Dettagli Recensione

 
Un castello di inganni
 
Un castello di inganni 2016-08-14 09:38:24 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    14 Agosto, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Commedia degli equivoci

Il sottotitolo di questo libro potrebbe essere "la giornata del dilettante". A fianco dei soliti investigatori professionisti: i già noti Lynley, Barbara e St James, si aggiungono infatti una serie di personaggi che si dedicano solo per questa volta all'attività investigativa. Così la bella moglie di St James, un giornalista ed alcuni familiari della vittima si mettono a cercare per conto loro arrivando a risultati inaspettati. Inutile dire che tutta questa abbondanza di cervelli sopra un unico caso non fa altro che confondere le acque, creare fraintendimenti, liti ed errori di valutazione. Pensare che si trattatva di un'indagine semplice: verificare che una morte liquidata dalla polizia locale come incidente lo fosse davvero.
Non so esattamente come catalogare questo romanzo: dramma, commedia forse ma non thriller. L'indagne in realtà è del tutto marginale e non ha i classici elementi che caratterizano un giallo. Il centro della scena è dominato dalle vicende e soprattutto dai dolori dei protagonisti. Chi si dispera per ciò che ha fatto, chi nasconde ciò di cui ha paura, chi nega l'ovvio. e poi c'è chi fruga nel torbido e sulla base delle proprie esperienze personali tira conclusioni non sempre esatte su ciò che ha scoperto.
In questo trovo tutta l'ablità della George. inserire molti personaggi ognuno dei quali ha una propria personalità ben distinta, ognuno dei quali ha un senso preciso nella trama. Come sempre ogni figura è ben delineata e incastrata perfettamente con le altre, niente è di troppo. (Forse alcuni passaggi con sensi di colpa e rimorsi lo sono.) L'unico neo, che però è grande quanto il libro è che in copertina non dovrebbe eserci scritto "un caso per l'ispettore Lynley" perchè non c'è neppure un caso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Matelda
18 Agosto, 2016
Ultimo aggiornamento:
18 Agosto, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Sonia , hai focalizzato come meglio non si potrebbe i pro ( che sono tanti) e i contro ( che sono purtroppo molti ,ma molti di più) di questo libro della George.
Aggiungo che , in teoria ,l'indagine su un delitto che poi si rivela non avvenuto ,poteva essere una idea spiazzante e vincente , se sviluppata ed eseguita con la debita maestria.
Invece non è stato così. E' come se certe situazioni, la psicologia dei personaggi il meccanismo stesso della vicenda procedessero e si ripetessero stancamente senza un guizzo , una scintilla , in una sorta di grigiore.
Speriamo che si tratti un periodo - lungo , lo riconosco, di stanca.
Grazie , mi hai fatto riflettere. Grazie ancora. sonia
Grazie a te
forse per la George è arrivato il momento di salutare Lynley e compagni ed inventersi qualche personaggio nuovo
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri