Dettagli Recensione

 
American Psycho
 
American Psycho 2014-01-25 15:32:27 Maria Francesca
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Maria Francesca    25 Gennaio, 2014

American Style



Ho avuto in comune con Patrick Bateman un “Soprani” e qualche Armani. Se l’avessi letto ai “tempi” mi sarei guardata bene dal comprarli.
Mi chiedo se tutte le grandi firme, protagoniste assolute del libro, abbiano pagato B.E.E. ( bastano le iniziali come per lo G&B che scorre a fiumi) per le dotte e minuziose descrizioni delle loro haute couture, descrizioni che occupano i due terzi del tomo; il rimanente è equamente diviso tra la lobby dei ristoratori di lusso di Manhattan e quella dei macellai rigorosamente non kosher .
Ma, nonostante i completi in lana seta a sei bottoni, gli indebiti ruoli fatti giocare ai topi di fogna, il sanguinaccio fatto in casa e la Lehman & Brothers, ho fatto presto a sgamare lo “sporco gioco” di B.E.E.
“Non c’è niente di nuovo sotto il sole” da quando Dosto ha scritto, a puntate per giunta, il libro dei libri.
E per quanto lui, il B.E.E., seppellisca con grottesche manfrinate (volute, rigorosamente) la fonte, è con Rodion Romanovi? Raskol'nikov che tenta di terrorizzarci.
Certo, i tempi cambiano e Patrick pensa in grande: i delitti non sono più due ma l’arma resta la solita vecchia ascia. E’ uno yuppie: solo un mutante appena un "tantino" più crudele del romantico pietroburghese.
La tenera Sonja resta tale e quale e la trasformazione nella segretaria Jean consiste in qualche grande firmetta sugli abiti strafighi e nulla più: resta la medesima vocazione alla “io ti salverò”.
Certo i tempi cambiano “per cui” è nelle cose che al delitto non segua il castigo, specialmente se si è milionari in dollari, come ingenuamente speriamo fino all’ultimo.
Ci rimaniamo così male – dopo averci ridotto alla paranoia di sospettare un Bateman sotto tutte le cravatte regimental incrociate – che alla fine ci viene il dubbio che B.E.E. ci abbia preso per i fondelli.
Nessun moralismo in lui, nessuna intenzione di stigmatizzare quei tremendi anni ’80. Solo uno “strafatto” marameo.

Visto che siamo dalle parti della haute couture, bisogna dire che E.E.B è solamente il prêt-à-porter delle grandi firme dell’American Style.

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...
Qualche scrittore postmodernista americano!
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri