Dettagli Recensione

 
La donna in gabbia
 
La donna in gabbia 2015-05-05 22:38:34 Vita93
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    06 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ennesimo ottimo crime nordeuropeo

In principio era la Svezia con Henning Mankell, l’ irraggiungibile fenomeno Stieg Larsson e gli eredi tra cui spiccano per successo di critica e pubblico Camilla Lackberg e Lars Kepler. Poi è stato il turno della Norvegia con Anne Holt e soprattutto il famoso Jo Nesbo. In termini geografici, alla Scandinavia manca solo uno scrittore di crime finlandese che salga alla ribalta. Intanto, nella vicina Danimarca, c’ è uno scrittore nativo di Copenaghen che negli ultimi anni si è trovato meritatamente, e con qualche anno di ritardo, sotto la luce dei riflettori. Si tratta di Jussi Adler-Olsen, e “ La donna in gabbia “ è il primo romanzo sulla cosiddetta Sezione Q, cui ne sono seguiti fino ad ora altri tre.

Merete Lyngaard è una parlamentare danese di successo, una donna giovane in carriera che però concede poco tempo alla vita privata, occupata a prendersi cura del fratello Uffe rimasto disabile in seguito ad un incidente stradale nel quale hanno perso la vita i loro entrambi genitori.
Corre l’ anno 2002 quando Merete scompare mentre si trova a bordo di un traghetto, in procinto di prendersi quella vacanza che da tanto tempo progettava di fare con il fratello.
Le indagini non portano alcun risultato, fino a che cinque anni dopo un poliziotto di nome Carl Morck torna ad occuparsi del caso.
Reduce da un attentato in cui ha visto morire un collega ed un altro costretto a vivere paralizzato in un letto d’ ospedale, Carl cerca di ricostruirsi una vita.
Complice anche il suo carattere brusco e scontroso, viene “ allontanato “ dai piani alti della centrale di Polizia e messo a capo della Sezione Q, con il compito di indagare su vecchi casi irrisolti di interesse politico.
Piccolo particolare : lavorerà da solo, isolato da tutto e da tutti, con il solo aiuto di Assad, curioso individuo di origini siriane che si rivelerà ben più di un semplice uomo delle pulizie.

Ciò che spicca immediatamente e che rappresenta un’ interessante soluzione a livello stilistico, è il fatto che la storia sia divisa in capitoli appartenenti a due epoche temporali diverse.
L’ autore infatti alterna il 2002, anno della scomparsa di Merete, al 2007, il presente nel quale si muovono le indagini di Carl.
Grazie a questo stratagemma Jussi Adler-Olsen è abile a tenere sempre alto il livello di attenzione del lettore, cosa non facile in una storia che non fa del colpo di scena improvviso il suo marchio di fabbrica.
Al contrario la vicenda avanza in modo piuttosto lineare, ma non per questo scontato.
Niente è lasciato al caso e con grande sicurezza lo scrittore guida i protagonisti a suo piacimento tra le suggestive vie di Copenaghen in mezzo a colleghi più o meno scontrosi, personaggi secondari ben caratterizzati e ambienti politici come di consueto ricchi di segreti inconfessabili. Con una sola regola che è propria di ogni thriller che si rispetti : non fidarsi di nessuno, e mai dare niente per scontato, pena il fallimento dell’ indagine.
Proprio i personaggi sono l’ elemento più intrigante del romanzo, su tutti Carl e Assad.
Il primo troverà nel secondo un mondo tutto da scoprire, un uomo genuinamente simpatico dal passato misterioso e dalle abilità nascoste che porterà un po’ di colore in una vita che per Carl, dopo l’ attentato, ha assunto solo colori scuri e malinconici.
Non a caso i frequenti e riusciti momenti comici del libro hanno spesso per protagonista l’ assistente siriano.
Insieme formano una coppia lavorativa particolare, suggestiva, che credo sprigionerà tutto il suo potenziale nei racconti successivi.

Un romanzo godibile, fresco, denso di misteri come misteriosi sono i suoi personaggi ancora tutti da scoprire e allo stesso tempo divertente e con approfondimenti non banali a livello socio-culturale e politico.
E con un grande pregio : quello di raccontare una storia certamente auto-conclusiva, ma che come in pochi altri casi crea nel lettore curiosità per scoprire cosa ne sarà di Carl e Assad alle prese con la prossima indagine.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri