Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Tutti i particolari in cronaca
 

Tutti i particolari in cronaca Tutti i particolari in cronaca

Tutti i particolari in cronaca

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La corsa all'alba, la colazione al bar, poi nove ore di lavoro all'archivio del tribunale, una cena piena di silenzi e la luce spenta alle dieci: Carlo Cappai è l'incarnazione della metodicità, della solitudine. Dell'ordinarietà. Nessuno sospetta che ai suoi occhi quel labirinto di scatole, schede e cartelle non sia affatto carta morta. Tutto il contrario: quei faldoni parlano, a volte gridano la loro verità inascoltata, la loro richiesta di giustizia. Sono i casi in cui, infatti, il tribunale ha fallito, e i colpevoli sono stati assolti "per non aver commesso il fatto" – in realtà per i soliti, meschini imbrogli di potere. Cappai, semplicemente, porta la Giustizia dove la Legge non è riuscita ad arrivare – sempre nell'attesa, ormai da quarant'anni, di punire una colpa che gli ha segnato la vita. Walter Andretti è invece un giornalista precipitato dallo Sport, dove si trovava benissimo, alla Cronaca, dove si trova malissimo. Quando il capo gli scarica addosso la copertura di due recenti omicidi, Andretti suo malgrado indaga, e dopo iniziali goffaggini e passi falsi comincia a intuire che in quelle morti c'è qualcosa di strano. Un legame. Forse la stessa mano... Antonio Manzini, il creatore dell'indimenticabile vicequestore Schiavone, entra nel catalogo del Giallo Mondadori con una storia serrata e sorprendente che si interroga sull'equilibrio tra legge e giustizia, e su ciò che saremmo disposti a fare pur di guarire le nostre ferite.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tutti i particolari in cronaca 2024-02-08 09:43:35 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    08 Febbraio, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dura lex, sed lex

La cronaca nera attrae lettori, anche quelli che leggono poco, forse per curiosità morbosa innata, un sentimento per quanto innaturale però comune a tanti, fatto sta che i grandi delitti stimolano il cittadino medio, lo incitano a saperne di più, a scendere nei dettagli, un utile stratagemma per invogliare l’acquisto è l’ indicazione precisa, direi tassativa: tutti i particolari in cronaca.
”Tutti i particolari in cronaca”, per inciso, è anche il titolo dell’ultimo romanzo di Antonio Manzini, il noto autore creatore delle storie seriali poliziesche che hanno per protagonista il vicequestore romano Rocco Schiavone, trapiantato a forza in servizio presso la questura di Aosta.
Questa volta però il vicequestore non c’è, non perché l’autore ha voluto prendersi una pausa distaccandosi dalla sua creatura, o forse perché le ultime prove non hanno pienamente convinto gli appassionati, Antonio Manzini ha già dato in precedenza prova di sé senza necessariamente basarsi solo sulle storie seriali del personaggio che gli ha dato la notorietà.
Questo romanzo non è un poliziesco, in senso stretto, non di solo questo ci parla, va oltre, più a fondo, è un racconto di giusti e di giustizia, di sentimenti e di offese, di più, direi che è l’eterno dibattere del bene e del male. Perché il pregio di Manzini non sta nella sua abilità di tessere detective stories, ciò sarebbe riduttivo del suo talento, anche stavolta il nostro scrittore, anche se ha edito nei tipi di una casa editrice dall’inconfondibile color limone che contraddistingue il genere, come con Schiavone tutto fa, di tutto scrive, ma di ben altro racconta, non solo di guardie e ladri, ma di tipi umani, di persone, di soggetti, a prescindere dalla professione che svolgono e dal contesto in cui agiscono, le loro estasi ed i loro tormenti, le loro vite, che poi sono come le nostre.
Se il romanzo racconta un omicidio, un giallo, un delitto, e prende la deriva per un poliziesco, questo è solo un dettaglio, Antonio Manzini è per prima cosa un buon scrittore, inventa belle storie e ce le presenta anche meglio. Manzini è uno scrittore accurato, ha un suo stile discorsivo, a modo suo intenso ed introspettivo, visualizza al meglio le anime delle sue creature, più che le loro sembianze, alle fattezze fisiche ci pensano le fiction tratte dalle sue storie, racconta scene ed atmosfere nella loro essenzialità, soprattutto eccelle, lo ripetiamo, nel caratterizzare i tipi umani reali, tormentati e sofferti, idealisti o sognatori, che sempre popolano i suoi racconti.
Scava nel cuore dei suoi personaggi, di più, nel fondo della loro umanità, che non è mai unica ma sempre binaria per natura, quindi lecita o meno, decorosa o disdicevole, diritta o illegale, sempre fermamente bene intenzionati a schierarsi dall’una e dall’altra parte di due opposti, tra due estremi.
Uno rappresenta ciò che è ipoteticamente etico, giusto, corretto, l’altro invece è quanto praticamente attuabile, comunemente ammissibile, facilmente realizzabile, anche se talora, o spesso, indebito.
All’atto pratico, finiamo invece sempre o quasi tutti a dibatterci, ad affannarci, ad industriarci per mantenere un minimo di coerenza, letteralmente cerchiamo alibi inconsciamente o meno per il nostro tenerci a galla in un mare di transazioni, accomodamenti, cedimenti, e la zattera per l’emersione, quale che sia, lascia sempre qualcuno scontento, deluso, frustrato.
Carlo Cappai, il protagonista principale di questa storia, è un uomo ordinario, abitudinario, metodico: è anche un uomo solo, banale, insignificante, con un suo vissuto con cui si barcamena nel gestire le sue giornate. Cappai è integerrimo di per sé, scrupoloso, con una memoria di ferro, un proprio senso diamantino della giustizia, accentuatosi ancor di più in seguito alla perdita delittuosa del suo primo amore in gioventù; perciò, nell’esplicare le sue funzioni, gestisce l’archivio penale presso la cancelleria del locale tribunale, ha una conoscenza approfondita dei casi archiviati di omicidi irrisolti, spesso, troppo spesso, giunti al termine dei gradi di giudizio senza colpevole. Sentenze chiuse con un nulla di fatto non tanto perché il responsabile vero o presunto non sia mai stato individuato, ma più spesso i processi si chiudono per l’impossibilità legislativa di condannare il sospettato al di là di ogni ragionevole dubbio. Cappai lo comprende, legge e giustizia non sono la stessa cosa, anzi lo sono, ma in maniera diversa. Legge e Giustizia corrono su due binari differenti, sempre paralleli, che perciò non si incontreranno mai: di più, esistono ben distinti in due universi lontanissimi tra loro. L’una, la vera Giustizia, è un precetto morale assoluto, tuttavia per applicarla serve la legge, che è la giustizia applicata, quella corrente, comunemente usata. La legge la scrivono gli uomini, quindi di conseguenza non è perfetta, ma fallace, oppugnabile, come si suole dire, fatta la legge, trovato l’escamotage per eluderla. Magari avvalendosi delle giuste amicizie e conoscenze: giacché mancando prove certe, indizi inoppugnabili, evidenze conclamate, nessuno può subire l’ira della Giustizia. La legge è la giustizia concretamente esercitata dagli uomini, e gli uomini vivono in società, si incontrano, si conoscono, spesso quelli dello stesso livello si aiutano, si scambiano favori, si accordano, minimizzano, mistificano, negano la Giustizia. Cappai tutto questo lo vede ogni giorno, ieri come oggi e anche domani, ne è permeato, e lo sa: un tribunale può sentenziare che qualcuno è innocente, anche se per la Giustizia è colpevole come il demonio.
Dura lex sed lex, la legge, per quanto talora iniqua è spesso così attuata, e a Cappai, come a chiunque di noi, la giustizia negata lacera, strazia, tormenta e avvelena l’esistenza.
La legge è un genuino cronista, cerca e riporta i nudi fatti, e non le intenzioni malefiche, applica i codici, i commi, le eccezioni, non è la Giustizia astratta, che è di per sé una chimera.
Le chimere sono sogni, non cavilli del codice, perciò non ammessi dalla Corte.
Il tormento e l’estasi: i particolari in cronaca riportano i tormenti, altrimenti non si vendono copie. L’estasi è per quelli come Cappai, per i sognatori, per i puri di cuore, che però non fanno audience.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Antonio Manzini
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tutti i particolari in cronaca 2024-01-18 17:47:11 cesare giardini
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    18 Gennaio, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un delitto incompiuto.

Messi da parte il vicequestore Rocco Schiavone e le sue indagini, Antonio Manzini affronta in questo nuovo giallo il tema della legge e del suo rapporto con la giustizia. Perché, come si evince dal racconto, legge e giustizia non sempre vanno d'accordo: la legge ha le sue norme scritte, i suoi articoli ben definiti, mentre la giustizia, che dovrebbe applicare la legge, è gestita dagli uomini, che spesso la stravolgono, la adattano ai propri convincimenti, alle pressioni esterne, a legami più o meno stretti politici e sociali. Tutto questo non va giù ad uno dei protagonisti, il dottor Carlo Cappai, un solitario ex poliziotto, ora relegato, per una menomazione fisica, nell'archivio sotterraneo della questura di Bologna. In gioventù Cappai aveva assistito all'uccisione, in uno scontro tra manifestanti, di una ragazza, Giada, suo primo, indimenticato e unico amore. L'assassino ,Luigi Sesti, figlio di famiglia altolocata, se l'era cavata con un'assoluzione, suscitando in Cappai un sordo rancore ed una meticolosa ricerca, negli anni successivi, di tutto quanto poteva riguardare il Sesti. meditando anno dopo anno di farsi giustizia da sé. Non solo Sesti, anche altre ingiuste assoluzioni turbavano Cappai: quella di un giovane che aveva ucciso soffocandoli i genitori, rei di non dargli abbastanza soldi, ed ancora quella di un trafficante di droga, che aveva fatto fuori la moglie. Assoluzioni che Cappai non riesce a sopportare, perché "non siamo bravi ad osservare, non guardiamo con attenzione, prendiamo sotto gamba dettagli e virgole che invece sono essenziali, fondanti, risolutivi ...". Il nostro si trasforma in giustiziere, ma quando finalmente riesce ad avvicinare il suo bersaglio vero, l'assassino della sua amatissima Giada, ecco il colpo di scena architettato da Manzini, un colpo di scena che lascia interdetti e che condizionerà l'esito finale del giallo.
Altro protagonista è Walter Andretti, l'opposto di Cappai: tanto l'ex poliziotto è scorbutico, solitario, depresso, quanto Andretti, cronista sportivo passato alla cronaca nera di una piccola testata bolognese, è gioviale, socievole, attivo, sempre pronto a curiosare, indagare. Le storie di Cappai e Andretti si intrecciano, quest'ultimo intuisce le manovre di Cappai, indaga su certi delitti, si avvicina suo malgrado alla verità, sa ma non vorrebbe sapere. Tiene un diario meticoloso, sul quale annota tutto, i suoi pezzi giornalistici sono molto apprezzati, anche se la verità sembra sfuggirgli e le cose, come spesso accade, non sono come appaiono.
Manzini ha scritto un bel giallo, pieno di sorprese, teso, sempre sospeso tra verità e dubbi. Magistrale la sua descrizione particolareggiata dell'andamento di un processo: le sedute si trascinano stancamente, gli interventi di avvocati e giudici si perdono in questioni di nessuna importanza, domande poco attinenti, risposte risentite, perdite di tempo, faldoni impolverati che riempiono gli archivi, una giustizia degli uomini che sembra prendersi gioco delle leggi. Questo è il tema fondante di tutto il racconto, questa purtroppo la verità che spinge Cappai, l'incompreso protagonista, a farsi giustizia con le proprie mani.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri gialli di Antonio Manzini.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno
Il figlio del mago