...sono una forza della natura.."e con questa coraggiosa affermazione inizia una nuova vita..
Un piccolo appartamento, un nuovo lavoro e poi anche l'incontro fortuito con un uomo gentile e mite,
così come non aveva mai sperato, Rosie si reca in un banco di pegni dove scambia l'anello di fidanzamento (che poi risulta essere falso), con un quadro misterioso che pare che goda di una vita propria.
Ma quando pare che tutto vada per il meglio, Normann torna all'attacco per riportare all'ovile la moglie fuggitiva, ribelle e recalcitrante...e portandosi dietro la sua odiosa violenza uccide....donne, poliziotti...
seminando terrore, sangue e morte...
Ma stavolta Rosie possiede il magico quadro, segno del suo riscatto femminile
e la divinità alla quale ha riportato la figlia le ha promesso solennemente con voce sibillina"Io ricambio"!!
Nel momento in cui Normann tornerà per riaffermare il suo odioso potere,
Rosie lo attirerà nel quadro....e la Dea Serpente lo ridurrà alla stregua di un fiero pasto, liberando per sempre la povera Rosie dal suo incubo esistenziale.
Un libro inquietante, avvincente che scava a fondo nei meandri della mente umana, rivelandone i più cupi delitti..
Un libro per le donne e dalla parte delle donne, anche se scritto da un uomo.
Una storia indimenticabile...un best seller...
Consigliato e promosso a pieni voti.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutto King, Uomini che odiano le donne, letteratura del brivido...
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Rose Madder 2012-08-09 14:19:55 Cristallodiebano
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristallodiebano Opinione inserita da Cristallodiebano    09 Agosto, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono Rosie. Rosie vera.

Se avete amato Duma Key, Rose Madder ne può diventare il prologo. Stessa atmosfera di irrealtà, di puro terrore in alcune delle bellissime descrizioni del Re.
Brividi nel leggere la condizione a cui Rose è stata costretta per quattordici lunghissimi anni, fatti di violenze, stupri, pugni, aborto e brividi, seppure diversi, quando finalmente riesce a fuggire da quel terribile matrimonio, via, lontana da casa, senza portare nulla del suo passato. Stephen King riesce a farci respirare la stessa aria di libertà provata dalla protagonista, mista all'orrore di poter riconoscere, tra la folla di una nuova città, proprio l'ex marito violento.
Fino a qui, la trama potrebbe essere quella di un normale romanzo, se pure a tratti forti.
Ma stiamo parlando di un libro di Stephen King ed ecco che arriva la sua magia: un quadro acquistato in un negozio di pegni, un quadro che aumenta di superficie, una porta verso un altro mondo...

Sono ancora lontani gli anni di Duma Key e di 22/11/63, ma l'autore inizia a porre le prime basi per quelli che considero due dei suoi libri migliori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Duma Key di Stephen King e per chi adora il Re
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri