Viaggi con Charley Viaggi con Charley

Viaggi con Charley

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Nel settembre 1960 John Steinbeck affronta un viaggio attraverso gli Stati Uniti a bordo di un furgoncino chiamato Ronzinante in compagnia del barboncino Charles Le Chien, detto Charley. Lo scrittore ha sempre amato viaggiare e alle soglie dei sessant'anni sente che deve uscire di casa alla ricerca di ispirazione e di storie nuove per i suoi racconti e romanzi. Dalle piccole cittadine alle grandi metropoli fino ai paesaggi selvaggi, in questo libro ritroviamo lo sguardo maturo dello scrittore, e la sua curiosità e sensibilità per ogni aspetto della vita, umana e naturale. Un resoconto unico che offre uno spaccato dell'America degli anni sessanta, fatto di ritmi quotidiani, incontri con persone umili come un garagista o un negoziante, problemi vecchi e nuovi, come la questione razziale nelle periferie o l'inquinamento dei fiumi. Steinbeck rivela un acume unico nell'osservare la realtà dalla prospettiva degli umili e una vena lirica inconfondibile nel descrivere un'America che scopriamo pagina dopo pagina, chilometro dopo chilometro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Viaggi con Charley 2019-01-26 19:14:53 sandroman
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
sandroman Opinione inserita da sandroman    26 Gennaio, 2019
  -   Guarda tutte le mie opinioni

In viaggio con John

Prendete nota dell'anno: 1960.
Steinbeck, già famoso per i suoi capolavori, e che ha già dato tutto il suo tributo alla letteratura, decide di imbarcarsi in un viaggio per la sua America che scopre di non conoscere o di conoscerla superficialmente.
Costruisce così Ronzinante, un antesignano del nostro camper, e parte per le strade in un viaggio che oggi definiremmo coast to coast, ma che in realtà è un viaggio il cui tracciato è indotto dai suoi umori e dal fiuto di Charley, barboncino di compagnia.
La vista di Ronzinante ridesta i desideri della gente comune: “Vedevo nei loro occhi qualche cosa che avrei rivisto tante volte in ogni parte del paese... un desiderio rovente di andare, di muoversi, di mettersi in cammino, dovunque, via da ogni Qui”
1960, dicevamo. Nel novembre del '60 John Fitzgerald Kennedy vincerà le elezioni su Richard Nixon, aprendo una nuova era di speranza, ma l'America è ancora quella spaccata in due, divisa a metà tra prosperità ed emarginazione, tra consumismo e arretratezza.
Contrariamente a quanto egli afferma, Steinbeck conosce bene l'America che è la stessa America di Furore, di Uomini e topi; l'America della strada è la sua casa e la casa dei suoi racconti.
Quel che intende fare Steinbeck è toccare con mano i suoi racconti. Parla con la gente e fa parlare la gente, la gente d'America.
Il viaggio di Steinbeck è perimetrale e tocca tutto il contorno degli Stati Uniti, partenza ed arrivo a New York transitando per Vermont, Maine, Michigan, Minnesota, la sua amata Montana, e poi California sua terra natia, Texas, Louisiana infine dove la sua coscienza cozza contro il risentimento razziale delle terre del sud. E lì praticamente finisce il suo viaggio, il resto è una linea ritta e inespressiva fino a casa, finalmente casa.
E' uno Steinbeck denso, forte, libero dagli steccati del racconto e del romanzo. Fortissimamente figlio del suo tempo e della generazione di quegli anni. L'America che incontra e che cerca di fare parlare è questa, e anche quella. E' l'una, ma anche il contrario.
Steinbeck accoglie tutto e tutti dentro se, per rigettare successivamente le scorie trattenendo solo ciò che risplende di purezza, ciò che ancora lo meraviglia, e quel che sempre resterà nel suo animo di fanciullo mai completamente cresciuto.

“ E' il viaggio che fa la gente”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri