Un castello di inganni Un castello di inganni

Un castello di inganni

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


A chiamare in causa Scotland Yard è Bernard Fairclough, baronetto di recente nomina e ricco industriale, convinto che la morte per annegamento di suo nipote Ian, archiviata dal coroner come accidentale, sia stata in realtà un omicidio. Affiancato da Deborah e Simon St. James, che lo seguono in incognito, Lynley si ritrova a frugare tra gli scheletri nell’armadio di molte «rispettabili» persone, costretto a mettere in discussione persino gli affetti più cari. E le sorprese non mancano negli armadi di casa Fairclough.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
2.0  (3)
Piacevolezza 
 
2.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un castello di inganni 2016-08-14 09:38:24 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    14 Agosto, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Commedia degli equivoci

Il sottotitolo di questo libro potrebbe essere "la giornata del dilettante". A fianco dei soliti investigatori professionisti: i già noti Lynley, Barbara e St James, si aggiungono infatti una serie di personaggi che si dedicano solo per questa volta all'attività investigativa. Così la bella moglie di St James, un giornalista ed alcuni familiari della vittima si mettono a cercare per conto loro arrivando a risultati inaspettati. Inutile dire che tutta questa abbondanza di cervelli sopra un unico caso non fa altro che confondere le acque, creare fraintendimenti, liti ed errori di valutazione. Pensare che si trattatva di un'indagine semplice: verificare che una morte liquidata dalla polizia locale come incidente lo fosse davvero.
Non so esattamente come catalogare questo romanzo: dramma, commedia forse ma non thriller. L'indagne in realtà è del tutto marginale e non ha i classici elementi che caratterizano un giallo. Il centro della scena è dominato dalle vicende e soprattutto dai dolori dei protagonisti. Chi si dispera per ciò che ha fatto, chi nasconde ciò di cui ha paura, chi nega l'ovvio. e poi c'è chi fruga nel torbido e sulla base delle proprie esperienze personali tira conclusioni non sempre esatte su ciò che ha scoperto.
In questo trovo tutta l'ablità della George. inserire molti personaggi ognuno dei quali ha una propria personalità ben distinta, ognuno dei quali ha un senso preciso nella trama. Come sempre ogni figura è ben delineata e incastrata perfettamente con le altre, niente è di troppo. (Forse alcuni passaggi con sensi di colpa e rimorsi lo sono.) L'unico neo, che però è grande quanto il libro è che in copertina non dovrebbe eserci scritto "un caso per l'ispettore Lynley" perchè non c'è neppure un caso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Un castello di inganni 2013-04-25 18:18:05 Matelda
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Matelda Opinione inserita da Matelda    25 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN CASTELLO DI ...DELUSIONI


A partire da "Dicembre è un mese crudele" mi pare che E.George, ormai lontanissima . dai grandi gialli di un tempo, quali ad es."E liberaci dal padre", abbia decisamente imboccato la via del declino . L'idea di partenza poteva essere buona, ma la psicologia dei personaggi principali è spesso inutilmente complicata, L'azione procede lentamente e con colpi di scena - si fa per dire- discutibili: la moglie del "figliol prodigo" ravveduto.I personaggi di sempre - Barbara, Linley, Saint James- si ripetono stancamente . Grazie alla logorroica e monotematica Deborah, il lettore può desumere un vero e proprio manuale sula maternità assistita.So di essere molto severa, ma chi, come me, ha letto ed ha in bilblioteca tutti i precedenti libri della George, purtroppo rimane molto deluso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altri libri di E.George, quando raggiungeva un livello molto più alto ed è capace di si rassegna al suo declino
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un castello di inganni 2012-12-15 10:04:12 Serena 76
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Serena 76    15 Dicembre, 2012

Credevo meglio

Un romanzo che parla di un delitto, motivo per cui Linley, Deborah e St. James vanno in Cumbria, ma in realtà non c'è nessun delitto. Tutto è imperniato su una famiglia e i loro panni sporchi. Ben scritto, però è già il secondo che leggo della George (l'altro era Dicembre è un mese crudele), in cui è tutto giocato sulla psicolgogia, troppo, secondo me.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri