Stivali di velluto Stivali di velluto

Stivali di velluto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Palermo, 1977. Il direttore di una sede periferica delle Poste viene trovato morto, in una pozza di sangue, nel suo ufficio. Dell’arma del delitto non c’è traccia, ma dalla cassaforte mancano dieci milioni di lire, così le indagini vengono archiviate: una rapina finita in omicidio, un faldone tra i tanti stipati negli scaffali della Mobile. Fino a quando quel caso, per uno strano scherzo del destino, finisce sulla scrivania di Giulia Vella, una giovane ispettrice e profiler che deve individuare il colpevole, a quasi cinquant’anni di distanza. Arriva da Milano e porta con sé segreti che non ha mai affrontato e con cui sarà costretta a fare i conti, in una Palermo quasi irreale, in cui il passato dà forma al presente. Saranno proprio le indagini a far incontrare a Giulia la parte più profonda di sé, mettendola di fronte a un’umanità calda e refrattaria a ogni etichetta. Così, poco per volta, l’ispettrice conosce la Sicilia, con il suo fascino e le sue contraddizioni, e i siciliani, tanto diversi da lei quanto capaci – come la collega Cuor contento – di leggerle dentro, facendola sentire accolta anche lontano da casa. Palermo vibra tra le pagine di questa storia, e da scenario si fa protagonista, svelandosi come una città languida e irresistibile, con lo sguardo rivolto al futuro ma le radici ben piantate nel terreno di antiche tradizioni. Un luogo dove solo l’amore può guarire tutte le ferite e dirci chi siamo davvero.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Stivali di velluto 2024-06-19 15:44:03 cesare giardini
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    19 Giugno, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un delitto risolto dopo cinquant'anni.

Un grave fatto di sangue turba la vita palermitana: siamo nel 1977, il direttore di un ufficio postale periferico viene trovato ucciso nel suo ufficio, pugnalato da mano ignota. La cassaforte viene trovata aperta, mancano dieci milioni. Tutto il resto è in ordine, non ci sono segni di colluttazione, nessuno ha sentito grida o rumori sospetti. Si indaga sul caso, il morto risulta essere il marito della figlia di un notissimo boss mafioso, nulla viene alla luce, e, poco a poco, il caso viene archiviato nella sezione Ufficio Delitti Irrisolti. Passano gli anni e alla Mobile di Palermo arriva Giulia Vella, una giovane poliziotta milanese, figlia del questore di Milano, mandata dal padre in Sicilia per farsi le ossa. La ragazza, adottata e sempre desiderosa di conoscere la vera madre, non se la passa bene: i superiori la snobbano, non le danno fiducia, pur essendo un'abile profiler, finché decidono di affidarle un caso irrisolto, per accontentarla ma, soprattutto, per non trovarsela sempre tra i piedi. Guarda caso, proprio il delitto riguardante il genero del boss, irrisolto da anni. Giulia non si perde d'animo, studia i vecchi fascicoli, conosce un anziano commissario in pensione che le fornisce saggi suggerimenti, trova la collaborazione di una giovanissima collega e di un poliziotto esperto e affascinante del quale alla fin fine s'innamora. Ma conosce soprattutto Palermo, città dalle mille contraddizioni, antica e moderna, bella e sfacciata, dove un'umanità calda e passionale vive e s'agita apparentemente lontana da ogni regola. E' una scoperta per Giulia, abituata al tran tran di una metropoli del nord, una scoperta che la turba e poi lentamente la conquista e le fa scoprire, nel prosieguo delle indagini, la parte più profonda e segreta di sé stessa.
Giulia indaga, e, casualmente, viene a contatto con il mondo dei "garrusi", un termine siciliano che indica gli omosessuali: un'umanità che, contrariamente alle apparenze, rivela sofferenze, vite travagliate, soprusi, tentativi di riscatto. Ed è proprio in questi ambienti che Giulia, l'agente venuto dalla metropoli milanese, trova il bandolo della matassa per risolvere il caso e trovare l'assassino. Le pagine conclusive del giallo mettono in luce i tormenti interiori di Giulia, le sue perplessità e la sua sofferta decisione. La figlia del questore di Milano ha acquisito durante le vicende della complicata indagine una nuova maturità che ha messo a nudo la consapevolezza delle proprie capacità a contatto con un mondo prima sconosciuto, pieno di sorprese, refrattario ad ogni etichetta. E la sua decisione finale sarà sorprendente ma ben ponderata.
Il racconto è ben costruito, lo stile è essenziale, rigoroso, anche se basato su una trama piuttosto esile: l'autrice, come in altri romanzi, dà il meglio di sé quando mette in scena la sua Palermo, una città affascinante che sa conquistare ogni visitatore, una città antica e moderna, densa di colori e di profumi. Una città nella quale ogni trama narrativa assume una sua particolare connotazione, come se traesse da un'atmosfera unica e irripetibile
improvvisi colpi di scena. Del resto, già più di un secolo fa Edmondo De Amicis ebbe a scrivere dopo un soggiorno in città: "... un formicolio che vi confonde la vista, uno strepitio che introna la testa, una varietà di veicoli, di carichi, di aspetti umani, di gesti e di voci, un contrasto di allegrezza e di furia, di fatica e di spasso, di lusso e di povertà, quale in nessun'altra città del mondo credo si possa vedere".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi della scrittrice.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Stivali di velluto
Brisa
Il dolce sorriso della morte
Il castagno dei cento cavalli
Mare di pietra
Una morte onorevole
Il bacio del calabrone
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Dalla parte del ragno
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America