Dettagli Recensione

 
Lunar park
 
Lunar park 2017-12-14 13:40:39 Micaela
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Micaela    14 Dicembre, 2017

Stephen King si nasce, non si diventa

Tirato per i capelli (e infatti parte con una sorta di excursus autobiografico infarcito di dettagli probabilmente inventati), condito di descrizioni grand guignole tanto per citare se stesso (American Psycho in primis). Ancora una volta il fiacco panorama di droghe e personaggi psicotici senza midollo, festini-orge da jet set, ragazzini inzeppati di psicofarmaci che odiano gli adulti, ma stavolta con un inedito senso di inadeguatezza letteraria assai raro. Leggo King da sempre e ormai so bene come distinguere un buon horror. Questo non lo è. Si ha l'impressione che sia stato scritto una pagina dietro l'altra, senza idee, trascinato dalla noia di trovare un finale possibile. A Ellis, ma quando cresci??

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri