Dettagli Recensione

 
Abbiamo sempre vissuto nel castello
 
Abbiamo sempre vissuto nel castello 2015-09-03 16:02:18 Elisabetta.N
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    03 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LETTURA SINGOLARE

A volte sento parlare di narratore inaffidabile, ma come essere sicuri di avercelo di fronte?
Ammetto di non essere particolarmente brava nella suddivisione dei libri per genere o per loro particolari caratteristiche, ma sono sicura che “Abbiamo sempre vissuto ne castello” corrisponde a quello che può essere definito come libro con narratore inaffidabile.

In questo caso il narratore è Merricat. Si vive tutta la storia attraverso il suo distorto punto di vista fatto di credenze, rituali e particolari giochi. Sotto molti punti di vista Merricat sembra una bambina (molto piccola) che non ama gli estranei e fa i capricci… invece Merricat è grande, una ragazza che, almeno per quanto riguarda l’età, può essere definita un’adulta.
A lei spettano alcune incombenze come andare a fare la spesa in paese, aggiustare la rete del giardino, ecc…
Sicuramente però non ha il permesso di preparare i pasti. Questo è esclusivo compito della sorella Constance che con pazienza e dedizione si occupa di Merricat e dello zio invalido.
Via via che procedevo con la lettura mi sono accorta che alcune parole, alcune frasi buttate quasi a caso, mi facevano riflettere. Tutto diventava assurdo e allo stesso tempo, intrigante… quale sarà il mistero che avvolge la famiglia Blackwood?

Bello anche lo stile che mi ha dato la parvenza, come anche la storia, di qualcosa sospeso nel tempo e nello spazio. Sicuramente anche lo stile ha contribuito a creare l’atmosfera così particolare che contraddistingue questo libro.

Infine, il fatto che ho apprezzato maggiormente è che la storia si presta a diverse interpretazioni, ognuna delle quali pone sicuramente più domande rispetto alle risposte presenti.

Una bella e singolare lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Gli eredi di Stonehenge
La mappa nera
L'uomo dei sussurri
Gli avversari
In tre contro il delitto
Un sacrificio accettabile
Il castello di Barbablù
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Il caso Alaska Sanders
La cameriera
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera