Dettagli Recensione

 
La settima funzione del linguaggio
 
La settima funzione del linguaggio 2018-05-31 17:42:19 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    31 Mag, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un colto thriller filosofico

Laurrent Binet, classe 1972, nel 2010 si è aggiudicato il prestigioso premio Prix Goucourt du Premier Roman con il suo primo romanzo HHhH (Einaudi). Ora scrive La settima funzione del linguaggio.

La settima funzione del linguaggio è un gioco narrativo molto divertente ed appassionante, sia per l’idea che per lo stile del narrato. L’autore usa personaggi e fatti realmente esistiti, stravolgendo, però, il corso della storia con un ottimo esercizio di fantasia. E per far questo si serve del genere giallo; ottenendo, così operando, di tenere il lettore incollato alla lettura.

Si inizia dal febbraio 1980, giorno in cui Roland Barthes viene investito da un furgone di una lavanderia, appena dopo essere stato a pranzo con Francois Mitterand. Le conseguenze dell’incidente conducono il semiologo alla morte. Il commissario Jacques Bayard è convinto che non si tratti di una fatalità e inizia così una sua personale e serrata indagine tra intellettuali e politici. Ad aiutarlo c’è un giovane e mite professore di semiologia: Simon Herzog. I due, una coppia alquanto mal assortita, seguono la pista dell’intrigo internazionale. Incontrano persone straordinarie, quali: Umberto Eco, Michel Foucault, Jean-Paul Sartre, Gilles Deleuze. Ma non solo: spie russe, bulgare, giapponesi. L’obiettivo è di capire il perché della sottrazione dei documenti che Barthes aveva con sé. Forse determinante è stata la sua scoperta: la settima funzione del linguaggio, un’aggiunta alle sei funzioni linguistiche teorizzate da Roman Jakobson, che permetterebbe di evocare il più grande potere dell’oralità: quello della persuasione.

Il vero protagonista di questo testo è la storia del linguaggio, che qui diventa la metafora del potere assoluto, come dichiarato dallo steso Binet in una intervista, perché:

“Il linguaggio è l’arma del potere assoluto e la fantasia è il pensare di poterla possedere.”.

Un romanzo geniale e brillantissimo, ironico e satirico, quanto profondo e coltissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri