Java Road Java Road

Java Road

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Messico, Cambogia, Marocco, Bangkok: i veri protagonisti di Osborne sono i luoghi dei suoi romanzi. I personaggi sanno sempre dove sono; meno chiaro, ai loro stessi occhi, è chi sono: questa la scintilla che innesca il racconto. Java Road ci porta a Hong Kong, nel torbido clima di una società in crisi, di un regime in bilico: le proteste studentesche infiammano le strade, i ricchi si accingono a riparare all’estero e gli stranieri non sono più visti di buon occhio. Adrian Gyle è un oscuro giornalista inglese di mezza età che vive lì da oltre vent’anni, ma che per la gente del posto continua a essere un gwai lo, un «fantasma bianco». Tra le sue scarse frequentazioni, l’ex compagno di università Jimmy Tang, un cinico miliardario che sguazza nell’alta società di Hong Kong come un pesce nell’acqua e che un giorno gli presenta la sua ultima fiamma, una studentessa di buona famiglia coinvolta nei tumulti. Se ingolosisce i paparazzi, la loro relazione preoccupa il clan Tang, tanto per i suoi risvolti politici quanto per il rischio di scandali: e quando la ragazza scomparirà nel nulla, sarà Adrian a condurre un’indagine in proprio – un’indagine che, forse, non è mossa solo dal desiderio di scoprire la verità. Sebbene le sue storie ci facciano girare il mondo, Osborne finisce per guidarci sempre nel posto che gli è più congeniale: la zona grigia al confine tra realtà e illusione, quella dove «cammini per strada nel sole di mezzogiorno e a un tratto ti accorgi che sul marciapiede la tua ombra non c’è».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Java Road 2023-12-16 11:56:32 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    16 Dicembre, 2023
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il fantasma bianco

Osborne ha abituato i lettori a storie totalmente immersive nel mondo dell’estremo Oriente che così ben conosce. Questa volta è stato il turno di Hong Kong, l’ex territorio britannico passato alla Cina, che continua a esercitare un fascino esotico ed allo stesso tempo nostalgico del passato coloniale. L’Hong Kong descritta da Osborne però è quella più recente in cui l’imperialismo cinese, la rigida politica restrittiva di Pechino, ha preso oramai il sopravvento in cui “La vecchia Hong Kong delle leggi e dei giudici britannicamente imparruccati decostruita in una notte” ha lasciato il posto ad “un mondo totalitario cupo e selvaggio nel quale regnavano dicerie, esagerazioni, odio, tribalismo, supposizioni”. L’autore attraverso il protagonista Adrian Gyle, giornalista, inglese trapiantato nella metropoli, racconta un mondo nel quale il capitalismo cinese contrassegnato dallo skyline e dai ristoranti di lusso, si fonde con i panorami mozzafiato a picco sul mare, con i profumi della foresta pluviale. Quest’ambientazione fa da sfondo ad un tessuto sociale dinamico e turbolento in cui le giovani generazioni senza futuro protestano, tentano di ribellarsi, si scontrano quotidianamente con la polizia cinese, la faccia dura del regime che si pone l’obiettivo di eliminare progressivamente le libertà precedenti ed instaurare un clima rigido di controllo basato sulla censura. Le fratture sociali si espandono in quanto diventa evidente la dicotomia tra coloro che provano ad alzare la voce e le ricche famiglie locali che invece preferiscono dichiarare la fedeltà incondizionata a Pecchino in cambio di agio, benessere, accontentandosi di quei lussi figli di una cultura occidentale ancora impressa nel tessuto urbano.

Su questi presupposti Osborne costruisce una storia che si svela molto lentamente, stancamente, in cui due vecchi amici conosciutisi al college, il protagonista Adrian per l’appunto e Jimmy Tang ricco ereditiere cinese figlio di quella società opulenta che fa finta di non vedere le nefandezze cinesi, si trovano ad un certo punto su due terreni opposti. Adrian dovrà così risolvere un proprio dilemma personale: se fare prevalere il suo dovere di cronista portando all’evidenza pubblica un caso di presunto omicidio di una ragazza che rappresenta la giovane generazione ribelle -causato dalla polizia con la connivenza di Jimmy- oppure se in nome della vecchia amicizia chiudere un occhio sulla vicenda. Adrian progressivamente appare sempre più come un elemento evanescente, estraneo nella nuova società, tendendo così a rappresentare quanto oramai della vecchia Hong Kong occidentale rimanga ben poco. Tanto che il termine coniato appositamente per quelli come lui nell’idioma cantonese, “Gwai lo”, fantasma bianco, risulta essere assolutamente calzante.

Java Road, titolo che deriva da una delle principali arterie commerciali di Hong Kong, forse non è il miglior libro di Osborne anche se rappresenta indubbiamente una lettura di spessore grazie alle sapienti pennellate autoriali dalle quali emerge quell’atmosfera “inacidita dall’odio, l’urlo delle sirene che si moltiplicano in lontananza...le sirene che echeggiavano senza sosta, come lacerando un tremendo vuoto, e tutt’intorno nell’etere si increspava un’elettricità: il gregge era spaventato, i lupi erano in arrivo”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'America in automobile
Java Road
Viaggio in Russia
Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
Le voci di Marrakech
Fuori dal nido dell'aquila
Diario d'Irlanda
In viaggio con Erodoto
La bellezza del Giappone segreto
Una città o l'altra. Viaggi in Europa
Viaggi
Il Mediterraneo in barca
Pic
E quel che resta è per te
Viaggi con Charley